Piante

Coltivazione dell’aloe di polpo (Aloe arborescens)

Il genere di piante succulente Aloe comprende un gran numero di specie ideali da coltivare sia in giardino che indoor. Uno di questi, diverso dalla solita Aloe Vera, è il cosiddetto polpo all’Aloe ( Aloe arborescens). Fisicamente abbastanza simile alle specie più conosciute, ma con una disposizione leggermente diversa delle foglie.

Se si vogliono cercare alternative al comune, l’ Aloe arborescens diventa una scelta pratica e versatile, oltre a ricevere le stesse cure del resto delle specie di Aloe e, ovviamente, è una specie molto facile da coltivare.

In questo articolo vi raccontiamo quali sono le caratteristiche principali della coltivazione dell’Aloe arborescens, sia piantata in giardino che in vaso, sul balcone o in casa. Sì, ben illuminato…

Principali caratteristiche del polpo all’aloe

L’ Aloe arborescens è una specie del genere  Aloe originaria della costa sud-orientale dell’Africa. Fa parte del gruppo premium più noto dell’Aloe, insieme alle note A. Vera, A. barbadensis e A. aristata,  tra le altre.

Ha un portamento cespuglioso, anche se la sua crescita lenta ne consente la coltivazione in vaso per molti anni. Questa pianta è molto ramificata, produce continuamente nuove foglie a rosetta su un unico stelo che, nel corso degli anni, diventa lignificato e più duro.

Nelle aree naturali delle principali aree di crescita (Africa principalmente), le specie più longeve possono raggiungere diversi metri di altezza, producendo una fioritura molto alta con colori rossastri che è molto attraente visivamente.

foglie e fiori

Le foglie sono molto simili a quelle dell’Aloe vera. Si tratta di un colore verde chiaro, molto carnoso (come è consuetudine nelle piante succulente) e con margine dentato o seghettato. Nel corso degli anni i fiori compaiono su uno stelo centrale che cresce fino a quasi un metro di altezza, formato da un’infiorescenza a grappolo del diametro di 20-30 cm.

Questa fioritura, contrariamente a quanto potremmo essere abituati, avviene in inverno. Da questi fiori spuntano i frutti, all’interno dei quali troviamo un gran numero di semi.

Nomi comuni più noti:  polpo aloe, candelabro aloe, aloe, acibar.

  • Ordine:  Asparagales
  • Famiglia:  Asfodelaceae
  • Genere:  Aloe
  • Specie:  Aloe arborescens

posizione principale

Sebbene sia distribuito in molte zone calde, la sua origine è africana, concentrata sulla costa sud-orientale. I principali paesi di origine sono Malawi, Mozambico, Zimbabwe e Sud Africa.

Per le caratteristiche climatiche offerte dal sud della Spagna e dall’intero versante mediterraneo, può essere coltivata senza problemi anche all’aperto.

Guida alla cura dell’Aloe arborescens

Andiamo a commentare le principali caratteristiche della coltivazione dell’Aloe arborescens, molto simili a quelle dell’Aloe vera.

Posizione e tempo

L’Aloe arborescens si adatta ad un’ampia escursione climatica di temperatura e umidità. Predilige le zone calde, con inverni miti e le zone costiere, in quanto le conferiscono l’umidità ambientale che si perde all’interno.

Facendo delle cifre a quanto detto, stiamo parlando di un intervallo di temperatura ideale compreso tra 18 ºC e 40 ºC. Questa forcina è molto grande ma è assolutamente veritiera. Per quanto riguarda l’umidità relativa si parla di un range ottimale compreso tra il 65-85%, ma preferendo sempre i numeri più bassi, poiché valori alti favoriscono la putrefazione.

Per una pianta appena trapiantata o riprodotta per talea, la temperatura ottimale per lo sviluppo delle sue foglie è compresa tra 20-25 ºC, sebbene tolleri temperature più elevate. In situazioni di freddo, non tollera temperature inferiori a -2 ºC.

tipo di suolo

L’Aloe arborescens è una pianta succulenta che si adatta molto bene a tutti i tipi di tessitura del suolo, anche quelli sabbiosi e molto sterili. Il suo terreno ideale è argilloso, con un ottimo grado di ossigenazione, facilità di aratura, drenaggio e spugnosità.

