Suggerimenti

4 erbe cattive molto comuni in giardino e come combatterle

Ciao Agrohuerters! Come va? In questo nuovo articolo vorremmo parlare delle erbacce da giardino che possiamo trovare nel nostro giardino. Alcuni dei peggiori nemici che abbiamo nei frutteti e che vogliamo far conoscere in modo più chiaro con nomi e cognomi. Sembra l’inizio di un rapporto sui più ricercati dalla Polizia, ma, più o meno nel nostro giardino, spesso producono situazioni abbastanza spiacevoli per il nostro lavoro. Quindi vedremo 4 erbacce con le quali dobbiamo stare attenti. Vai per loro!

1. Avena pazza  (Avena spp.) Una delle erbacce del giardino

Conosciuto anche come Ballueca o Cogulla, le sue specie più comuni sono  Avena fatua, Avena sterillis  e all’interno di questa  Avena sterillis subs. Ludovica . È una specie molto diffusa tra le coltivazioni di cereali, come frumento e orzo, in tutta l’area mediterranea ed è uno dei maggiori problemi affrontati dagli agricoltori.

L’avena pazza è una monocotiledone appartenente alla famiglia delle  Graminacee che può essere difficile da differenziare dall’avena, pertanto, per differenziarla, si possono avere chiare le seguenti caratteristiche:

  • Pre-fioritura : Arrotolata
  • Pelosità : sul margine del limbus o inesistente.
  • Atri : non ha atri. Ricorda che è un’appendice fogliare che compare sotto la lama
  • Ligula : Membranosa e ben sviluppata.
  • Le prime due foglie tendono ad essere arricciate in senso antiorario, a differenza dell’orzo o del frumento.
  • Attirano l’attenzione le colture messe in filare , le piante nate tra le file, che di solito sono di avena pazza.
  • Colore : diverso dal raccolto.
  • Guarda il seme : Avviando la pianta poco dopo la sua nascita, puoi vedere il seme alla fine della radice

Il modo migliore per risolverlo è la rotazione delle colture e l’uso di tecniche di lavorazione del terreno in modo ideale in modo che non si ripresentino.

2. Cardo fuso  (Cirsium arvense)

Cirsium arvense  è una delle infestanti dicotiledoni del giardino che è  ben nota e riconosciuta in molti frutteti, anche se vediamo che ha molti nomi a seconda della zona in cui viviamo, come cardo, cardo bianco, cardo borriquero, cardo burrero , cardo condidor, cardo cundidor, cardo palla, cardo emorroidario, cardo erede, cardo odoroso, cardo selvatico, cardo selvatico, chupaderos, ginetes, negrillo, ramoncillo nero, ramoncillo odoroso, serilla.

È una pianta perenne il cui periodo di germinazione inizia in primavera e fioritura in estate, che ha una radice centrale profonda e radici forti.

Le forme di controllo che possiamo applicare per sradicare questa erba possono essere:

  • Se si esegue un aratro superficiale, fare molta attenzione con l’attrezzo che utilizziamo poiché se utilizziamo un mulo meccanico e utilizziamo dischi, possiamo aiutare il cardo a riprodursi più facilmente. Si consiglia un’aratura profonda .
  • Rotazione delle colture e nel caso si disponga di foraggio o cereali si consigliano due sfalci all’anno
  • Combinazione di colture , mescolando colture estive e invernali
  • Se osserviamo la pianta nel nostro giardino, rimuovila prima che fiorisca

3.  Portulaca (Portulaca olerácea)

È una delle  erbacce del giardino, l’ abbiamo vista già nell’articolo  10 PIANTE SELVATICHE CHE POSSIAMO MANGIARE (parte II) , è una pianta annuale delle famiglie delle Portulacáceas che può raggiungere circa 40 cm di altezza. Come sai è una pianta che si riconosce meglio dalle foglie che dai fiori e che si diffonde molto velocemente in tutto il giardino.

Sappiamo già che questa pianta è diuretica, vermifuga e antiscorbutica dal sapore acido, e che viene utilizzata nelle insalate; ma può diventare una pianta invasiva nel nostro giardino e creare danni produttivi nei nostri terrazzi.

Per le sue caratteristiche è una pianta dicotiledone annuale della famiglia delle Portulacaceae. Quello che consiglio per il suo controllo è rimuoverlo dalle radici del tuo giardino e usarlo per mangiare. Vi parlo di rimuoverlo alle radici perché come ho detto prima, può essere molto invasivo

4. Cerraja  (Sonchus oleraceus) 

Ho scoperto che la Cerraja può essere chiamata altre varietà di Sonchus, ma in questo caso ho scelto Sonchus oleraceus  che, secondo diversi erbari che ho consultato, è la Cerraja comune (se non ci credete ditemelo). Questo è molto comune tra le erbacce in giardino .

Questa erba della famiglia  delle Asteraceae  è un’erba annuale che in spagnolo è conosciuta con molti nomi come  azapuercos, borrajas, camorroja, cardenca, cardeña, cardo mariano, cardo meleño, cardo da latte, carduncha, carrajón, cerraja, cerraja cora, cerraja edge , serratura castigliana, serratura comune, serrature, serratura, serratura ruvida, serratura ensalá, serratura imperiale, serratura pavero, cicoria, cicorie dolci, dente di leone, foraggio, maialino da latte, lechecilla, lechecillo, lechecino, lechera, lecheras, casari, maialino da latte, lechocino, maialino da latte, lechuguilla, stronzo, seghettato, serrajas, ternillo, gardabera, ñilgüe, appiattito.

È un’erba che presenta piccole spine ai margini delle foglie verdi e un caratteristico fiore giallo . È un’altra pianta che può essere utilizzata anche per il consumo, come le sue foglie che vengono utilizzate come stimolante dell’appetito . Il controllo che consiglio è lo stesso del precedente. Ho visto a volte il fabbro nel mio giardino e per sradicarlo ho preso la zappa e l’ho sradicato per evitare che comparisse in altre zone.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.