Suggerimenti

Come piantare i girasoli

L’Helianthus annuus, che tutti conosciamo come girasole, è una pianta erbacea originaria del Messico e del Perù. È una pianta molto apprezzata nelle piantagioni e negli orti urbani, sia per il consumo dei suoi semi, i semi di girasole, sia per il suo grande valore visivo ed estetico, poiché la sua rosetta floreale è molto grande e suggestiva. Inoltre, nei frutteti hanno la possibilità di migliorare la propria produzione.

Se vuoi imparare a piantare i girasoli e il modo migliore per prenderti cura di questa pianta annuale a casa, continua a leggerci in questo articolo di EcologíaVerde.

Come piantare i girasoli passo dopo passo

La prima cosa è scegliere quale varietà ti interessa. Alcuni, come il Massimiliano, sono ornamentali, mentre altri sono più adatti alla produzione di semi. La cosa buona è che praticamente tutti hanno la capacità di attirare molti insetti impollinatori, qualcosa di molto benefico per le altre tue piante. Se vuoi che il tuo giardino sia pieno di biodiversità, qui puoi saperne di più su Piante e fiori che attirano le api e altri impollinatori.

Di seguito ti offriamo un elenco in modo che tu possa conoscere i diversi tipi di girasoli in modo che tu possa avere un’idea migliore di quale ti si addice meglio, anche se ti consigliamo sempre di consultare il professionista del negozio dove acquisti il giardinaggio o il materiale orticolo.

I semi di girasole possono essere seminati direttamente all’aperto, ma è più consigliabile far germinare i semi di girasole in un semenzaio per massimizzare le possibilità di successo:

  1. Prepara un semenzaio se non ne hai già uno. Puoi usare scatole di semi o qualsiasi altro contenitore di plastica come tazze o yogurt.
  2. Utilizzare un substrato composto da parte di fibra di cocco, parte di torba e parte di humus di lombrico.
  3. Immergi i semi di girasole o i semi in acqua per un’ora prima di piantare i semi, che puoi distribuire in coppia o in trio nei tuoi semenzai.
  4. Lasciateli sulla superficie della terra, orizzontalmente, quindi copriteli con un sottile strato di substrato.
  5. Infine, acqua per inumidire l’intero supporto.

In circa 10 giorni dovresti vedere germogliare i primi semi e 10-20 giorni dopo, quando le temperature saranno abbastanza calde, sarà il momento di trapiantarli nella loro posizione finale.

Come piantare i girasoli passo dopo passo

Una volta che i semi o i semi di girasole sono germogliati, è tempo di piantare le piantine nella loro posizione finale in modo che continuino a crescere.

Quando piantare i girasoli

Verso la metà della primavera sarà il momento giusto per trapiantare i girasoli nel frutteto, nel giardino o nell’ultimo vaso. Così facendo, dal semenzaio, avanziamo l’intero processo, con il quale assicuriamo la buona riuscita della coltura.

Come piantare i girasoli passo dopo passo

  1. Preparare un’area con terreno ricco e molto sciolto. Questa pianta non necessita necessariamente di terriccio ricco di sostanza organica, anche se, ovviamente, lo apprezza. Ciò che è necessario è che il terreno sia sciolto e senza appesantirlo.
  2. Rispetta circa 30 cm di distanza tra ciascuno dei tuoi girasoli, o fino a 50 se sono varietà grandi.
  3. Procedi a posizionare ogni pianta di girasole in ogni buca che hai preparato con la distanza adeguata e ricopri bene la base con altro substrato per fissare la pianta.
  4. Innaffia abbondantemente dopo aver trapiantato i girasoli.
  5. Assicurati di metterli in una posizione molto soleggiata.

tipi di girasoli

Alcuni dei principali tipi di girasoli sono:

  • Girasole gigante o mammut: questo è uno dei più conosciuti. È uno di quelli che ha una tonalità gialla più marcata, con un centro marrone ben definito ed è molto grande.
  • Girasole medio – Ha un centro marrone scuro ben definito, molti petali larghi e densi e una tonalità giallo intenso. Questi fiori sorprendenti durano solo pochi giorni.
  • Girasole di orsacchiotto: è una delle tipologie più diverse, poiché ha un gran numero di petali sottili che ne ricoprono anche la parte centrale, conferendogli un aspetto da orsacchiotto o pompon. Questa è una delle varietà più piccole, poiché raggiunge solo un’altezza massima di un metro.
  • Massimiliano girasole: questo, a differenza del precedente, ha meno petali e ognuno è più largo. Inoltre ha una parte centrale o bottone più piccola rispetto ad altre specie di girasoli.

Come prendersi cura dei girasoli

Ora che sai come piantare i girasoli e puoi avere la tua pianta dal tubo o dal seme germinato, ti invitiamo a prendere nota della cura principale dei girasoli:

luce per i girasoli

La cosa più importante da tenere a mente per la cura dei girasoli, come suggerisce il nome, è che si trovano in un luogo dove ricevono un minimo di 6 ore al giorno di luce naturale diretta.

Irrigazione

Poiché la pianta ha bisogno di tanto sole, richiede anche annaffiature molto costanti, poiché si disidrata a causa della luce, come tutte. Innaffia i girasoli ogni tanto, anche se non devi farlo ogni volta con grandi quantità d’acqua. L’ideale è mantenere un’irrigazione moderata e costante, senza allagare o mantenere il terreno sempre umido. L’irrigazione, inoltre, è particolarmente importante nelle prime fasi della pianta. Saprai che il tuo girasole ha bisogno di più acqua se le sue foglie iniziano ad arricciarsi verso il basso o se le corolle mostrano segni di ritrarsi.

Terreno e substrato

Per quanto riguarda il terreno, è bene che la pianta abbia profondità in cui può attecchire. La materia organica è favorevole ma non necessaria, sebbene lo sia l’apporto di fosforo, azoto e potassio. Anche un buon drenaggio è essenziale.

Di seguito potete vedere un video sulla cura dei girasoli e qui potete consultare la guida pratica su Come prendersi cura dei girasoli.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come piantare i girasoli, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.