Suggerimenti

Cura dell’ortensia: [terreno, umidità, potatura e problemi]

Quali caratteristiche ha l’ortensia?

Una delle piante ornamentali di grande bellezza e popolarità è l’Ortensia o Ortensia, originaria di due continenti: America e Asia.

È caratterizzato da una bellezza esuberante concentrata nei suoi grandi fiori bianchi, blu o rosa.

Ecco perché è un vero viziato nelle case, vista tutta la vistosità che dona agli occhi dei mortali innamorati.

Attualmente, ci sono più di 100 specie in tutto il mondo.

E parte del loro fascino sta nel fatto che hanno un lungo periodo di fioritura, che inizia in primavera e finisce in autunno .

Solo in Giappone, Cina e Corea abbondano varietà davvero spettacolari, con fiori singoli che ricoprono cespugli di un’altezza massima di circa 3 metri. Sono presenti anche specie decidue , ma prevalgono anche quelle sempreverdi , che non perdono mai la loro abbondante chioma.

Non è esagerato dire che sono piante molto rustiche , perché hanno un fusto legnoso che sostiene il peso delle foglie grandi, anche se le più diffuse sono decidue. Da qui la necessità di capire di quali cure hanno bisogno in piena fioritura.

Ed è che sono così generosi che i loro grandi problemi possono moltiplicarsi, sia in giardino, in un vaso di fiori, in un vaso o sul terrazzo di casa nostra, diventando l’epicentro dell’attenzione di tutti, data la loro prolungata ostentazione fino all’inizio di ottobre. ogni anno.

Successivamente, vediamo quali sono le raccomandazioni più importanti nella coltivazione delle ortensie .

Che esigenze di terreno hanno le ortensie?

La prima cosa che dobbiamo sapere è l’intolleranza delle ortensie ai terreni molto salini, perché provocano una clorosi ferrica capace di ucciderle in breve tempo. L’ideale per coltivarle sono terreni acidi, con un pH che varia tra 5,5 e 6,5, con una grande capacità di trattenere l’umidità.

Un fatto curioso è che a seconda di questo indicatore di acidità del suolo, avremo fiori più o meno bianchi o azzurri. Ad esempio, se il pH viene mantenuto tra 4,5 e 5, otterremo splendidi fiori blu . Ma se tocca 6,5, allora usciranno fiori rosa.

Viene applicato anche solfato di alluminio e cambiano dal rosa al blu. Inoltre, i fioristi dispensano un prodotto chiamato frullatore per ortensie . Le specie bianche non cambiano colore.

Ecco perché è essenziale cercare un supporto specializzato durante la concimazione del terreno. Quei fertilizzanti ricchi dei seguenti componenti: nitrato di ammonio, solfato di ammonio o solfato di potassio, aiutano notevolmente a mantenere in equilibrio l’alcalinità del terreno.

Gli specialisti del settore consigliano inoltre di aggiungere alla terra prodotti ricchi di zolfo , per bilanciarne l’acidità. In pentola, opera la stessa formula di successo. Concimi superiori, ricchi di sostanza organica.

Come far crescere le ortensie forti e vigorose?

Una volta che abbiamo deciso di adottare e coccolare un’ortensia, è fondamentale capire che hanno bisogno di una buona illuminazione naturale.

Senza dubbio, la fioritura delle ortensie è uno spettacolo visivo quando inizi a dipingere il giardino con i colori con le sue aiuole arrotondate.

In casa, il posto migliore sarà quello che abbia un ambiente fresco, ventilato e una buona luce.

Anche la sua generosità è tale da poter fiorire senza grossi problemi in luoghi con scarsa illuminazione, preferibilmente in penombra.

Questo perché la totale mancanza di luce solare ovviamente la colpisce e fa seccare foglie e fiori.

Quindi un posto in giardino in mezz’ombra ma che riceve una buona incidenza di luce naturale, è bene piantare questo arbusto. In pieno sole non è conveniente perché le sue foglie si seccano, prima ingialliscono e non fioriranno mai.

