Suggerimenti

Piante acquatiche: tipi e come prendersene cura [Guida completa + 10 esempi]

Hai un laghetto o una fontana che vuoi decorare?

Ti piacerebbe che sembrasse più verde?

Quindi, è molto probabile che la cura e la piantumazione di piante acquatiche ti interessi. Questi tipi di piante donano un’incredibile bellezza ad aree che apparentemente potevano contenere solo acqua.

In questo articolo parleremo dei diversi tipi di piante acquatiche esistenti, quali sono le loro principali cure e di cosa dobbiamo tenere conto quando le piantiamo.

Puoi venire con noi?

Cosa sono le piante acquatiche?

Sono le piante che vediamo spesso nei vivai e nelle case la cui differenza con le piante terrestri è che si adattano molto facilmente ad ambienti con elevata umidità e vivono anche in acqua come laghi e fiumi, ma esistono anche piante di acqua salata.

Nell’acqua salata crescono le mangrovie, alberi le cui radici resistono all’elevata concentrazione di sali nella zona intertidale , vicino alla foce dei corsi d’acqua dolce nelle regioni tropicali.

 Sono molto facili da mantenere ed è molto interessante averli in un laghetto da giardino perché non solo dona loro un nuovo aspetto , ma traspirano anche grande freschezza e bellezza.

Sono anche conosciuti come  idrofite o igrofite; possono essere alghe o piante vascolari pteridofite e angiosperme dai fiori vistosi .

Alcuni si aggrappano saldamente al limo sul fondo delle acque , ma altri si aggrappano a continua a galleggiare sopra la superficie. 

Quali sono le cure di queste piante acquatiche?

La cura deve essere fornita in base al tipo di pianta acquatica che vogliamo avere nel nostro ambiente.

Se la pianta è in piena terra o in vaso in acqua , deve essere ricoperta di ghiaia per trattenerla e ottenere una buona ossigenazione.

In modo che la terra possa essere ventilata è meglio  scegli vasi emisferici  vasi bassi invece che alti.

 Per evitare che marciscano, e che di conseguenza deteriorano la qualità dell’acqua nel laghetto , la botte o il laghetto, le foglie, i rami ed i fiori vanno potati .

Si consiglia inoltre di stendere una rete metallica sul laghetto se le piante acquatiche si trovano vicino ad alberi decidui .

Col tempo,  stagni e stagni raggiungono l’equilibrio ecologico ; il laghetto dovrebbe avere un fondo nuvoloso e una superficie moderatamente limpida , quindi non fare di tutto per pulire il laghetto più del necessario.

 Il fertilizzante scelto deve essere quello a lenta cessione, dal primo giorno, lo stesso fertilizzante che viene utilizzato per le piante terrestri.

Nel caso preferisci  non utilizzare tecniche tradizionali, in commercio esistono substrati sufficienti per piante acquatiche; Substrati di alta qualità che renderanno i tuoi acquari una meravigliosa attrazione.

Esistono anche fertilizzanti speciali per questo tipo di piante che non intaccano la vita con gli animali , e prodotti specifici per l’eliminazione di alghe e microrganismi.

Poiché l’accostamento di piante acquatiche con animali e pesci aumenta il valore ornamentale del laghetto e migliora la vita di piante e animali , è necessario utilizzare prodotti che non nuocere alla specie. 

Quali sono i benefici delle piante acquatiche?

Benefici delle piante acquatiche:
  • I benefici di queste piante sono molteplici , soprattutto per i pesci , in quanto migliorano l’ ambiente dell’acquario e, ovviamente, lo abbelliscono.
  • Oltre a fornire sicurezza agli abitanti dell’acquario , forniscono loro un riparo e un comportamento naturale che ne aumenta il benessere.
  • Qualcosa di importante per gli abitanti dell’acquario , inclusi i batteri benefici , è il fatto che le piante trasformano la luce e l’anidride carbonica . Quindi, poiché i livelli di ossigeno sono più alti , avremo pesci più attivi, sani e resistenti alle malattie.
  • È bene ricordare che oltre all’anidride carbonica , le piante acquatiche utilizzano altri nutrienti potenzialmente tossici come ammoniaca, nitriti, nitrati e vari metalli pesanti.
  • Insomma, un acquario con piante è un acquario sano , e se ben curato non avrete mai problemi di alghe .

