Piante

9 consigli tecnici sulla coltivazione del peperone

Il peperone è, insieme al pomodoro, una delle verdure più consumate al mondo. Con esso si preparano molte ricette e fa parte della dieta di milioni di persone. Con le nuove tendenze e l’impatto ambientale, sempre più orticoltori inesperti si cimentano nella coltivazione di peperoni e altre piante facili da piantare.

In questo articolo abbiamo raggruppato in modo semplice tutte le caratteristiche che influenzano lo sviluppo della piantagione di peperoni, riunendole in 9 consigli pratici dove entrano in gioco i seguenti approcci:

  • Climatologia: qual è il periodo più adatto e di che temperatura, luce e umidità ha bisogno il peperone?
  • Terreno: posso piantarlo in qualsiasi terreno, o ho bisogno che abbia una consistenza, acidità e natura specifiche?
  • Irrigazione:  quante volte devo annaffiare e con quale dose?
  • Fertilizzante:  posso ottenere i peperoni senza applicare alcun fertilizzante?
  • Parassiti e malattie:  principali insetti e funghi che colpiscono la parte aerea e le radici.
  • Semina:  telaio di impianto, tempo di germinazione e caratteristiche principali.
  • Moltiplicazione: semi, innesti, strati? Qual è la migliore pratica nel peperone?
  • Potatura:  tecniche per migliorare la produzione e una migliore disposizione degli steli in questa coltura.

Caratteristiche della coltivazione del peperone

Non vogliamo approfondire come è morfologicamente un peperone, poiché lo conosciamo tutti molto bene. Grandi foglie dal verde vivo, boccioli di fiori che escono dalle ascelle e si autoimpollinano con le ultime varietà di semi.

Per le sue caratteristiche è abbastanza sensibile a parassiti e malattie e bisogna agire con misure preventive prima della guarigione.

A livello dell’allegagione si producono i primi frutti all’incrocio (nascita del gambo principale da terra e biforcazione in 2 o 3 steli secondari). I primi fiori compaiono con uno sviluppo minimo della pianta che garantisce circa 10 foglie ben sviluppate.

I frutti che escono dai primi fiori sono robusti e grandi, poiché ottengono una fonte di cibo che, per il momento, non coinvolge più frutti, e la riserva energetica (fotoassimila) è ampia.

Quando si tratta di altezza delle piante, non ci sono davvero limiti. Coltivata all’aperto, necessita di tutori e generalmente non supera il metro di altezza, con una produzione compresa tra 4 e 6 kg/mq per un ciclo primaverile ed estivo.

Coltivata però in serra, con cicli tra i 6 e gli 8 mesi, può facilmente superare i 2 metri di altezza e formare dei veri e propri muri orizzontali con grande produzione e numero di frutti. Parliamo tra 6 e 12 kg/m2 a seconda della data di impianto, del clima della serra, della varietà e della gestione delle colture.

Principali cure nella coltivazione del peperone 

1. Climatologia

Temperatura

Il peperone è una belladonna che, come indica il nome, è una coltura che necessita di calore ed è sensibile al freddo. In estate supera il pomodoro e molte altre colture orticole in termini di fabbisogno termico.

Dobbiamo calcolare la data di impianto in modo che quando spuntano i primi boccioli di fiori (fiori futuri), non ci siano temperature inferiori a 15 ºC. Le temperature più basse producono l’aborto floreale, una bassa qualità del polline e deformazioni nei frutti futuri.

La crescita del peperone si ferma al di sotto dei 10 ºC, sebbene al di sotto dei 15 ºC inizi a mostrare sintomi di sviluppo ritardato.

L’intervallo ideale di temperatura nella coltivazione del peperone è compreso tra 20 ºC e 25 ºC con il sole e di notte tra 16 ºC e 18 ºC.

La differenza di temperatura tra il giorno e la notte è favorevole a garantire una buona allegagione. Per questo motivo, in piena estate con giornate e notti molto calde della stessa magnitudo, ci sono problemi con la vitalità del polline, poiché spesso non garantisce la necessaria differenza di temperatura da 8ºC a 10ºC.

Umidità

La coltivazione del peperone non è molto impegnativa in termini di umidità, come potrebbero esserlo i peperoni, anche se ammette più del pomodoro. L’intervallo ottimale di umidità ambientale è compreso tra il 50% e il 70%

Livelli di umidità più elevati garantiscono una più scarsa impollinazione dei fiori e aumentano la probabilità di infezione da funghi legati a marciume e batteri (Pseudomonas o Xanthomonas).

Leggero

Elevata richiesta di luce, anche se la situazione ideale è senza sole diretto. Allo stesso modo può tollerare il Sole al di fuori delle ore centrali.I raggi solari estivi possono danneggiare la qualità dei fiori, bruciando alcune foglie e macchiando i frutti (fisiopatia devastata).

La scarsa illuminazione nella coltivazione del peperone provoca un allungamento esagerato degli steli, con un diametro minore e una maggiore lunghezza dei germogli, che riduce la produzione. A sua volta, il numero di fiori prodotti è inferiore.

2. piano

Il terreno ideale per la coltivazione dei peperoni è un misto tra sabbioso e limoso. Dobbiamo quindi stare lontani dai terreni argillosi, che trattengono eccessivamente l’umidità e non facilitano il corretto drenaggio dell’acqua in eccesso.

L’intervallo di pH per uno sviluppo ottimale del pepe è compreso tra 6,5 ​​e 7,5. Ovvero, terreni leggermente acidi, dove è garantita una maggiore disponibilità di nutrienti e microelementi.

I terreni eccessivamente salini devono essere evitati in quanto danneggiano la loro produzione. Tuttavia, non è molto sensibile alla salinità o al contenuto di cloruri del terreno.

Materiale organico

È importante garantire un minimo di 1,5-2% di sostanza organica nel terreno, con tutti i benefici che ciò comporta.

Nel manuale di buone pratiche per gli agricoltori, si consiglia un contributo di 40 e 50 m3/ha per la coltivazione del peperone, ogni 3 o 4 anni, aggiungendolo almeno 20 giorni prima della messa a dimora, per evitare ustioni alle radici. ancora in fase di stabilizzazione.

Da qui il terreno viene solitamente analizzato per vedere cosa ha e cosa manca, per conferirlo in fertirrigazione insieme all’acqua di irrigazione.

Durante lo sviluppo della coltura del peperone è inoltre consuetudine utilizzare gli acidi umici e fulvici per migliorare l’attivazione della microbiologia e facilitare l’assorbimento dei nutrienti.

3. Irrigazione nella  coltivazione del peperone 

Quando si trapianta in terreno definitivo in un giardino, vaso o tavolo di coltivazione, viene solitamente fornita un’irrigazione generosa, nota come irrigazione della piantagione. In primo luogo vengono eliminati eventuali sali che influiscono sullo sviluppo delle prime radici. In secondo luogo, garantiamo l’attivazione di nuove radici e la loro corretta idratazione.

irrigazione di manutenzione

La successiva irrigazione, in produzione, sarà 2 o 3 volte a settimana, con una quantità compresa tra 20 e 30 m3/ha.

Riepilogo dei rischi in base allo sviluppo del raccolto di peperoni:

  • Primi 50 giorni:  consumo di acqua di 60 m3/ha e settimana
  • Da 4 mesi:  irrigazione di 180-230 m3/ha e settimana.

Il fertilizzante fornito al raccolto di peperoni sarà proporzionale alla quantità di acqua fornita in un dato momento.

Programmazione irrigazione per peperoni a ciclo breve (semina primaverile). Valori approssimativi.

Fase di sviluppo Irrigazione (L/m 2 e settimana) Numero di irrigazioni
sviluppo iniziale 0-5 0-1
Inizio della fioritura 5-10 1-2
Fioritura 5-10 1-2
allegagione 5-10 1-2
sviluppo dei frutti 15-20 3-4
Raccolto 25-30 5-6

4. Fertilizzante  del raccolto di peperoni 

Quando lavoriamo in meq/l o mmol/l, optiamo per l’acqua di irrigazione per portare sempre la stessa soluzione nutritiva, cosa che avvantaggia notevolmente lo sviluppo del peperone.

Una soluzione nutritiva standard per il peperone sarebbe la seguente:

mmol/l NON 3– H2PO4– _ _ _ SO 42- K + Ca2 + mg 2+
Peperone 12 1.5 1.5 6 5 Due

In modo approssimativo, e in termini meno tecnici, può essere estrapolato al seguente contributo per ciascuna irrigazione (tra 40 e 60 m3/ha)

  • 30-35 kg/ha di nitrato di calcio
  • 30-35 kg/ha di nitrato di potassio
  • 5-6 L/ha di acido fosforico
  • 5-6 kg/ha solfato di magnesio

A livello di  micronutrienti, deve essere fornito costantemente il seguente rapporto, misurato in mg/l o ppm (parti per milione):

Elementi Fede min Cu zinco B. Mo
ppm (mg/l) 1.5-2 0.8 0.06 0,15 0.4 0,05

Prodotti consigliati

5. Parassiti e malattie  del raccolto di peperoni 

principali parassiti

  • Tripidi:  Frankliniella Occidentalis
  • Afidi:  il più frequente è  Myzus persicae.
  • Acari:  ragno rosso ( Tetranichus urticae) e ragno bianco ( Polyphagotarsonemus latus).
  • Bruchi:  Spodoptera exigua, Heliothis armigera, Chrysodeixis,  Autographa gamma.
  • Mosca bianca:  Bemisia tabaci  e  Trialeurodes vaporariorum.
  • Nematodi:  il genere più diffuso nelle colture di peperoni e solanacee è la Meloidogine.

Principali malattie

  • Phytotora capsici
  • Botrite e sclerotinia
  • Oidiopsis ( Leveiulla taurica)
  • Batteriosi – Causata dai batteri  Xantomonas campestris Clavibacter michiganensis  ed  Erwinia caratovora.

6. Piantare

La semina del peperone avviene nei mesi primaverili, con temperatura e umidità controllate. Per questo motivo, di solito viene fatto in asili nido professionali o al chiuso.

Dobbiamo garantire una temperatura costante tra 25 ºC e 30 ºC. In condizioni normali, il seme ha bisogno di germinare circa 7 giorni nei mesi estivi e poco più, tra 10 e 14 giorni in inverno, in coltura protetta.

Quando la piantina ha 2 o 3 foglie vere, possiamo effettuare il trapianto nel luogo definitivo.

Quadri di impianto usuali nella  coltivazione del peperone 

La struttura abituale delle piante è di solito 1 pianta per metro quadrato, o quello che è lo stesso, in una superficie di 1 ha (10.000 m2), piantare 20.000 peperoni.

Tuttavia, la distribuzione più corretta è 1 m tra le file e 0,5 m tra le piante. Una maggiore densità di impianto comporta meno frutti per pianta e un minore sviluppo delle radici.

Se riduciamo il numero di piante per area, possiamo aumentare il numero di steli dall’incrocio, con aumenti della produzione per pianta. Puoi vedere questa opzione nella sezione di potatura.

7. Moltiplicazione

Il modo più pratico e semplice per ottenere nuove piante è attraverso i semi. Esiste un numero enorme di varietà di peperoni dolci e peperoncini piccanti, più grandi o più piccoli. Tra le varietà più diffuse ci sono il peperoncino californiano, il lamuyo e quelli mini come il padrón o i peperoncini piccanti.

8. Potatura

La coltivazione del peperone non controlla molto bene la produzione di steli, poiché ci sono aree con un’alta concentrazione di foglie e altri steli spogli. Per questo motivo, una tecnica comune nella coltivazione del peperone è la spellatura e la potatura iniziale, per avere un incrocio con 2 o 3 steli ben definiti, a seconda della struttura di impianto.

In ogni caso, i vantaggi della potatura in questa coltura sono ampi. Li descriviamo:

  • Ci sarà un maggiore ingresso di luce, quindi l’attività fotosintetica aumenterà e i frutti matureranno prima.
  • Miglioramento delle dimensioni e della forma dei frutti
  • Riduce la proliferazione di funghi che necessitano di umidità per riprodursi.

Lasciare sulla pianta tra 2 o 3 steli principali migliora la precocità e la produzione finale del peperone. Tuttavia, la scelta dell’uno o dell’altro dipenderà da ciò che apprezzi di più:

  • 2 rami principali: aumento della precocità
  • 3 rami principali: aumento della produzione.

Opzioni interessanti di peperoncino

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.