Suggerimenti

Tepojal per piante: cos’è, a cosa serve e come si usa

Il tepojal o tepezil è un prezioso alleato nella cura di piante di ogni tipo, poiché fornisce numerose proprietà benefiche al terreno o al substrato, rendendo la sua composizione molto migliore per le piante se mescolato al terreno normale.

Tuttavia, questa preziosa risorsa sotto forma di pietra pomice vulcanica è ancora sconosciuta a molti appassionati. Se vuoi imparare come creare il tuo substrato di tepojal per migliorare la salute delle tue piante, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde in cui spieghiamo cos’è il tepojal per le piante, a cosa serve e come viene utilizzato.

Cos’è il tepezil o il tepojal per le piante

Tepojal o tepezil è una roccia di origine vulcanica, che in molti luoghi viene chiamata pietra pomice, perché è una pietra pomice. Tuttavia, quest’ultimo modo di chiamarla può cambiare a seconda del paese o della zona, quindi quella che in alcuni luoghi viene chiamata pietra pomice viene chiamata tepojal in altri e in altri luoghi vengono chiamati così due diversi tipi di pietre.

È un materiale le cui proprietà migliorano la composizione del terreno per la coltivazione di praticamente qualsiasi specie di pianta, motivo per cui è ampiamente utilizzato nel giardinaggio biologico e nell’orticoltura, oltre ai suoi altri usi come materiale da costruzione.

Tepojal include nella sua composizione i seguenti elementi: biossido di silicio, ossido di alluminio, ferro e ossidi ferrici e ferrosi, sodio, potassio, calcio, ossido di magnesio e biossido di titanio. Tutti questi sono componenti utili per le piante.

Cos’è il tepojal per le piante

I benefici del tepojal per le piante sono molto vari.

  • Per cominciare, questa pietra alleggerisce il terreno. Il substrato tepojal o tepejil è un materiale più leggero del comune terriccio o substrato, quindi collabora a rendere l’impasto più leggero e lasso, compattandosi meno e, quindi, favorendo l’aerazione delle radici e un facile sviluppo per la pianta.
  • Per lo stesso motivo è anche un ottimo alleato quando si tratta di migliorare la capacità drenante di un suolo, cosa fondamentale nella stragrande maggioranza delle specie: pochissime piante tollerano i terreni allagati. Le piante grasse, le cui radici sono particolarmente sensibili all’umidità in eccesso, sono particolarmente avvantaggiate dall’uso di questo materiale.
  • La sua consistenza porosa lo rende un materiale molto assorbente. Questo gli permette di assorbire sia acqua che fertilizzanti, fungicidi o pesticidi, rilasciandoli continuamente e lentamente, migliorandone così le prestazioni. Questo è anche un grande aiuto per mantenere i livelli di umidità del suolo controllati.
  • Alleggerendo il terreno, facilita il lavoro di dissodamento. Rimuovere e aerare il terreno con tepojal è più veloce e più comodo.
  • Mantenendo adeguati livelli di umidità, diventa necessario annaffiare meno frequentemente e aiuta a prevenire la comparsa di crepe o croste nel terreno dovute all’effetto del sole.
  • È chimicamente inerte e ha un pH neutro, quindi non pregiudica l’equilibrio del suolo.
  • Non favorisce la comparsa di funghi o parassiti di alcun genere, risultando molto utile per la coltivazione idroponica e per talee.
  • Viene spesso utilizzato anche nella formazione di giardini verticali o tetti coltivati, poiché aiuta a ridurre notevolmente il peso del substrato da utilizzare, a beneficio anche della coltura.
  • È un materiale non organico, quindi può essere riutilizzato senza perdere le sue proprietà o degradarsi a breve termine.
  • La sua composizione è ricca di una grande quantità di micronutrienti e macronutrienti essenziali per le piante, come il ferro, vitale per la formazione della clorofilla, o il potassio, che favorisce la crescita delle radici.

Come viene usato il tepojal per le piante

L’ uso del substrato di tepojal per le piante è molto semplice. È solo necessario mescolare una parte di questo materiale con il terreno o il substrato in cui coltiveremo. Ecco alcuni suggerimenti:

  • A volte possiamo limitarci a stendere uno strato di tepojal sul terreno o substrato, alla base della pianta. In questo modo creiamo un isolamento tra la pianta e il terreno, aiutando a tenerlo lontano dall’umidità in eccesso e mantenendo una temperatura più stabile sul terreno.
  • Se però si vuole alleggerire il terreno e migliorarne le proprietà drenanti e nutritive, è meglio mescolarlo, cercando di omogeneizzare il più possibile l’impasto. Il bello del tepojal o del tepezil è che, a differenza di altri materiali simili, ha un peso leggermente superiore, quindi si mescola meglio con il terreno invece di tendere a salire in superficie.

Vi consigliamo di leggere questo altro articolo su Come realizzare un substrato per cactus e succulente.

Cosa può essere usato come sostituto del tepojal

Sia che tu voglia sapere cosa può essere usato come sostituto del tepojal o quali altri materiali il tepojal può sostituire, tieni presente che solitamente viene utilizzato come sostituto, o viceversa, per altri tipi di pietre porose.

Pertanto, tepojal o tepezil viene solitamente utilizzato insieme a perlite o vermiculite. Sono materiali di composizione simile, che svolgono funzioni simili e con piccole variazioni di spessore, granularità o colore. La vermiculite è quella che delle tre trattiene la maggior quantità di acqua, ed è quindi più adatta alle piante che ne hanno un maggior bisogno. Per il resto si possono usare indistintamente a seconda del gusto, anche se è molto comune anche mescolarli per godere delle proprietà di tutti loro.

Qui puoi saperne di più su cos’è la vermiculite, i suoi usi e come realizzare un substrato con essa.

Se desideri leggere altri articoli simili a Tepojal per piante: che cos’è, a cosa serve e come si usa, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.