Suggerimenti

Cosa sono gli oli essenziali? E il Chemiotipo? Hanno controindicazioni?

Oli essenziali: molto più che aromi . In questo articolo scopriremo tutte le informazioni che dovresti sapere sugli oli essenziali: cosa sono, qual è il chemiotipo di un olio essenziale, proprietà e usi degli oli essenziali, precauzioni nel loro utilizzo e quali controindicazioni ci sono nell’uso degli oli essenziali .

Gli oli essenziali, fonte di ispirazione in profumeria e cosmesi, hanno oggi una varietà molto più ampia di utilizzi in cosmetica, alimentare e persino in trattamenti complementari alla medicina tradizionale.

La guarigione con le piante ha più di 10.000 anni, sviluppata nel corso dei secoli da culture diverse, siamo ancora a conoscenza della fitoterapia dalla medicina tradizionale cinese e indù (Ayurveda). L’ aromaterapia è uno dei suoi rami più sviluppati nel XX secolo come trattamento che utilizza oli essenziali estratti dalle piante.

Non perderti il ​​video che abbiamo preparato per te! È alla fine del post ed è un riassunto molto interessante.

Cosa sono gli oli essenziali?

Gli oli essenziali contengono le parti volatili delle piante medicinali e aromatiche, che vengono estratte mediante strippaggio a vapore o idrodistillazione. Sono miscele complesse di costituenti organici che si possono ottenere da diverse parti della pianta: fiori, semi, frutti, steli, resine, o anche radici .

Per mezzo del vapore acqueo, dopo essere passato attraverso la materia vegetale, viene condensato attraverso un processo di raffreddamento. Da questa si ottiene una fase acquosa, detta alofita essenziale (acqua essenziale ), e una fase oleosa, detta olio essenziale che, galleggiando o affondando, è possibile separare dalla fase acquosa.

La resa della distillazione è compresa tra una e cento gocce di olio essenziale per chilogrammo di pianta.

A causa dell’elevata concentrazione di oli essenziali, possono irritare la pelle e le mucose, motivo per cui, nella maggior parte dei casi, vengono applicati diluiti in olio vegetale o chiamati anche olio base o diluiti in glicerina.

Gli oli di base o vegetali più comunemente utilizzati oli essenziali sono l’olio di mandorle dolci , olio di argan , olio di avocado , olio di cocco e anche olio di rosa canina .

La distillazione degli oli essenziali ha secoli di storia a cui hanno partecipato diverse culture. Gli Arabi fecero passi da gigante nella distillazione e fu durante il Medioevo che questa conoscenza si diffuse. Ma fu solo nel 1928 quando nacque l’aromaterapia moderna, per mano del chimico francese RM Gattefossé , che sperimentò l’ azione terapeutica degli oli essenziali .

Leggi 35 usi dell’olio essenziale di tè

Chemiotipo di oli essenziali

La cosiddetta “aromaterapia scientifica” o “medicina aromatica” emerse solo circa 15 anni fa, sulla base di ricerche di farmacisti e biologi che determinarono la nozione di chemiotipo o razza chimica degli oli essenziali .

Il gruppo di individui di una specie che si distingue in modo significativo dal resto in base alla sua composizione chimica è chiamato chemiotipo. In base a questo, il chemiotipo di un olio essenziale è la classificazione chimica, biologica e botanica della molecola con la maggiore presenza nell’olio.

Questa classificazione dipende da molti fattori che influenzano la composizione chimica legata alle condizioni di vita della pianta da cui è stato estratto l’olio essenziale, quali: clima, regione geografica, esposizione al sole, altre piante, il periodo di raccolta, tra altri.

Questa determinazione ha rivelato che, ad esempio, nel caso del timo ( Thymus vulgaris L.) del Mediterraneo occidentale sono presenti sette diversi chemiotipi.

L’importanza del chemiotipo è che permette di definire l’attività terapeutica di uno specifico olio essenziale . Per questo motivo l’aromaterapia oggi richiede la conoscenza della botanica e degli elementi chimici costituenti per una rigorosa padronanza delle precauzioni per l’uso degli oli essenziali in termini di dosaggio, dosaggio, istruzioni per l’uso e controindicazioni .

