Suggerimenti

Solarizzazione del suolo. Disinfezione ecologica con plastica

Dopo l’ultimo post sui nematodi del  suolo e sui problemi che causano alle piante da giardino, ho pensato che fosse una buona idea parlare di  solarizzazione , poiché questo è  uno dei passaggi che possiamo adottare per eliminare questa infestazione di piccoli vermi. 

In ogni caso, come vedremo in questo post, la solarizzazione del suolo è una  tecnica ecologica  che serve a risolvere altri problemi delle piante orticole, oltre ai nematodi. In questo post vi racconterò quali sono gli obiettivi della solarizzazione del suolo e in cosa consiste questa tecnica di disinfezione ecologica.

Cos’è la solarizzazione?

La solarizzazione è una tecnica per disinfettare il suolo mediante il calore . Il calore è ottenuto grazie all’effetto serra che viene prodotto dall’incidenza della radiazione solare  su un telo di plastica che viene posto incollato al suolo.

Disinfezione ecologica dei suoli mediante solarizzazione. Passi da seguire

Si consiglia di farlo quando fa caldo, durante la primavera o l’estate , in modo che le temperature che si raggiungono sotto la plastica siano abbastanza alte da disinfettare il terreno e uccidere tutti gli agenti patogeni e le erbacce che vi si trovano.

La plastica può essere trasparente o nera , anche se ci sono esperti che consigliano il nero poiché questo colore assorbe più calore, quindi all’interno si possono raggiungere temperature più elevate.

Prima di posizionare la plastica,  il terreno deve essere infestante rimuovendo tutti i resti di piante ed erbacce. 

Innaffia abbondantemente il terreno in  modo che l’acqua accumuli calore e agisca come elemento conduttivo.

Posizionare la plastica a terra con fissaggi a terra negli angoli, e sui lati con creste di terra, ghiaia o qualcosa che impedisca che venga sollevata dal vento e aumenti la ventilazione nell’area della superficie del terreno.

A cosa serve la solarizzazione? obiettivi

Come ho già accennato, sia la solarizzazione che la biosolarizzazione sono tecniche utilizzate per disinfettare il suolo .

Stanno cominciando ad essere usati molto nell’agricoltura biologica perché possono sostituire il bromuro di metile , una sostanza chimica utilizzata nell’agricoltura convenzionale per sradicare funghi , nematodi ed erbe infestanti dal suolo 

Oltre a funghi, erbe infestanti e nematodi, queste tecniche sono utili per rimuovere virus (come Tomato Mosaic Virus) dal terreno . Abbiamo già visto nel post « Virus nelle piante da giardino. Cosa sono e cosa fare »   che questi microrganismi causano seri problemi , poiché le piante malate non possono essere curate e devono essere eliminate. Inoltre, come i nematodi, sono difficili da estirpare e possono rimanere dormienti per lunghi periodi nel terreno, colpendo per anni le nostre piante da giardino.

Biosolarizzazione: una variante della solarizzazione del suolo

Per tutto questo, solarizzazione e biosolarizzazione sono due tecniche altamente consigliate per l’ eliminazione definitiva di virus e nematodi dal suolo.

Queste tecniche sono efficaci anche nel rimuovere dal suolo i resti di molti pesticidi e sostanze artificiali  (fertilizzanti chimici, ad esempio) che sono stati precedentemente applicati al suolo.

Quindi, se sei nel bel mezzo della conversione dall’agricoltura convenzionale all’agricoltura biologica , questo sarà un buon metodo per eliminare parte dei residui che i trattamenti chimici hanno lasciato sul terreno. Nonostante siano ancora in corso studi in merito e non si sappia con certezza quanti trattamenti di biosolarizzazione siano necessari per eliminare completamente i residui dal suolo, ciò che è chiaro è che aiutano a ridurre notevolmente questi residui, così persistenti. .

Inoltre , la biosolarizzazione produce un importante miglioramento delle caratteristiche fisiche, chimiche e biologiche del suolo. È un metodo efficace contro l’ « impoverimento del suolo » (cioè quando il suolo è «impoverito» dopo molti anni di produzione).

Una variante della solarizzazione è la biosolarizzazione. È più o meno la stessa filosofia (portare calore sotto una plastica), solo che in questo caso entra in gioco un altro componente: il letame. 

Il letame e, in generale, i resti organici in decomposizione emettono gas (acidi organici, ammonio, nitrati, idrogeno solforato, ecc.) tossici per insetti e microrganismi. Questo fatto insieme alle alte temperature che si raggiungono (che sono più alte che se si trattasse di sola solarizzazione) rendono ancora più efficace la disinfezione del terreno.

Come installare un sistema di biosolarizzazione?

Affinché possiate vedere l’opinione di alcuni esperti in materia e agricoltori che stanno già utilizzando questo metodo, vi lascio questo video in cui potete vedere come viene installato un sistema di biosolarizzazione in grande stile.

Se vuoi farlo nel tuo giardino, non avrai bisogno di un trattore o di una macchina per spargere la plastica, con una pala per il letame e un paio di persone saranno più che sufficienti. Per renderlo il più ermetico possibile, come puoi vedere nel video (minuto 0:44), puoi mettere dello sporco sulle estremità della plastica, persino posizionare pietre o materiale pesante per assicurarti che non venga via con il vento.

Come puoi vedere, queste tecniche hanno molti vantaggi e non sono difficili da eseguire. Inoltre, sono metodi ecologici al 100% che ti aiuteranno a risolvere molti problemi senza dover utilizzare prodotti chimici o prodotti artificiali. Se desideri maggiori informazioni sull’argomento, puoi scoprire di più sulla biosolarizzazione in questo articolo scientifico .

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.