Suggerimenti

Manuale di coltivazione della lattuga iceberg

La lattuga iceberg è una delle varietà più consumate per eccellenza nel mondo occidentale. La semplicità del suo consumo e la facilità di produzione durante tutto l’anno fanno si che sia sempre disponibile al supermercato.

A livello nutrizionale, è stato messo in discussione come alimento, poiché fornisce pochissime sostanze nutritive tranne l’acqua. Qualcosa di diverso se lo confrontiamo con altre verdure a foglia verde come gli spinaci o le bietole. Tuttavia, ha potere saziante e si combina molto bene nelle insalate con altri cibi.

In questa guida vogliamo concentrarci sulla sua coltivazione e fornire tutte le informazioni sulla cura e il mantenimento della lattuga iceberg.

Caratteristiche della lattuga iceberg

La lattuga è considerata una pianta annuale autoimpollinata che appartiene alla famiglia delle Compositae ( Compositae). Riceve il nome di Lactuca sativa L. A seconda della famiglia (romana, di cuore, sciolta, ecc.) viene aggiunta una parola di identificazione. Nel caso della lattuga iceberg, sarebbe longifolia.

Altre varietà di lattuga

Tipo romano  ( Lactuca sativa  var.  longifolia)

  • lattuga romana
  • lattuga per bambini

A forma di cuore ( Lactuca sativa  var.  capitata)

  • Iceberg
  • Bataviano
  • Trocadero o Mantecosa

Lattuga a foglie sciolte  ( Lactuca sativa  var.  inybacea)

  • Cracarello
  • lollo rossa
  • Insalatiera Rossa

Lattuga di asparagi: ( Lactuca Agustana)

Lattuga rossa:

  • lollo rosso
  • Bol Rosso

Mini lattughe:

  • Pavane
  • piccola gemma
  • Mini Gren

La lattuga iceberg ha radici superficiali che non superano i 15 cm. Per questo motivo il miglior sistema di fertirrigazione è l’irrigazione a goccia, in quanto si crea un bulbo che circonda l’intera pianta con la minor quantità di acqua.

Fasi di coltivazione

  • Fase iniziale: germinazione e sviluppo delle prime fasi vegetative.
  • Fase intermedia:  inizia con il trapianto fino a quando la lattuga non forma una rosetta.
  • Fase di cuore:  dalla formazione di una rosetta alla completa formazione del germoglio delle foglie.
  • Fase riproduttiva:  dalla fine del germogliamento fogliare alla formazione del fusto floreale e alla comparsa dei semi.

Come coltivare la lattuga iceberg

Il ciclo di crescita della lattuga iceberg dipende al 100% dal tempo e dal tempo di semina. Le varietà primaverili ed estive hanno un ciclo molto breve, da 50 a 70 giorni. La lattuga icebert, invece, piantata in autunno-inverno ha una durata dal trapianto compresa tra 100 e 120 giorni.

Climatologia

Temperatura

La lattuga iceberg ha una gamma molto ampia di adattamento alle diverse temperature, anche se ama abbastanza il freddo. In estate viene generalmente coltivato nelle zone fredde dove c’è una notevole differenza tra il giorno e la notte.

Il calore eccessivo può far avanzare la rotta e la perdita di raccolto e produttività.

L’ ottimale in germinazione è di circa 18-20 ºC. Durante lo sviluppo, l’optimum è compreso tra 14 ºC e 18 ºC durante il giorno e tra 4 ºC e 8 ºC durante la notte.

Al di sotto di 0 ºC l’attività si interrompe completamente, sopportando un minimo fino a -5 ºC senza subire danni. Con queste temperature gelide, puoi vedere come le foglie perdono la loro clorofilla e diventano rossastre.

In zone particolarmente fredde può essere piantato in coltura protetta, con tunnel a rete o direttamente in serra. Ecco perché la regione di Murcia è leader nella commercializzazione di questa lattuga, poiché in inverno si raggiungono temperature ideali per la sua coltivazione.

Umidità

L’umidità ambientale ottimale è compresa tra il 60% e l’80%. È interessante una via di mezzo, poiché ambienti molto secchi rendono le foglie molto croccanti e di aspetto rigido. D’altra parte, l’umidità in eccesso può attirare la presenza di funghi come antracnosi, muffa, marciume grigio, ecc.

illuminazione

La lattuga iceberg viene coltivata in pieno sole, con esigenze di accumulo medio-leggere. In estate, un’elevata esposizione al sole (sopra i 30 ºC) può causare la fuga.

Terra

La lattuga iceberg si adatta bene a tutti i tipi di terreno, anche se quelli che hanno un buon drenaggio sono l’ideale. Non ci sono requisiti essenziali in termini di tessitura del suolo, anche se sono preferiti quelli che hanno poca sabbia e lisciviano bene.

Si consiglia di avere un minimo di sostanza organica, l’optimum per questa coltura è superiore a 1,5% OM

Per quanto riguarda il pH, l’ideale per la lattuga iceberg è vicino al neutro, con un range ottimale compreso tra 6,5 ​​e 7,5. Un pH inferiore a 7 garantisce la massima solubilità di tutti i nutrienti, in particolare ferro, zinco e manganese.