Se è cresciuto molto in vaso, allora la primavera e l’inizio dell’estate sono un buon momento per portarlo in un terreno ben areato e acido, dove può facilmente superare il metro e mezzo di altezza nella stagione estiva. Quindi, è molto importante piantarlo in un luogo dove possa espandersi, crescere liberamente e ad almeno un metro di distanza dai suoi vicini.

Un’altra chiave per la tua buona salute è irrigare abbondantemente, con molta acqua non calcarea. L’acqua dura lo danneggia notevolmente. Ecco perché è importante sfruttare le piogge primaverili per fare un’irrigazione naturale che li bagni di vita.

In estate è necessario essere sempre consapevoli dell’umidità del terreno, perché non può essere lasciato asciugare completamente. Innaffiature costanti, quotidiane e senza eccessi sono fondamentali nel periodo più caldo dell’anno.

I periodi migliori per l’irrigazione sono molto presto la mattina o il tardo pomeriggio. Bisogna arrivare alla profondità delle radici, omettendo l’acqua sulla pianta stessa.

Di quale umidità hanno bisogno le ortensie?

L’umidità ambientale prevalente deve essere costante, senza irrigazione eccessiva perché poi le radici marciranno. È logico quindi fare in modo che il sistema di drenaggio del terreno o del vaso dove lo abbiamo, sia ottimale, senza permettere pozzanghere.

Preferiscono temperature fresche, che non superano i 20ºC. Questo li aiuta a crescere in modo sano, perché il calore eccessivo accorcia la loro vita e paralizza la fioritura. Come abbiamo già spiegato, è meglio coltivarli all’aperto, su un terrazzo, balcone o giardino.

È necessario potare le ortensie?

Bisogna potare regolarmente, perché è una pianta ad alto fusto, quindi bisogna sempre fare attenzione a rimuovere foglie, rami e fiori secchi.

Questo faciliterà i tempi del trapianto , quando sarà necessario un vaso più grande in modo che continui a crescere con buona salute e buon spazio.

La tecnica di potatura prevede il taglio obliquo degli steli, con due tagli trasversali eseguiti all’estremità. Questo è fatto in modo che la pianta assorba l’acqua molto meglio. Un altro trucco efficace è aggiungere un cucchiaino di zucchero, è un ottimo nutriente. Saprai ringraziare questo gesto con sempre più fiori.

Quanto spesso dovremmo potare le ortensie?

La potatura è essenziale per aiutarla a fiorire durante tutta la stagione, insieme a un fertilizzante specifico per la fioritura delle Ortensie. Il momento ideale per intervenire con le potature di mantenimento è proprio quando le aiuole iniziano a presentare foglie e fiori appassiti.

In questo modo lo aiuteremo a mantenere la sua energia vitale nei nuovi boccioli e non nei fiori già morti. Un trucco per ottenere più fiori consiste nell’applicare una potatura in inverno . Ma questa potatura speciale toccherà solo i rami che hanno già regalato fiori e quelli malconci, danneggiati.

Come evitare parassiti e malattie dell’ortensia?

Tra i mali più comuni abbiamo la presenza degli afidi. Scompariranno rapidamente se viene applicato un insetticida o un antiafide . Un altro problema da affrontare è solitamente associato alla presenza di macchie gialle sulle foglie, indice inequivocabile della presenza di clorosi, il che significa che la terra ha un eccesso di acqua calcarea o calcarea.

I prodotti ricchi di ferro sono disponibili nei vivai , così come il terreno di erica. Non va mai dimenticato che è meglio annaffiare con acqua addolcita.

Forse ti interessano anche:
  • Cura dell’ortensia: [Terra, umidità, potatura e problemi]
  • Potare le ortensie: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]
  • Trapiantare le Ortensie: [Condizioni, Tempo, Strumenti e Passi da seguire]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.