Suggerimenti

Patata Monalisa: perché è la varietà più apprezzata?

La patata è uno dei tuberi di origine americana più diffusi e consumati nel mondo. Ciò ha portato all’esistenza di un gran numero di varietà che consentono patate di tutti i colori, dimensioni e persino sapori. Una delle più famose è la patata monalisa. La sua omogeneità nel calibro, nella produzione e nel sapore lo rendono una scelta quasi obbligata per molti agricoltori e gode anche di un buon apprezzamento in gastronomia.

In questo articolo vogliamo darvi tutte le informazioni interessanti sulla patata monalisa, le sue principali caratteristiche, il calendario di impianto, l’utilizzo in gastronomia e le modalità di coltivazione.

Caratteristiche della patata Monalisa

La patata Monalisa è una delle varietà che vanno dalla novella alla precocissima, che di solito si riassume in semiprecoce per la velocità della sua raccolta, ha una buona resa in cottura e si presenta con una buccia liscia di colore giallo tenue e la sua polpa ha un bel colore giallo crema.

Una delle caratteristiche principali di questo tipo di patata chiamata Monalisa è che contiene una grande quantità di amido, quindi ha una delle quantità minime di acqua che una patata può avere,  cosa che la rende molto comoda per qualsiasi tipo di cottura..

È uno dei più consigliati quando si tratta di friggere, poiché la bassa quantità di acqua di cui parlavamo fa trattenere poco olio, quindi sembreranno meno unti e quindi più redditizi quando si tratta di friggere. patatine deliziose,  sia per mangiarle che per accompagnare qualche altro piatto.

  • Traversata: Bierma A1-287 x Colmo
  • Paese di riproduzione: Paesi Bassi

Perché i coltivatori scelgono la patata monalisa?

  • Pelle lucida molto attraente
  • Dimensioni e forma dei tuberi uniformi
  • Buona tolleranza ai lividi
  • varietà multiuso
  • Adatto per la conservazione a lungo termine

proprietà agronomiche

  • Giorni alla scadenza: 74 giorni (classificato come semi-anticipato)
  • Periodo di dormienza:  70 giorni
  • Produzione: media
  • Dimensione del tubero:  grande
  • Forma:  ovale/lungo-ovale
  • Tuberi/pianta:  9/11
  • Colore della pelle:  giallo
  • Colore della carne cotta:  giallo
  • Sostanza secca/amido:  19,2%/13,4%
  • Peso (kg):  350 g- 1074 g
  • Sensibilità agli urti: sensibile

Come piantare la patata monalisa

calendario di semina

Per la sua condizione semi-precoce, il dattero di impianto della patata Monalisa può essere messo a dimora in primavera, anche se si può utilizzare praticamente qualsiasi calendario, con notevoli differenze nell’ottenimento della produzione. Con la semina nel mese di marzo, la raccolta avviene in autunno, trascorrendo tutta l’estate in produzione.

Densità di impianto della patata Monalisa

A seconda del calibro desiderato, viene scelto il telaio di impianto, in modo che se vogliamo una patata di calibro più piccolo, dobbiamo aumentare il numero di piante per superficie. In generale, questa è la tabella delle dimensioni e della densità di impianto:

  • Calibro 28/35:   65.000 piante/ha
  • Calibro 35/45: 54.000 piante/ha
  • Calibro 45/50: 44.000 piante/ha

Il livello di dormienza del tubero è medio. Ciò significa che a volte, per garantire una buona germinazione, si consiglia un piccolo trattamento termico. La profondità di impianto consigliata è compresa tra 7 e 8 cm, simile ad altre varietà di patate.

Climatologia

Temperatura

Il clima della patata dove si adatta meglio è il tipo temperato. La temperatura ideale si trova tra 12 ºC e 18 ºC. Nella stagione della fioritura è quando la pianta è più sensibile al gelo. Temperature leggermente più elevate, comprese tra 20 e 25 ºC, favoriscono lo sviluppo della parte aerea (steli e frutti), ma influiscono sul numero dei frutti e sulla loro tuberizzazione.

