Suggerimenti

Talee di origano: [Innesto, Stagione, Radicazione e Semina]

L’origano è molto conosciuto e apprezzato per le sue eccellenti qualità gastronomiche e medicinali.

Infatti è uno dei condimenti preferiti per il valore che danno alle preparazioni, soprattutto quelle a base di carne.

Soprattutto, è del tutto possibile riprodurlo per talea, senza dover affrontare procedure più complesse.

Pertanto, vi invitiamo ad unirvi a noi perché nelle prossime righe impareremo a lavorare correttamente l’ origano per talea

Con quali altre piante o alberi possiamo innestare la talea di origano?

Le caratteristiche dell’origano rendono difficile che sia una specie adatta a subire processi di innesto. Questo perché si riproduce bene, è resistente e ha ottime proprietà che non vale la pena rischiare.

Qual è il momento migliore per piantare talee di origano?

La stagione migliore per piantare l’origano per talea è la primavera .

Questo per evitare di sottoporre la pianta giovanile al gelo. Successivamente, la pianta adulta tollera molto bene il freddo.

In altri tipi di climi senza stagioni è preferibile piantare per talea all’inizio della stagione secca. L’incontro con questi importanti dettagli garantirà una pianta di origano sana per il futuro.

Bene, non si tratta solo di eseguire correttamente la tecnica di taglio, ma devi anche sapere quando farlo.

Come far radicare correttamente le talee di origano?

Le talee di origano sono particolarmente facili da riprodurre, quindi non prendere misure eccessive per ottenere buoni risultati.

L’uso di ormoni radicanti è un buon piano per accelerare il processo , ma non è essenziale.

Un’altra informazione importante prima di procedere con la semina delle talee è applicare su di esse uno strato di fungicida , in quanto eviterà la comparsa di microrganismi. La scelta del vaso per la semina dipenderà molto dal numero di talee da utilizzare.

Il più comune è lavorare con più di un taglio, quindi devi fornire una separazione appropriata tra uno e l’altro per farli prosperare. Per quanto riguarda il supporto , può essere di tipo universale senza inconvenienti, garantendo una buona capacità drenante.

Quindi, si deve procedere ad interrare accuratamente le talee e poi innaffiare abbondantemente in modo che l’intero substrato sia ben inumidito. L’irrigazione non dovrebbe interrompersi in questo momento ma dovrebbe essere garantito un buon apporto di acqua durante tutta la fase di radicazione.

L’origano prospererà bene sia che sia tenuto in uno spazio semiombreggiato o in pieno sole. Quello che bisogna tenere in considerazione è di non sottoporle a basse temperature quando sono ancora in fase di sviluppo.

Come dovremmo prendere le talee di origano per piantarle?

La selezione delle talee partirà dalla lunghezza, essendo preferibili quelle che misurano tra i 20 ei 30 centimetri.

Per quanto riguarda la struttura, le migliori allo scopo saranno quelle di buon spessore, riconoscibili per il colore rossastro.

Anche la presenza delle foglie è un buon modo per decidere, poiché sono di colore verde scuro con una struttura ampia.

Si consiglia invece di effettuare il taglio in un momento della giornata in cui la temperatura non è molto elevata. In questo modo si eviterà la disidratazione accelerata del taglio.

Quanto tempo dobbiamo lasciare le talee di origano in acqua?

Le talee di origano possono essere lavorate anche in acqua per farle riprodurre le radici in questo ambiente ad alta umidità prima della semina.

Qui l’ideale è prendere i rami selezionati e immergerli in un bicchiere trasparente con dell’acqua. Questo bicchiere deve essere conservato in un luogo dove riceve luce solare indiretta per gran parte della giornata.

L’acqua deve essere cambiata ogni due giorni per evitare la putrefazione. La cosa buona di questo metodo è che rende facile avere il controllo sullo sviluppo delle radici ad occhio nudo. Dopo che le radici sono visibili, possono essere trasferite in un vaso con del terreno per continuare il loro sviluppo.

È conveniente usare il compost o il compost?

L’uso del compost nella piantumazione dell’origano non è necessario perché è una pianta che può prosperare bene nelle condizioni più avverseMa se hai una terra con un alto livello di nutrizione, non ci saranno grossi inconvenienti perché non è qualcosa che ti danneggerà.

Quanto tempo ci vuole di solito per uscire un taglio di origano?

Una talea di origano impiegherà in media 4-6 settimane affinché il suo apparato radicale sia presente.

Se la semina è stata fatta in vaso di proporzioni adeguate, il trapianto non sarà necessario .

Tuttavia, quando si vorrà averlo all’esterno , questo passaggio sarà fondamentale ed è indispensabile aprire dei solchi che aiutino la circolazione dell’acqua. Del resto, bisognerà solo aspettare che sia pronto per sfruttare le sue foglie.

Se vuoi approfondire, puoi vedere: seminare origano non è mai stato così facile .

 

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.