Le radici di aloe sono molto sviluppate, quindi necessitano di condizioni speciali di drenaggio e ossigenazione. Pozzanghere d’acqua prolungate finiscono per marcire l’apparato radicale e attirare malattie del collo difficili da eliminare.

Salinità

Il gruppo di piante di Aloe è altamente resistente alla salinità, e può essere coltivato in aree con conducibilità che superano i 5 mS/cm o anche più.

Materiale organico

Questa pianta succulenta si adatta molto bene a terreni poveri di nutrienti, ma ciò non significa che sia la condizione ideale. Infatti, è comune nei trapianti all’aperto incorporare un po’ di sostanza organica o compost (1-2 kg per buca). Questa operazione garantisce una maggiore ossigenazione del terreno e un rilascio prolungato di nutrienti alle radici.

Caratteristiche di irrigazione

Sebbene il polpo all’aloe sia una pianta che resiste molto bene alla siccità, le piantagioni professionali richiedono un minimo di 400 mm all’anno, motivo per cui nelle zone della Spagna sud-occidentale spesso non viene nemmeno raggiunto e necessita di un supporto per l’irrigazione a goccia.

Qualcosa di simile su scale più piccole quando coltiviamo Aloe arborescens nel nostro giardino costiero. Molto probabilmente, dovremo aggiungere acqua nei mesi più caldi della primavera e dell’estate.

Un tipico piano di irrigazione può essere il seguente:

  • Irrigazione in primavera ed estate: 1 irrigazione a settimana (situazioni più calde), con un’irrigazione di 30 min per 1 gocciolatore/pianta da 4 L/h
  • Irrigazione in autunno e inverno:  1 irrigazione ogni 15/20 giorni (a seconda del freddo) per 1 gocciolatore/pianta da 4 L/he un tempo di 20 min.

Le piantagioni professionali utilizzano tensiometri per misurare la disponibilità di acqua nel suolo. Per la coltivazione dell’Aloe, il valore consigliato è quello di annaffiare quando il tensiometro indica -70 cb. L’eccesso di umidità è una delle principali cause di marciume radicale e fogliare, con una soluzione difficile, quindi i rischi nell’Aloe arborescens devono essere molto bassi.

Irrigazione per la coltivazione in vaso

Innaffieremo solo quando il substrato sarà praticamente asciutto (pochissima umidità che non si attacca al dito quando lo introduciamo nel substrato9. Innaffieremo con un volume d’acqua pari a 1/4 di parte del vaso.

Immissione di fertilizzante

L’apporto dei fertilizzanti è molto ridotto e si riduce praticamente all’uso di fertilizzanti organici, dove è stato dimostrato che favorisce la produzione. La raccomandazione è di applicarli a fine inverno, riattivando la germinazione.

Puoi incorporare l’estratto umico liquido o un fertilizzante speciale per piante grasse, che fornisce azoto, fosforo e potassio. Seguire le raccomandazioni del produttore per il dosaggio da utilizzare. In caso di dubbio non aggiungere più di 1 ml/L di acqua.

Moltiplicazione

La moltiplicazione dell’Aloe arborescens può avvenire per seme, talea o per divisione dei polloni. Quest’ultima tecnica è la più semplice e quasi non fa nemmeno le prime operazioni.

Separazione dei polloni

Una pianta di Aloe può generare da 1 anno e mezzo di vita diversi polloni (normalmente 2) che nascono attorno al fusto della madre, producendo più di 4 o 5 da 3 anni. Ogni pollone può essere facilmente (e accuratamente) separato dalla pianta madre, producendo le proprie radici e rendendo diretto il trapianto.

È il modo più comune, semplice e consigliato per ottenere diverse specie di Aloe.

