Suggerimenti

Guida alla coltivazione della lattuga idroponica

La coltivazione della lattuga idroponica arriva a coprire il fabbisogno alimentare della civiltà moderna. Tuttavia, il concetto di idroponica o acquaponica è molto tecnico e in molti casi non dà al cittadino medio l’opportunità di metterlo in pratica.

È proprio l’obiettivo di questo articolo, dove vogliamo demistificare l’alta tecnologia che deve portare, in particolare una coltura come la lattuga idroponica, per offrirla a chiunque, sia che viva in città o in zone rurali.

Coltivare in sistemi idroponici permette di aumentare la superficie di impianto (numero di piante per metro quadrato) ed evitare problemi causati da terreno denaturato e problemi fungini.

D’altra parte, comporta anche una serie di complicazioni che devono essere risolte e preparate, come la preparazione esatta del dosaggio della fertirrigazione e dell’irrigazione.

Entrambe le caratteristiche, in un mezzo tampone come il terreno, ci permettono di fallire e di non avere gravi conseguenze. Tuttavia, nella lattuga idroponica significherà praticamente terminare il raccolto senza raccogliere una misera foglia.

In cosa consiste il sistema idroponico?

In quanto tale, il concetto di idroponica o agricoltura idroponica consiste nell’utilizzare un mezzo inerte diverso dal suolo agricolo per coltivare qualsiasi pianta.

La prima cosa che può venire in mente è il concetto delle radici che galleggiano nell’acqua con la soluzione nutritiva, tuttavia non è del tutto vero. Questo concetto è chiamato acquaponica.

Ciò che chiamiamo idroponica è il termine generale per descrivere qualsiasi situazione in cui una pianta viene coltivata in un mezzo diverso dal suolo.

Pertanto, il metodo più importante di idroponica è in un mezzo inerte (o quasi inerte) come perlite, fibra di cocco, vermiculite, lolla di riso, ecc.

Nel caso della lattuga idroponica, la più comune è in un mezzo acquaponico dove le radici si sviluppano a diretto contatto con la soluzione acqua + fertilizzante. È una soluzione a ricircolo che viene sostituita e rinnovata di volta in volta, quando in essa si accumulano eccessivi sali o aumenta la conducibilità.

Vantaggi della coltivazione idroponica

  1. Maggior controllo della nutrizione delle piante non avendo interazioni con il suolo (blocco dei nutrienti, comparsa di funghi, pH, ecc.).
  2. Utilizzo molto elevato di acqua di irrigazione e sostanze nutritive.
  3. In generale, maggiore produttività (a patto che non ci siano errori).
  4. È migliorata la facilità di raccolta e pulizia dei frutti
  5. Assenza di malattie comuni nei terreni agricoli puniti.

semi di lattuga idroponica

Non esiste una varietà specifica di lattuga che sia completamente adattata a un sistema idroponico. Tutti quelli esistenti possono essere utilizzati a seconda dei nostri gusti.

Ciò che può cambiare (anche se non è sempre così) è la struttura di impianto o il numero di semi che abbiamo per metro quadrato.

Quando germiniamo un seme per lattuga idroponica, occorrono dai 12 ai 20 giorni per ottenere la piantina, a seconda del clima e, soprattutto, della temperatura.

Una volta che avremo una piantina di lattuga abbastanza grande, possiamo trapiantarla direttamente nel nostro sistema idroponico.

Se utilizziamo un substrato, il più utilizzato è la fibra di cocco, che puoi acquistare in qualsiasi negozio specializzato o fai da te.

Produzione di piantine di lattuga

Molti dei sistemi di coltivazione della lattuga più tecnici sono stati adattati al servizio dell’agricoltore comune o urbano. Pertanto, la coltivazione della lattuga idroponica può essere fatta facilmente sul nostro balcone o terrazza.

La maggior parte dei sistemi di lavoro viene fornita con un manuale di istruzioni e prepara persino la soluzione di fertilizzante per adattarsi al pH finale e alla concentrazione nutritiva senza incasinare.

Il più grande mal di testa è preparare la soluzione nutritiva di cui la coltura di lattuga avrà bisogno e adattarla al pH richiesto per evitare problemi.

Possiamo vederlo con le seguenti soluzioni nutritive proposte e la misurazione del pH e della conduttività elettrica (mS/cm).

Se non abbiamo la possibilità di preparare la soluzione nutritiva per la lattuga idroponica, abbiamo diverse opzioni di acquisto.

Soluzione nutritiva per lattuga idroponica

L’importanza del pH

Il controllo del pH è fondamentale per evitare di bruciare le radici della lattuga idroponica e consentire la massima solubilità e assimilazione dei nutrienti.

Per questo motivo è fondamentale avere a portata di mano un dispositivo per misurare il pH e fertilizzanti per correggere eventuali deviazioni che possono verificarsi. Allo stesso modo, tutti questi requisiti devono poi essere adattati alla soluzione nutritiva (vi forniremo alcuni esempi di seguito).

A seconda del raccolto, è consigliabile un pH o un altro, che è raggruppato come segue.

pH compreso tra 4,5 e 5,5: colture ornamentali come gigli, felci, azalee, rododendri, camelie, ecc.

pH compreso tra 5,5 e 6,5:  la maggior parte delle colture da produzione, come anguria, melone, pomodoro, peperone, cetriolo, lattuga, ecc.

Esempi di soluzioni nutritive

La quantità di fertilizzanti da aggiungere dipenderà in ogni momento dalle caratteristiche dell’acqua.

A seconda della zona in cui ci troviamo, può arrivare molto calcio, magnesio o sodio. Tale quantità può essere misurata in meq/L, mmol/L o ppm, e comporta la successiva sottrazione del carico di fertilizzante (con il risparmio economico che ciò comporta).

Soluzione nutritiva 1 (Bechhart e Connors) per lattuga idroponica

Per 200 L di acqua, sciogliere le seguenti quantità di fertilizzanti:

  • Nitrato di calcio: 486 grammi
  • Solfato di magnesio: 114 grammi
  • Fosfato monopotassico: 57 grammi
  • Solfato di ammonio: 30 grammi

Soluzione nutritiva 2 (Università della California) per lattuga idroponica

Per 200 L di acqua, sciogliere le seguenti quantità di fertilizzanti:

  • Nitrato di calcio: 90 grammi
  • Nitrato di potassio: 90 grammi
  • Fosfato monoammonico: 20 grammi
  • Solfato di magnesio: 30 grammi

Lattuga idroponica a casa

Possiamo rendere il nostro sistema di lattuga idroponica complicato quanto vogliamo. Se vogliamo acquistare direttamente, ci sono tavoli di coltivazione idroponica o sacchi NGS per effettuarlo direttamente.

Se vogliamo andare in manuale, abbiamo anche la possibilità di creare il nostro vassoio dove circolerà la soluzione nutritiva, che cambieremo ogni 15 giorni.

Per la coltivazione della lattuga idroponica, la più comune è quella che si fa (in modo casalingo) da tubazioni o pluviali di case.

La cosa migliore è guardare un video per vedere come è costruito passo dopo passo.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.