Suggerimenti

Aster: [coltivazione, irrigazione, cura, parassiti e malattie]

Aster è un genere di piante da fiore della famiglia delle Asteraceae . Ci sono migliaia di specie in tutto il mondo. Tra i più popolari ci sono: A. alpinus, A. pyrenaeus, A. squamatus, A. tripolium , tra gli altri.

Una delle specie più apprezzate è l’ Aster alpinus , originario delle Alpi europee e dei Pirenei spagnoli. Attualmente è considerata una delle margherite più belle dei Pirenei.

Chiamata anche camomilla del pastore , si caratterizza per essere rustica, resistente , di rapida crescita, oltre che per avere fiori molto vistosi simili a margherite.

Punti importanti quando si seminano gli astri
  • Nome scientifico: Aster Alpinus.
  • Nome comune: Aster, Camomilla del pastore, Margherita blu alpina, Stella alpina.
  • Altezza: 25 centimetri.
  • Fabbisogno di luce: Sole.
  • Temperatura: climi freddi e temperati (da 15ºC a 17ºC).
  • Irrigazione: Bassa.
  • Fertilizzante : fertilizzante organico.

Quali sono le caratteristiche degli astri?

L’ astro alpino è una pianta erbacea perenne di medie dimensioni che raggiunge i 20-30 centimetri di altezza. È ancorato al suolo mediante radici corte, ramificate e orizzontali.

I suoi fusti sono eretti e semplici, senza ramificazioni. Ha fogliame composto da foglie basali e caulinari di colore verde scuro. Le foglie basali sono lame spatolate, con peli tector; caulinares tendono ad essere più lunghi e stretti.

Il fiore dell’astro alpino è un capitolo, cioè un’infiorescenza che si allarga a formare un ricettacolo giallo, circondato da lunghe brattee. Può misurare da 3 a 5 centimetri di larghezza e ha un colore blu-viola.

L’ aster fiorisce in modo variabile in estate , nei mesi da giugno a ottobre. Inoltre i suoi frutti sotto forma di acheni maturano all’inizio dell’autunno , durante il mese di agosto.

Quando seminare gli astri?

Si consiglia di seminare per seme in autunno. Se si desidera seminare per divisione o per telaio freddo, è consigliabile farlo in primavera , quando le temperature non sono inferiori a 10ºC o 8ºC.

Dove piantare gli astri?

Uno degli aspetti fondamentali per coltivare la pianta del aster è a posto è in una zona dove ricevere direttamente la luce del sole tutto il giorno, o meno per un periodo di 3 ore.

Nelle zone con climi più caldi e asciutti, sarà conveniente piantarla in mezz’ombra per fornire protezione ed evitare che si disidrati o si bruci alla luce del sole.

D’altra parte, gli astri sono resistenti al gelo. Può infatti tollerare senza problemi le basse temperature, con un limite di -28 ºC. Tuttavia, ha bisogno di almeno 3 mesi a temperature calde per riprodursi correttamente.

Come preparare il terreno?

L’ astro alpino si adatta facilmente a qualsiasi tipo di terreno, ma si riproduce al meglio in terreni poveri o con medio contenuto di nutrienti. Dovrebbero anche essere moderatamente umidi, decompressi, drenati e con un pH compreso tra 6 e 7,5.

Allo stesso modo, può essere seminato in terreni argillosi o limosi, ma la sua crescita sarà molto più lenta. In queste condizioni si può aggiungere sabbia, tepojal o perlite, favorendo la capacità drenante del supporto .

Per quanto riguarda la fertilizzazione, questo non è necessario. Tuttavia, i fertilizzanti a lenta cessione a volte possono essere applicati durante la pre-impianto, se il terreno lo richiede.

Come innaffiamo gli astri?

La pianta degli astri alpini non richiede un elevato consumo di acqua. Infatti non tollera acqua in eccesso o pozzanghere. Bisogna annaffiare quanto necessario per dare al substrato l’umidità necessaria allo sviluppo, soprattutto durante il periodo di crescita e quando il terreno è semisecco.

È anche importante innaffiare solo l’area delle radici e non il fogliame, a meno che non lo impongano le specifiche del seme o del coltivatore.

Quante volte innaffiamo gli astri?

Va annaffiato frequentemente ma in piccole quantità, circa 2 o 3 volte a settimana, facendo più attenzione durante le stagioni calde o secche.

Si consiglia di ridurre o sospendere l’irrigazione negli altri mesi dell’anno, in quanto sono periodi in cui la pianta riposa e non ha bisogno di tanti nutrienti per sopravvivere.

Come seminare un aster passo dopo passo?

L’ impianto di aster alpino può essere coltivata per seme e metodi vegetative. I passaggi da seguire in ogni caso sono condivisi di seguito.

Per semi

In alcuni casi, i semi di aster alpino devono passare attraverso il processo di stratificazione a freddo. Per fare questo, puoi mettere i semi in un sacchetto con la torba bagnata, metterli in frigorifero a 5ºC per 4-6 settimane e seguire i passaggi indicati.

  1. Metti i semi di aster in un contenitore e coprili finemente con vermiculite o substrato universale, a una temperatura compresa tra 18ºC e 21ºC.
  2. Effettuare annaffiature frequenti e delicate con un flacone spray per 2 o 4 settimane per mantenere l’umidità del substrato.
  3. Attendi che le piantine abbiano un paio di foglie vere e trapiantale dopo l’ultima gelata.

Per divisione

  1. Estrai un cespuglio maturo dall’aster e, usando uno strumento affilato e sterilizzato, dividi con cura il sistema radicale insieme a steli e foglie.
  2. Semina le diverse sezioni, in piena terra o in vaso.

Per talea

  1. Da una pianta matura, prendi uno stelo con nuove foglie e taglia una sezione lunga da 6 a 8 pollici.
  2. Immergere il lato della base in un liquido con ormoni radicanti e metterlo in una pentola con substrato universale inumidito a una profondità di 5 centimetri.
  3. Attendi un paio di settimane affinché le radici inizino a crescere.
  4. Non appena la talea inizia a mostrare segni di crescita, trapiantarla nel terreno.

Di che cure hanno bisogno gli astri?

L’ astro alpino non richiede cure particolari. Tuttavia, è possibile rimuovere fiori, foglie o steli appassiti fino a prima di settembre, in modo da non accelerare la crescita dei germogli.

D’altra parte, per promuovere una crescita sana, le piante dovrebbero essere divise ogni 3 o 4 anni. In questo modo le piante diventeranno più forti.

Quali parassiti e malattie colpiscono gli astri?

L’ astro alpino può essere attaccato da peronospora, fungo Botrytis, mosca bianca , tripidi, lumache e afidi. In caso di malattie può essere colpita da avvizzimento, macchie fogliari e muffa grigia.

Riferimenti

  • http://www.michelena.eus/pdfs/monogs/monograficas_18.pdf
  • https://www.asturnatura.com/especie/aster-alpinus.html
  • https://www.jardineriaon.com/aster.html
  • https://gardenerspath.com/plants/flowers/alpine-aster/
  • https://www.almanac.com/plant/asters
  • https://www.mygardenlife.com/plant-library/1285/aster/alpinus
  • https://www.jelitto.com/Seed/Perennials/ASTER+alpinus+Portion+s.html
  • https://es.wikipedia.org/wiki/Aster_alpinus
  • https://www.ecured.cu/Aster

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.