Potatura

Le operazioni di potatura e di manutenzione generale della pianta si riducono alla separazione dei polloni, che sottraggono energia alla pianta principale, e all’eliminazione delle foglie con sintomi di marciume o che ne sono affette.

Possiamo anche eliminare il fiore che appare una volta che inizia ad appassire, noto come fiore smussato.

smussamento del fiore

L’infiorescenza che compare durante l’inverno, per le sue grandi dimensioni, può ridurre la forza della pianta, quindi possiamo eliminarla praticando un taglio nel fusto principale, il più vicino possibile alla base.

Piaghe e malattie

parassiti

  • Ragnetto rosso ( Tetranichus urticae)
  • Cocciniglia cotonosa o melata ( Planococcus citri)
  • Mosca bianca ( Trialeurodes vaporariorum)
  • Nematodi ( Meloydogyne spp.)
  • Lumache

Malattie

Le principali malattie che colpiscono il collo e la radice dell’Aloe, causando macchie molli e scure sulle foglie, sono legate all’umidità eccessiva e ai terreni poco drenanti. Sono causati da funghi delle seguenti famiglie:

  • Pityum
  • Fitoftora
  • fusario

Per la sua prevenzione si consiglia l’ uso del rame applicato in fertirrigazione, sebbene esistano anche materiali curativi attivi di maggiore impatto.

Principali usi dell’Aloe arborescens

Come con l’ Aloe vera, ci sono varie applicazioni oltre al semplice giardinaggio. Sabila o Aloe producono estratti naturali da sempre legati alle proprietà curative contro ustioni e ferite. Ecco perché è così noto utilizzare le foglie di Aloe per applicarle sulla pelle o che troviamo un gran numero di prodotti dermatologici con estratti di questa pianta.

Tuttavia, andiamo ancora un po’ oltre, poiché negli ultimi anni si stanno analizzando e studiando proprietà molto più importanti per la biomedicina, con un effetto sul cancro.

Usi come pianta ornamentale

Questo uso è ben noto e spiegato, trattandosi di una pianta fuoristrada che si adatta molto bene alle condizioni del giardino e alla coltivazione in vaso. Può essere collocato in qualsiasi ambiente luminoso e con pieno sole in giardino, resistendo ad un’ampia escursione termica.

Coltivata in vaso, può essere collocata sia su terrazzi o balconi che all’interno della casa, sempre in ambienti ben illuminati.

La sua propagazione è molto semplice e si possono disporre diverse piante per decorare zone vuote della nostra casa. Non sono piante di grandi dimensioni e possono essere sistemate sia in armadietti che scaffali o in qualsiasi altro posto ti venga in mente.

Usi come pianta medicinale

Oltre al suo uso ornamentale, ci sono persone che ne raccolgono le foglie per ottenere il gel che produce e lo applicano sulla pelle. Ci sono molti studi che confermano il suo potenziale lenitivo e di aiuto nella guarigione delle ustioni, come nel caso dell’Aloe vera.

E il suo successo non è dovuto solo al fatto che favorisce la rigenerazione cellulare, ma ha anche un effetto batteriostatico, riducendo la possibilità di subire un’infezione nelle ferite causate da ustioni o tagli. ​

Prima di raccogliere una pianta di Aloe per il suo uso medicinale, si consiglia di interrompere l’irrigazione per almeno 3-5 giorni per preservare le più alte concentrazioni dei suoi principi attivi.

Ricerca recente

E andiamo un po’ oltre, poiché l’ Aloe arborescens non ha solo applicazioni sul derma. Alcuni studi sono già stati effettuati ed altri sono in corso sulle proprietà terapeutiche di questa pianta sul suo effetto contro lo sviluppo di tumori, che apre un campo di applicazione nell’uso combinato con i farmaci chemioterapici.

Questi effetti si basano sulla sua attività immunostimolante e antiproliferativa data la presenza di composti attivi come l’ acemannano (potente stimolatore dei globuli bianchi) e gli antrachinoni.

Prodotti consigliati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.