Per consentire una buona germinazione durante la semina delle patate, l’ideale è che la temperatura del terreno abbia almeno 8 ºC. Al di sotto di questo valore, la germinazione rallenta ed è molto probabilmente eterogenea. Temperature esterne superiori a 25 ºC riducono il successo della tuberizzazione e questo deve essere preso in considerazione quando si pianifica la semina delle patate.

illuminazione

Le ore di luce nell’ambiente in cui si sviluppa la patata Monalisa sono di grande importanza quando si tratta di regolare lo sviluppo della pianta. Nelle giornate corte la patata favorisce la tuberizzazione (maggior numero di frutti). Nelle giornate lunghe e con abbastanza luce, invece, si attiva lo sviluppo della parte aerea della pianta, ma si riduce la tuberizzazione (numero di frutti).

caratteristiche del suolo

Fertilità

Una buona messa a dimora delle patate monalisa richiede un terreno ben arato, sciolto, profondo e ricco di sostanza organica. Questa pianta richiede nutrienti, essendo in grado di consumare più di 200 kg di azoto per campagna, e anche di più di potassio, quindi abbiamo bisogno di un buon apporto di nutrienti.

pH

Il pH, pur non essendo uno dei fattori più importanti, deve essere compreso tra 5,5 e 7. Cioè classificato come leggermente acido.

Salinità

I terreni salini ne peggiorano lo sviluppo, ma può essere coltivata senza grossi problemi. La patata ha una media tolleranza ai sali.

Per un ciclo di patate corto:

Irrigazione

La patata monalisa è moderatamente esigente in acqua. Ciò significa che per ogni kg di sostanza secca contenuta nel tubero prodotto sono necessari 300 litri di acqua. Il periodo critico di controllo dell’acqua si verifica tra l’inizio della tuberizzazione (produzione di nuovi frutti) e la fioritura.

I tentativi di ridurre l’acqua fornita, nota come irrigazione in deficit, non hanno avuto il successo che si pensava. In questa coltura, fornendo meno acqua di quella ottimale, si ottengono frutti di pezzatura più piccola, invecchiamento precoce e scarso sviluppo della parte aerea.

Per un ciclo di patate corto:

Alcuni test effettuati hanno rilevato che l’irrigazione a goccia può ridurre il consumo di acqua fino al 30% rispetto all’irrigazione a pioggia. Tipicamente, il telaio del gocciolatore per i moderni sistemi di impianto di patate monalisa è compreso tra 0,2 e 0,5 m, con una portata rispettivamente da 1 L/h a 1,6 L/h.

Sistema di irrigazione Irrigazione Pioggia (mm) Produzione (t) Acqua (m3) m3/t
Aspersione 29 43 49.1 4769 97.1
Gocciolare 26 43 49.8 3309 66.4

Abbonato

Come abbiamo accennato prima, la patata consuma molte risorse poiché si tratta di un’elevata densità di piante per superficie e di molte tonnellate di frutti prodotti. I maggiori fabbisogni, come di consueto nelle colture frutticole, sono quelli di potassio, senza nulla togliere alla grande quantità di azoto che consumano.

Estrazioni di elementi per una produzione di 50 t/ha

  • Azoto: 250-300 kg/ha
  • Fosforo: 80-100 kg/ha
  • Potassio: 350-450 kg/ha
  • Calcio: 150-200 kg/ha
  • Magnesio: 40-60 kg/ha

Leggi di più:   come fare un piano di concimazione delle patate

Suggerimenti per la fertilizzazione rispetto ad altre varietà di patate

  • Adattare l’abbonato all’analisi del suolo.
  • Azoto (N): 110% rispetto ad altre varietà medio-precoci.
  • Applicare 2/3 prima di piantare e 1/3 sopra.

Piaghe e malattie

La  famiglia delle Solanacee,  a cui appartiene la patata, attira un gran numero di insetti, funghi e batteri. I più importanti sono afidi, mosche bianche, falene, vermi e nematodi. In termini di malattie, la peronospora è uno dei funghi più famosi, che appare in condizioni di elevata umidità e buona temperatura.

Leggi tutto:   parassiti delle patate.

Leggi tutto:  malattie della patata.

Indice di resistenza alle malattie 

Per facilitare l’interpretazione, faremo una scala da 1 a 100, dove 1 è la maggiore sensibilità e 100 la maggiore resistenza.

  • Muffa sulla pianta:  39/100
  • Peronospora:  75/100
  • Alternanza:  59/100
  • Scabbia comune:  46/100
  • Rogna verrucosa:  56/100
  • Spruzzatura:  84/100
  • Virus Y:  40/100
  • Toll. Tubero Yntn:  61/100

Indice di resistenza ai nematodi

  • Ro1:  1/5
  • Ro2/3: 1/5
  • Pa2:  1/5
  • Pa3:  1/5

Articoli consigliati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.