Un olio essenziale prescritto deve essere chemiotipizzato, certificato biologico e puro e naturale al 100%.

Leggi Olio essenziale di rosmarino, proprietà e usi

Proprietà e usi degli Oli Essenziali

Gli oli essenziali sono, tra le altre, materie prime industriali per le fragranze (come profumi, cosmetici, prodotti per l’igiene e la pulizia, per mascherare il cattivo odore di componenti in plastica, tessuti, cancelleria o vernici), per fornire aromi e sapori (nei prodotti alimentari, dolciari , latticini, carni lavorate, condimenti, bevande) e per altre industrie chimiche (quali battericidi, insetticidi, solventi).

Negli ultimi tempi, spiccano soprattutto nella medicina complementare:

  • L’olio essenziale di timo, chiodi di garofano, menta e origano, per le sue proprietà antisettiche.
  • L’ olio essenziale di eucalipto e boldo, per le loro proprietà antielmintiche o antiparassitarie.
  • L’olio essenziale di camomilla tedesca, per le sue proprietà antinfiammatorie.
  • L’ olio essenziale di lavanda e limone, per il loro effetto sul sistema nervoso centrale.
  • L’olio essenziale di pino e timo per i suoi effetti sull’apparato respiratorio.

Sebbene siano molte le proprietà degli Oli Essenziali , alcune non sono state ancora completamente studiate e non hanno un uso definito nell’industria farmaceutica o nella medicina complementare. Sono considerati principalmente per la volatilità, essendo ideali per nebulizzazioni, bagni ad immersione o per inalazioni.

Oli essenziali come trattamento terapeutico complementare

Come vengono utilizzati gli oli essenziali?

Grazie alla loro permeabilità, gli oli essenziali penetrano attraverso la pelle e le mucose (bocca, naso, faringe) e il tratto gastrointestinale, quindi possono essere somministrati per via orale, respiratoria o dermica .

  • La via respiratoria o inalatoria ha il vantaggio di non essere invasiva, poiché le molecole si diffondono nell’atmosfera sotto forma di microparticelle, permettendo loro di entrare in contatto diretto con il sistema nervoso centrale attraverso l’olfatto.
  • Per quanto riguarda la via orale , va notato che di solito vengono somministrati sotto stretto controllo delle dosi massime possibili, poiché passano attraverso il processo di digestione e di elaborazione enzimatica nel fegato.
  • Attraverso la pelle , gli oli essenziali passano attraverso l’epidermide e, in pochi minuti, vengono trasportati dalla linfa e dai vasi sanguigni in tutto il corpo. Si applicano a basse concentrazioni e diluite, al fine di evitare irritazioni, sensibilizzazione ed effetti fototossici (pigmentazione dovuta all’esposizione alla luce, che provoca macchie sulla pelle ).

Leggi l’ olio essenziale di bergamotto, proprietà e usi

Precauzioni e controindicazioni nell’uso degli oli essenziali

Come è stato considerato, gli oli essenziali sono prodotti altamente concentrati, potenzialmente pericolosi che possono essere tossici e persino letali .

Gli oli essenziali non devono essere usati durante la gravidanza e l’allattamento.

Gli oli essenziali non devono essere somministrati nei bambini al di sotto dei 2 anni e nei bambini al di sotto dei 12 anni va sempre fatto sotto la supervisione di uno specialista.

Si sconsiglia di ingerirli se non con indicazioni specifiche e rigorosamente controllate in termini di dosaggio e durata del trattamento da parte di uno specialista.

Sia per i trattamenti dermici che per quelli inalatori si consiglia di leggere attentamente le etichette dei prodotti commercializzati, è molto importante considerare le specifiche di utilizzo e i sigilli o certificazioni di qualità.

Gli oli chemiotipizzati (QT) indicano il loro livello di tolleranza nei diversi usi e, in alcuni paesi, portano anche una certificazione BIO, che garantisce che provengono da agricoltura biologica, dimostrandosi al 100% puri e naturali al 100%.

.

Queste sono informazioni generali e in nessun caso sostituiscono il consiglio di un operatore sanitario.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *