Suggerimenti

Ardisia: [Coltivazione, Irrigazione, Cura, Parassiti e Malattie]

Ardisia è il nome di un genere della sottofamiglia Myrsinoideae , composto da 700 specie. Tra questi ci sono A. japonica , A. crispa , A. humilis , A. solanacea , tra gli altri. Tuttavia, i dettagli su Ardisia crenata saranno condivisi in questo articolo .

L’ Ardisia è un arbusto originario dell’Asia orientale e sud-orientale, nonché di alcune parti dell’India. È stato ampiamente utilizzato come pianta ornamentale per i suoi attraenti frutti rossi.

Le radici sono utilizzate nella medicina tradizionale cinese per curare infezioni respiratorie, tonsilliti, disturbi mestruali e parassitosi.

L’ Ardisia è stata considerata come specie invasive e preoccupazione ambientale in alcune regioni degli Stati Uniti, Australia, Giappone, Filippine e Taiwan. Ha una grande capacità di propagazione e tende a spostare le specie autoctone.

Punti importanti durante la semina dell’ardisia:
  • Nome scientifico: Ardisia crenata.
  • Nome comune: Ardisia, corallo ardisia, albero di corallo, bacca di natale.
  • Altezza: 1 metro.
  • Necessità di luce: mezz’ombra e ombra.
  • Temperatura: climi caldi e tropicali (da 18ºC a 30ºC).
  • Irrigazione: da media ad alta.
  • Fertilizzante : fertilizzante bilanciato.

Che caratteristiche ha l’ardisia?

L’ Ardisia crenata è un piccolo arbusto a foglia sempreverde e fusti multipli che solitamente è alto 1 metro, ma talvolta raggiunge i 2 metri. Dai fusti spuntano rami, lunghi da 4 a 16 centimetri, e si dividono in rami più piccoli da cui nascono foglie e fiori .

Le sue foglie sono allungate e alterne, cerose, scure in cima, con margini seghettati e arrotondati. Questi arrivano a misurare meno di 21 centimetri di lunghezza. I piccoli fiori dell’ardisia sono bianchi con lampi rosati.

Misurano dai 4 ai 6 millimetri, sono raggruppati in semplici infiorescenze, che emergono generalmente sotto il fogliame. Fioriscono in tarda primavera e all’inizio dell’estate.

Il frutto è una bacca che compare 2 anni dopo il germogliamento, in autunno . Inizialmente ha un colore verde, ma vira ad un colore rosso vivo man mano che matura. Può misurare da 5 a 8 millimetri di diametro. Al suo interno conserva un solo seme.

Quando seminare l’ardisia?

L’ Ardisia può essere coltivata per seme in primavera. Se la propagazione avviene per talea, va effettuata nel periodo estivo .

Dove piantare l’ardisia?

L’ Ardisia è una specie che cresce nei climi caldi, nelle regioni tropicali e subtropicali. Le alte temperature, infatti, sono un aspetto fondamentale per la sua coltivazione.

La temperatura ottimale è solitamente di 25ºC, ma può essere coltivata tra 15ºC e 32ºC. È invece una pianta che, pur necessitando di luce solare, predilige luoghi semiombreggiati.

Le loro condizioni ottimali di luce solare variano tra il 18% e il 45%. Se vengono lasciati completamente al sole, potrebbero danneggiarsi.

Come preparare il terreno?

L’ ardisia predilige terreni fertili, umidi, ben drenati, con pH da 4 a 10, siano essi neutri, alcalini, acidi o molto acidi. Per la tessitura si consigliano terreni pesanti e medi.

Sebbene generalmente non necessario, può essere applicato con fertilizzante bilanciato a lenta cessione durante le stagioni di crescita, che generalmente corrispondono ai mesi primaverili ed estivi.

Come innaffiamo l’ardisia?

L’arbusto di ardisia necessita di ambienti umidi per potersi sviluppare. Tuttavia, è necessario trovare una misura sufficiente per non cadere nella saturazione del substrato o nella sua siccità.