Si consiglia di consultare attraverso un’analisi del suolo la ricchezza di contenuto minerale. Sono richiesti un minimo di 60 ppm di fosforo Olsen e un basso contenuto di sodio (Na) e cloro (Cl).

Piantagione consigliata

Il telaio di impianto per Iceberg è compreso tra 30-35 cm x 30-35 cm, con densità di impianto comprese tra 60.000-70.000 piante/ha. Per le varietà più piccole (mini roman, lollo rosso, little gem), lo spazio è solitamente ridotto, con una cornice di circa 20 cm x 25 cm.

Irrigazione

Periodo Irrigazione (L/mq giorno) Intervallo tra le irrigazioni tempo di irrigazione
Piantagione 24 0 6
15-21 1.7 3 1.4
22-28 1.8 3 1.4
29-35 23 Due 1.4
36-42 2.4 Due 1.4
43-49 2.6 Due 1.4
50-56 2.8 Due 1.4
57-63 3.1 1 1.4
64-70 3.4 1 1.4
71-77 3.7 1 1.4
78-84 4.2 1 1.4
85-91 4.5 1 1.4
92-98 4.9 1 1.4
98-105 5.3 1 1.4
106-112 5.6 1 1.4

La tabella sopra raccoglie i dati in L/m2. Per conoscere la quantità esatta per lattuga dovremo conoscere la struttura della piantagione. La dimensione consigliata per la lattuga iceberg, come accennato in precedenza, è di 30 cm x 30 cm. Ciò equivale a circa 8 piante per metro quadrato.

Abbonato

Piano di concimazione per lattuga iceberg nel ciclo autunno-inverno (kg/ha):

Periodo nitrato di ammonio Fosfato monoammonico Nitrato di potassio nitrato di calcio Solfato di magnesio
Piantagione
15-21 4 Due 5 0 0
22-28 6 Due 7 0 0
29-35 5 4 10 0 0
36-42 Due 4 quindici 0 0
43-49 5 4 19 0 0
50-56 6 6 22 0 0
57-63 4 6 26 8 8
64-70 6 8 29 8 6
71-77 6 8 38 8 6
78-84 6 9 41 undici 13
85-91 9 9 41 undici 13
92-98 10 undici 48 quindici 13
98-105 8 undici 48 19 19
106-112 1 undici 48 23 19
113-119 3 6 18 undici 6
TOTALE 81.00 95.00 415,00 114.00 103.00

Piaghe e malattie

La lattuga, essendo una pianta frondosa composta fino al 95% da acqua, è visitata da una moltitudine di parassiti. A seconda dell’umidità, devono essere effettuati anche trattamenti preventivi contro le malattie.

parassiti

  • Verme grigio ( Agrotis sp.): si nutre di foglie di notte. Può essere identificato osservando le foglie morsicate o bucate.
  • Minatori ( Liriomyza trifolii):  creano gallerie nelle foglie e sono facilmente identificabili. È considerato un parassita secondario.
  • Mosca bianca ( Trialeurodes vaporariorum):  molto comune in tutti i tipi di colture. Si trova sul lato inferiore della foglia e aspira la linfa. Quando la pianta viene scossa, vola via.
  • Tripide ( Frankliniella occidentalis):  crea macchie dorate sulle foglie e si nasconde molto bene nella formazione delle gemme.

Malattie

Alternaria ( Alternaria Dauci – Stemphyllium sp.):  provoca macchie sotto forma di macchie marroni, con un bordo giallo facilmente osservabile. Necessita di condizioni di elevata umidità (maggiore dell’80%).

Antracnosi ( Microdochium panattoniana):  Questo fungo compare solitamente sulle foglie esterne (più vecchie) e sulla nervatura centrale, creando macchie bruno-brune che col tempo diventano rossastre.

Oidio ( Erysiphe cichoracerum):  l’ oidio è presente in molte colture. Questo fungo vive sulla foglia, creando macchie grigie dall’aspetto polveroso.

Marciume grigio ( Botrytis cinerea):  in condizioni di elevata umidità, questo fungo può comparire durante tutte le fasi di sviluppo della lattuga iceberg. Provoca macchie marroni dall’aspetto morbido che marciscono la lattuga.

Septoria ( Septoria lactucae):  nelle zone umide, il fungo crea piccole macchie marroni sulla foglia. Le macchie sono irregolari e si trovano tra le nervature della foglia.

Muffa ( Bremia lactucae):  il fungo della peronospora è presente anche sulla lattuga, con macchie marroni che aumentano di dimensioni su tutte le foglie. Appare in condizioni di elevata umidità o dopo le piogge.

Sclerotinia ( Sclerotinia sclerotiorum):  questo fungo provoca marciume di tipo molle che compare alla base del colletto, a contatto con il suolo. Per questo motivo sono necessarie condizioni di elevata umidità ed, eventualmente, irrigazione eccessiva.

Moltiplicazione

La lattuga iceberg si moltiplica facilmente per i semi. Possiamo ottenerli in qualsiasi negozio o supermercato con una sezione di giardinaggio. Possiamo anche ottenerli dalla pianta noi stessi, ma dobbiamo aspettare l’ultima fase, in cui la pianta germoglia ed emette fiori.

altri semi di lattuga

Altri articoli

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.