Quali tipi di piante acquatiche esistono?

Esiste una variegata costellazione di piante acquatiche, suddivise in vari tipi come piante acquatiche ossigenanti, di profondità e galleggianti .

 Alcune delle specie più importanti  Sono:

  1. Il Fior di Loto , del genere Nelumbo Nucifera , è erbaceo, un bel fiore di vari colori che vanno dal rosa al bianco.
  2. La lattuga d’acqua, genere Monotípico pistia , è una pianta galleggiante che viene utilizzata per decorare piccoli giardini; si conserva bene perché si nutre di acqua e prospera nelle zone soleggiate.
  3. Giacinto d’acqua, della famiglia delle Pontederiaceae , che oltre ad essere una pianta galleggiante ha un valore medicinale; fiorisce attraverso una spiga con fiori blu e ama la luce del sole.
  4. Ninfea , Nymphaea Hortorum, ha rizomi per aggrapparsi al fondo dell’acqua, ed è elegante, grazie al suo bel fiore di vari colori, azzurro, viola, bianco, giallo…
  5. Il papiro , Cyperus Papiro, era usato dagli egizi nell’antichità per fare la carta; Nonostante sia ricercato in tutto il mondo per decorare giardini acquatici, è adattabile ad altre tipologie di giardini; va piantato in terreno ricco di sostanze nutritive che deve rimanere umido.
  6. La ninfea , Iris pseudacorus , è una pianta profonda che può adattarsi alla maggior parte degli ambienti e può essere conservata in acque profonde, stagni o corsi d’acqua a bassa corrente.
  7. Lenticchia d’ acqua , Lemna minor, ideale per decorare giardini acquatici, grazie alle sue minuscole foglie che si espandono nell’acqua; richiede poco apporto di luce e serve come alimento per i pesci decorativi aggiunti al giardino.
  8. L’ossigenatore acquatico, Myriophyllum verticillatum , è un’erba acquatica che ostacola lo sviluppo delle alghe nel giardino perché assorbe minerali e anidride carbonica, eliminando quei visitatori indesiderati. Pertanto, non è l’ideale per la decorazione ma piuttosto per evidenziare la bellezza delle altre piante acquatiche sotto la superficie.
  9. Freccia Verde, Peltranda virginica, il suo nome deriva dal suo aspetto di freccia eretta nell’acqua; È di toni gialli, bianchi e verdi, è di poca cura e aderisce ai bordi di minore profondità.
  10. Cala , Zantedeschia aethiopica, ideale per decorare giardini acquatici grazie alla bellezza del suo fiore; ombra o mezz’ombra e può essere piantata nel terreno con compost ricco di acido.
  11. Riccia Fluitans: una delle nostre piante preferite da aggiungere a un acquario, un laghetto o un recinto. Ha un aspetto molto muschioso e vivace che aiuta a far risaltare il colore e la bellezza di qualsiasi acquario. La maggior parte degli hobbisti, come noi, usa la riccia fluitans come pianta galleggiante o come tappeto. Questa pianta è un’ottima alternativa ai muschi come il muschio di Giava.

Caratteristiche delle piante acquatiche

Le principali caratteristiche delle diverse tipologie di piante acquatiche sono:
  • Piante acquatiche galleggianti . Quelli che si trovano sulla superficie dell’acqua, quindi, sono i più comuni, alcune delle cui specie sono lattuga d’ acqua, felce d’acqua e aloid stratoide.
  • Piante acquatiche per stagni di acque profonde . Essi sono utilizzati per quei bacini profondi costruiti in una vasta area, e alcune specie sono il Bianco d’Alba, rosa carne e arey rosa.
  • Piante acquatiche ossigenanti . Sono quelli che aiutano a rinnovare l’ossigeno dell’acqua, tra questi, la canadese Elodea, vallisneria gigantea, vallisneria tortifolia, normale valisneria.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.