Suggerimenti

Principi di rotazione in agricoltura biologica

Il principio più importante delle rotazioni è che le colture che si susseguono nella rotazione devono avere caratteristiche diverse e, quindi, esigenze diverse. Ad esempio, una coltura principale normalmente consumerà molto azoto e humus, quindi nella rotazione sarà seguita da una coltura che accumula più humus, più azoto, migliora le condizioni strutturali del terreno, ecc.
.
Questo può essere progettato tenendo conto della famiglia di appartenenza – poiché colture della stessa famiglia non possono essere ripetute -, della profondità delle radici o anche in base alla parte utilizzabile della pianta. A volte c’è anche incompatibilità tra famiglie diverse. Ad esempio, belladonna e cucurbitacee non dovrebbero succedersi. A volte è necessario sopprimere alcune colture che presentano gravi problemi di salute per alcuni anni, soprattutto durante il periodo di conversione.
.
Ma è necessario tenere conto anche delle condizioni del suolo ed è quindi necessario conoscere le caratteristiche fisiche, chimiche e biologiche dei nostri suoli (antecedenti, analisi chimiche, ecc.). Questo determinerà la qualità dei terreni e se è necessario prepararli preventivamente con qualche trattamento. Può anche guidare o determinare i tipi di colture da stabilire nella rotazione e le alternative.
.
Tabella 5. Colture che non dovrebbero essere ripetute per famiglia.
.
.
Nell’organizzare la rotazione e in vista del suo successo, si deve tener conto che il suolo deve essere sempre coperto, normalmente da coperture vegetali coltivate o naturali (flora spontanea), poiché eviteranno la perdita di nutrienti, energizzeranno i processi biologici del suolo, fornire materia organica, proteggere il suolo dall’erosione, aumentare l’efficacia dell’irrigazione migliorando la capacità di ritenzione idrica, ecc. L’inclusione del sovescio nella rotazione è, inoltre, una strategia complementare sia in termini di fertilizzazione che nel controllo di parassiti e malattie.
.
Tabella 6. Distribuzione delle colture che non dovrebbero essere ripetute per profondità delle loro radici e parte utilizzabile.
.
.
Pertanto, il progetto della rotazione richiede, tra gli altri, i seguenti orientamenti:
– Determinare le caratteristiche fisiche, chimiche e biologiche del suolo.
– Tenere i pavimenti coperti.
– Stabilire prima le colture principali e poi le colture secondarie (a ciclo breve, poco impegnative, ecc.).
– Coltivare specie di diverse famiglie, diverse parti utilizzabili, con radici di diversa profondità e forma – e associarsi a piante con bisogni complementari.
– Alternare colture diserbo con colture ammendanti.
– Una volta stabilita una rotazione adeguata, le variazioni devono essere minimizzate
.
Tabella 7. Alcuni criteri per la progettazione delle rotazioni.
.
.

Concimi verdi in rotazione. Una strategia complementare nel controllo delle malattie e delle piante .

.
I concimi verdi o siderali sono piante coltivate che vengono inglobate nel terreno, generalmente durante il periodo di fioritura, allo scopo di apportare un miglioramento agronomico. Si trovano tra le corsie nei frutteti o tra due colture principali nella rotazione, come consociazione.
.
La funzione fondamentale dei sovesci è quella di integrare la nutrizione delle colture in rotazione, sia attraverso la fissazione dell’azoto libero, sia attraverso la loro efficacia nel rendere disponibili nutrienti a colture altrimenti inaccessibili. Tuttavia, un obiettivo secondario dei concimi verdi può essere il controllo di parassiti e malattie.
.
I concimi verdi vengono utilizzati regolarmente nell’agricoltura biologica per controllare le piante avventizie. Così, ad esempio, il miscuglio di fave e segale, seminato in autunno come sovescio, e interrato a fine marzo o inizio aprile, controlla la crescita delle piante avventizie nella coltura successiva. Ciò è dovuto, da un lato, alla rapida e abbondante crescita del sovescio che “affoga” le altre piante; e, dall’altro, che la segale rilascia nel terreno sostanze che avvelenano l’avventizia (composti allelopatici), non permettendo loro di crescere adeguatamente. D’altra parte, i fagioli accumulano azoto nel terreno, dopo aver tagliato e interrato il sovescio, che viene utilizzato dalla coltura successiva, che produce di più che senza l’uso del sovescio.
.
L’incorporazione di sovesci è anche in grado di ridurre i problemi causati dai funghi del suolo e ridurre le popolazioni di nematodi e insetti del suolo. La tabella 8 elenca alcuni esempi. Ciò è dovuto principalmente a tre meccanismi che spieghiamo di seguito.
.
1. Aumento dell’attività biologica nel suolo.
L’incorporazione del sovescio porta ad un aumento della popolazione e dell’attività di numerosi organismi presenti nel suolo (ragni, insetti, funghi, batteri, protozoi, ecc.). La maggior parte di questi organismi sono positivi o neutri per la coltura e limitano le popolazioni di quelli nocivi. Questo controllo viene effettuato indirettamente, attraverso la competizione per le risorse, e, direttamente, perché sono predatori, parassiti o producono sostanze tossiche che danneggiano gli agenti patogeni.
.
2. La formazione di sostanze tossiche durante la decomposizione del sovescio.
I resti vegetali inglobati nel terreno vengono trasformati in quelli più semplici dagli organismi presenti nel terreno. Come risultato di questa degradazione si formano alcune sostanze organiche intermedie che sono tossiche per altri organismi dannosi per le piante.
.
3. L’uso del sovescio come pianta trappola.
Pertanto, il controllo dei nematodi da sovescio può essere effettuato utilizzando piante ospiti che ne stimolano lo sviluppo, ma che vengono eliminate prima del completamento del ciclo vitale del nematode. Un esempio è il controllo dei nematodi della barbabietola da foraggio che può essere parzialmente ottenuto utilizzando come coltura precedente il sovescio crocifere, che stimola l’emergenza delle larve a cisti, dopodiché le piante devono essere interrate nel terreno. Le fave hanno un effetto simile prima delle barbabietole da zucchero.
.
Tabella 8. Esempi di utilizzo di fertilizzanti verdi per la protezione delle colture.
.
.
Prima di intraprendere il disegno della rotazione per iniziare il periodo di conversione, dobbiamo quindi conoscere il complesso di malattie e parassiti associati a ciascuna specie.
.
Successivamente vanno alternate specie vegetali non sensibili o non attaccate dalle stesse malattie o parassiti. In generale, si raccomanda che le colture successive non appartengano alla stessa famiglia e che una coltura non venga ripetuta prima che siano trascorsi almeno quattro anni, anche se ovviamente dipende dal parassita o dalla malattia più frequente nell’area di coltivazione.
.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *