Piante

5 trucchi essenziali per coltivare il peperoncino serrano

Il mondo dei peperoncini e dei peperoncini piccanti come il peperoncino serrano è immenso. Ogni volta compaiono nuove varietà che cercano di superare se stesse in termini di grado di prurito.

Tuttavia, ci sono sempre i classici che non passeranno mai, come il peperone habanero, il jalapeño, il pepe nero, ecc.

Per l’importanza che ha in molti paesi e per il suo sapore incredibile, non potevamo perdere l’occasione di parlare di uno dei peperoncini più conosciuti, il peperoncino serrano. 

Il suo nome scientifico è  Capsicum annuum  cv. ‘Serrano Sinahusia’   e segue le stesse raccomandazioni tecniche della coltivazione del peperone.

Pertanto, questa Solanacee (questo è il nome della famiglia a cui appartiene) può adattarsi a diverse condizioni e colture.

Se non hai un giardino ma hai una terrazza o un balcone, sei fortunato! Non sfuggirai alla coltivazione del peperoncino serrano.

Caratteristiche del peperoncino serrano

È un peperoncino moderatamente piccante. Su una scala da 1 a 10 potremmo classificarlo come 5,5-6.

La cosa buona di questo tipo di peperoncino è la grande carnosità del frutto, pieno di sapore.

Saprai che ci sono molti tipi di peperoncini che sono molto piccanti ma che più avanti nel sapore non aggiungono nulla. In questo caso il peperoncino serrano esprime il contrario. Ottimo sapore e succosità che può essere consumato perfettamente crudo.

Come potrebbe essere altrimenti, questo peperoncino è originario del Messico, paese dove in estate concentra zone di grande luce e calore, perfette per coltivare qualsiasi tipo di peperone.

I frutti sono abbastanza grandi rispetto ai peperoncini che possiamo trovare di altre varietà. Misurano fino a 6 centimetri di lunghezza e tra 1 e 2 cm di larghezza.

Vi lasciamo un’idea per farvi conoscere in prima persona cosa ci troviamo di fronte con il peperoncino serrano.

Come coltivare il peperoncino serrano in vaso

Per le caratteristiche di crescita e fogliame del peperoncino serrano, è una pianta perfetta da coltivare in vaso.

Di solito non cresce molto alto, come potrebbe fare un peperone, e raramente supera il metro di altezza in un breve ciclo estivo (2 o 3 mesi). Produce foglie verdi di colore intenso e abbastanza scure, ma piuttosto piccole.

1. Non dimenticare di scegliere un buon substrato per qualsiasi pianta in vaso

Se hai intenzione di trascorrere i prossimi 40 anni in una casa, immagino che vorrai piacerti e sentirti a tuo agio. Questo confronto è applicabile alla coltivazione del peperone serrano in vaso.

E quando diciamo  di scegliere un buon substrato, non stiamo parlando di andare dal cinese più vicino e acquistare il sacchetto di substrato da 50 litri più economico e usarlo come base per le vostre piante.

Questo, caro lettore, è non avere molto apprezzamento per ciò che coltivi.

Ti consigliamo vivamente di avvicinarti ad altri tipi di stabilimenti e di acquistare substrati di qualità superiore. Si tratta di marchi come Compo, Fertiberia, ecc., che non rischiano la propria reputazione rimuovendo un substrato ricco di sali e conducibilità.

Ti è mai capitato di provare a far germogliare un seme, come quello del peperoncino serrano, e proprio quando sembra che stia per crescere e produrre le sue vere foglie, cade a pezzi?

  • Dai la colpa all’irrigazione eccessiva.
  • O forse, non so, il tempo.
  • «Che sfortuna ho sempre con i semi in germinazione, con quanto sembra facile sui video di YouTube».

Questo perché il dannato substrato che usi è di scarsa qualità. Non ha quasi nessun nutriente ma contiene più sali del mojama di un bar sulla spiaggia.

E che per una pianta che si sta formando e che ha a malapena radici è mortale.

Il miglior substrato per la germinazione

Per quanto riguarda la scelta del miglior substrato per far germogliare qualsiasi seme, consigliamo sempre lo stesso. Stiamo parlando di fibra di cocco.

Un substrato molto poroso costituito da fibre naturali della buccia di cocco che trattiene molto bene l’umidità e, a sua volta, grazie ai fori e ai pori che crea, permette all’acqua in eccesso di defluire, quindi

che la radice in formazione del peperoncino serrano sia nel suo ambiente ideale.

2. Come piantare il peperoncino serrano

Dobbiamo riconoscere che non tutti i semi che acquistiamo hanno lo stesso grado di difficoltà.

La germinazione delle fragole, ad esempio, è davvero difficile perché ci sono condizioni complicate per farlo in casa. Ma può.

La germinazione della stevia è molto difficile. Devi mantenere una temperatura costante durante il giorno e la notte e spesso questo può essere ottenuto solo con dispositivi elettrici.

Riuscire però a far germogliare il peperoncino serrano è un compito semplice e veloce, se il tempo (e il substrato) è buono.

Nei mesi primaverili ed estivi, nel giro di 5 giorni al massimo, possiamo vedere germogliare i nostri semi e spuntare alcune piante molto deboli ma continuare la loro strada verso il cielo.

Non ci sono segreti. Un vassoio per la germinazione, substrato di buona qualità, introdurre alcuni semi per alveolo a 0,5 cm e coprire accuratamente con altro substrato. Infine annaffiate con uno spruzzatore per non trascinare il seme sul fondo.

Pronto!

Alcuni vassoi di germinazione hanno spesso una copertura di plastica per mantenere la temperatura e l’umidità. Solo in primavera, quando la temperatura scende parecchio di notte, è consigliato. In estate non è necessario ed evita l’inutile decomposizione di semi e piantine.

Conservare il peperone serrano nel vassoio di germinazione fino a quando non cresce di 10 cm. Successivamente, puoi eseguire il trapianto in un vaso più grande, con lo stesso substrato.

Attenzione a non rompere le radici, è l’unica cosa che mantiene in vita la pianta.

3.- Condizioni climatiche per la coltivazione dei peperoncini

Non ti esporremo alle temperature e ai lumen di cui il peperoncino serrano ha bisogno in ogni fase della sua vita. Sarebbe inutile e qualcosa che non puoi controllare. Lo salviamo.

Quello che menzioneremo è che un peperone cresce diabolicamente in primavera e in estate. Si tratta di giornate piene di sole, notti che non scendono sotto i 20 ºC e luce superiore alle 10-12 ore.

Con queste condizioni il peperone, come le buone solanacee che è, vive tra i cotoni.

Dobbiamo anche dirvi che con il calore in eccesso, la pianta se la passa molto male. Vedrete come a mezzogiorno le foglie crollano e sembra che sia in stato catatonico e con un prete che gli fa l’unzione estrema.

Non c’è bisogno di disperarsi, con un po’ d’acqua nel substrato la pianta si riprende più tardi, soprattutto quando le temperature si abbassano.

Tuttavia, il problema arriva con l’ allegagione. Al di sopra dei 35 ºC, il polline cessa di essere vitale nella maggior parte delle varietà e il fiore abortisce dopo alcuni giorni senza essere in grado di fertilizzare.

4.- Dose di acqua e dose di fertilizzante

Quasi l’80% delle piante d’appartamento muore a causa dell’eccessiva irrigazione.

Eppure poi vedi un’erbaccia avventizia che cresce in un po’ di terra tra 2 piastrelle senza acqua da bere.

Questo perché il meccanismo biologico delle piante è più preparato ad affrontare la siccità rispetto all’acqua in eccesso.

Pertanto, molto controllo con l’acqua di irrigazione. Meglio che sia frequente ma con una dose molto bassa.

Un bicchiere d’acqua (250-300 ml) al giorno per vaso alto 30 cm è sufficiente per mantenerlo idratato. Vedrai che la superficie del substrato è asciutta, ma l’interno contiene una notevole umidità, perfetta affinché le radici ne prendano ciò di cui hanno bisogno.

Per piante più grandi sarà necessario applicare circa 300-500 ml di acqua.

Prodotti consigliati

E per quanto riguarda l’abbonato?

Anche se hai acquistato il substrato di migliore qualità sul mercato, come tutto in questa vita, tende a esaurirsi.

La riserva di NPK (azoto, fosforo e potassio) è lisciviata (sul fondo del vaso) o già assorbita dalla pianta e l’acqua di irrigazione non fornisce sufficienti livelli di nutrienti per una produzione interessante.

Sul mercato troverai milioni di tipi di fertilizzanti. Un mondo in cui perdersi.

Tuttavia, se il tuo è un hobby di avere qualche pentola di peperoncino serrano in terrazza, non preoccuparti perché non troverai molte differenze tra di loro.

In commercio puoi trovare fertilizzanti universali che soddisfano tutte le esigenze della pianta, dai macronutrienti ai micronutrienti.

Nelle specifiche ti dicono quanto contribuire per litro d’acqua. Normalmente i tappi dei contenitori sono atti ad essere utilizzati come erogatori ogni 8 o 10 litri di acqua.

E se sei già un tuttofare, puoi sempre passare al compost rapido per nutrire i tuoi peperoni serrano.

5.- Parassiti e malattie tipici del peperoncino

Non c’è distinzione tra parassiti e malattie che attaccano le varietà di peperoni. Tendono ad essere molto generici e osano con tutto, anche il peperoncino serrano.

Tra i parassiti più conosciuti che colpiscono il peperoncino serrano ci sono i seguenti:

  • Spider Mite Famosi piccoli ragni quasi invisibili che si trovano sul lato inferiore della foglia e creano ragnatele. Noterai che la pianta ha un aspetto clorotico o giallastro. È possibile utilizzare insetticidi ecologici a tripla azione
  • Afidi: sono abbastanza visibili all’occhio umano e si trovano sul lato inferiore della foglia, come il ragno rosso che colpisce peperoncini e peperoni. Con pazienza, possono essere controllati con sapone da bucato o sapone di potassio.
  • Bruchi: si nutrono voracemente di foglie e steli e le piante si esauriscono in pochissimo tempo. Noterai che intorno a loro compaiono palline nere (i loro escrementi) e foglie masticate. Un potente prodotto anti-bruco ed ecologico è quello di utilizzare Bacillus thuringiensis. Attenzione perché questi bruchi provengono da grinfie alate adulte e le larve hanno lo stesso colore della pianta del peperone serrano. Farai fatica a trovarli.
  • Trips:  piccoli insetti allungati che abitano i fiori dei tuoi peperoni. Provocano danni ai frutti, con superfici colorate argentate e lucide.

Tra le malattie più comuni del peperoncino serrano, la più difficile da eliminare:

  • Malattie della putrefazione:  eccesso di acqua che fa proliferare funghi come la Botrite o la sclerotinia. Chiamato anche marciume molle.  L’ideale è prevenire con ambienti asciutti, soleggiati e ventilati, evitando eccessi di acqua e pozzanghere.
  • Phytophthora e malattie del collo:  sono difficili da curare e si manifestano a causa di situazioni di stress per la pianta, solitamente dovute a ristagni idrici o soffocamento delle radici. Si raccomanda di non lasciare mai ristagni d’acqua sul piatto.
  • Oidio: zolfo in polvere per spolverare una malattia che compare sulle foglie, mostrando su di esse una polvere biancastra. La prevenzione è la cosa migliore, con applicazioni o liquidi una volta alla settimana. Questo terrà a bada anche i bruchi.

Varietà di peperoncino Serrano

All’interno dei peperoni serrano possiamo trovare diverse varietà e opzioni, tra loro molto simili tra loro o con distinzioni di colore e qualche sapore.

Hai tra queste opzioni e alcune altre che sicuramente esisteranno:

  • Serrano 237
  • Serrano 3036
  • Serrano Balin
  • Serrano del Sol F1
  • Serrano Huasteco
  • Serrano Viola
  • Serrano secco
  • Serrano essiccato dello Yucatan
  • Serrano Tampico
  • Serrano Vera Cruz

Dove comprare il peperoncino serrano?

Questo peperoncino è diventato uno dei più famosi. Sia per la facilità di produzione, le buone caratteristiche di commercializzazione che per il sapore. In Europa sta diventando più facile acquistarlo nei fruttivendoli che lavorano con una buona varietà di prodotti, come quelli che si trovano nei capoluoghi di provincia in Spagna.

Nei mercati tradizionali spagnoli si trova anche quasi nella stessa proporzione del pepe di Cayenna fresco.

Allo stesso modo, ci sono negozi online che hanno molte varietà di peperoncino, come l’habanero o anche il Carolina Reaper, che sono più rari ed estremamente piccanti (soprattutto quest’ultimo).

Ricette che contengono il peperoncino serrano come ingrediente protagonista

Tutto ciò che sa di Messico può o dovrebbe avere peperoncino serrano. Un peperoncino utile da consumare fresco, da arrostire o da incorporare in salse.

Vi lasciamo alcune idee per poterle utilizzare nei vostri piatti preferiti.

  • Mi mancano anche le enchiladas messicane con peperoncino serrano.
  • Salsa guacamole con peperoncino serrano.
  • Quesadillas al peperoncino serrano.
  • Salsa di pomodoro con peperoncino serrano.

Conosci altre ricette con il peperoncino serrano?

Il vantaggio del piccante

Anche se semplicemente per il fatto di soffrire il caldo quando ci mettiamo in bocca un peperoncino, pensiamo che sia dannoso per l’organismo, a dosi moderate produce benefici per l’organismo.

Le proprietà dei peperoncini sono associate al contenuto di un composto naturale noto come capsaicina. Il suo consumo ha proprietà analgesiche, agisce sui recettori del dolore e agisce positivamente contro malattie come la psoriasi o l’artrite reumatoide.

Tuttavia, c’è anche una ricerca che cerca di concludere se può, in quantità elevate, causare danni all’apparato digerente. Pertanto, si consiglia moderazione nel suo consumo.

Per analizzare il livello di piccantezza di un peperoncino si utilizza la tradizionale scala di Scoville, anche se oggi il sistema di classificazione più affidabile è quello della cromatografia.

Prodotti correlati:

Altre varietà di peperoncini e peperoncini

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.