Per trovare la frequenza e la quantità ideali, si consiglia di iniziare ad annaffiare una volta alla settimana e controllare le condizioni di evaporazione o assorbimento del terreno. A seconda del tempo necessario affinché il supporto si asciughi, può essere aumentato.

Ogni quanto annaffiamo l’ardisia?

Durante la stagione calda o secca si consiglia di annaffiare 2 o 3 giorni alla settimana, fino a quando il terreno non si sarà inumidito, senza dare luogo a pozzanghere. L’irrigazione, invece, può essere effettuata 1 o 2 volte a settimana durante il resto dell’anno.

Come seminare un’ardisia passo dopo passo?

Può essere riprodotto per seme e per talea vegetativa. Tuttavia, va considerato che l’ ardisia impiega un periodo di 4 anni per svilupparsi per seme e 2 anni per propagazione vegetativa. Entrambi i metodi sono condivisi di seguito.

Per seme

Il seme di Ardisia impiega molto tempo a germogliare a causa della sua dormienza interna. Si consiglia di scarificarlo e rimuoverne la copertura per accelerare il processo di germinazione. Tuttavia, tale procedura non è essenziale. Puoi seguire i seguenti passaggi:

  1. Mettere i semi di ardisia in scatole di plastica (6x6x9 centimetri), riempite di vermiculite umida, e conservare a una temperatura di 5°C per 3 o 4 mesi.
  2. Semina in semenzaio in substrato umido di vermiculite, profondo 1 centimetro, a temperature comprese tra 20ºC e 30ºC. Dovrebbero essere inumiditi con l’aiuto di un flacone spray e protetti dal vento e dalla pioggia.
  3. Aspetta che germoglino, per 13 o 14 settimane. Successivamente attendere che un paio di foglie vere germoglino dalle piantine, trapiantare in vasi con substrato universale e annaffiare frequentemente fino a quando la pianta si sarà stabilizzata.

Per talea

  1. Da una pianta matura, taglia la punta di uno stelo lungo 10 centimetri con uno strumento pulito e sterilizzato.
  2. Trattare la talea con ormoni radicanti (NAA e IBA) per indurre il tasso di crescita.
  3. Mettere la talea in una pentola con torba e sabbia grossolana, alla luce e ad una temperatura di 25 ºC.
  4. La pianta può essere trapiantata permanentemente nel terreno dopo aver sviluppato i suoi primi germogli.

Di che cure ha bisogno l’ardisia?

Una delle raccomandazioni è quella di pulire il terreno in modo che le bacche non formino uno spesso strato di bacche e impediscano la crescita delle piante autoctone. Questo è importante perché l’ardisia tende a monopolizzare le risorse e impedisce l’incidenza della luce.

D’altra parte, è importante fare attenzione che la pianta non sia esposta a drastici sbalzi di temperatura, poiché ne sono molto sensibili, soprattutto se giovani. Tuttavia, una volta stabilite, possono tollerare temperature di 37ºC e oltre.

Quali parassiti e malattie colpiscono l’ardisia?

Ci sono poche informazioni sui nemici naturali dell’ardisia . Di quelli con un record, è segnalato il patogeno Haematonectria haematococca , un fungo che provoca il marciume delle radici e dei fusti.

Riferimenti

  • http://www1.inecol.edu.mx/inecol/documentos/frutos_silvestres_comestibles.pdf
  • https://edis.ifas.ufl.edu/pdffiles/AG/AG28100.pdf
  • http://www.technigro.com.au/wp-content/uploads/2016/12/12-Coral-Ardisia.pdf
  • https://es.qaz.wiki/wiki/Ardisia_crenata
  • https://www.cabi.org/isc/datasheet/119055#tosummaryOfInvasiveness
  • https://www.hindawi.com/journals/jb/2012/679765/
  • https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0304423804001992?via%3Dihub
  • https://www.elicriso.it/es/como_cultivar/ardisia/

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.