Piante

Coltivazione e cura della Jacaranda mimosifolia

Quando cerchiamo alberi da fiore speciali, dobbiamo contare su uno degli alberi ornamentali da fiore più spettacolari, ed è il caso della Jacaranda mimosifolia  o come è comunemente noto, jacaranda.

Il colore viola dei fiori, la sua forma e il gran numero di infiorescenze che produce su un albero così alto lo rendono una scelta speciale per qualsiasi giardino, passerella o parco cittadino. Sebbene questo albero sia coltivato in diverse zone del Sud America, si è adattato perfettamente alle zone più calde del continente europeo.

Per la sua coltivazione nelle zone più fredde è necessario seguire le raccomandazioni che offriamo, poiché l’albero di jacaranda è adattato a condizioni più tropicali e forti gelate possono influire sul suo sviluppo.

Questo e qualche altro consiglio che ti offriamo in questo articolo dove scopriamo la coltivazione della jacaranda.

Principali caratteristiche della  Jacaranda mimosifolia 

La jacaranda ( Jacaranda mimosifolia) è considerata un albero medio o alto, che nello stato adulto supera i 10 metri di altezza. Dal fusto sottile, a volte formato da due rami principali che si alzano da terra, ha solitamente rami più alti e offre buone condizioni di ombra.

Tuttavia, il suo grande fascino ornamentale nasce in una spettacolare fioritura viola, non comune in molti alberi da giardino. E anche, contando sul fatto che detta fioritura rimane a lungo sull’albero.

Le sue foglie sono piuttosto sorprendenti o, almeno, diverse dal solito. Sono bipennate, composte e complessivamente grandi, di colore verde e leggermente giallognolo. La fioritura avviene in primavera e dura per tutta l’estate. Successivamente, si formano i frutti e vengono avvolti in capsule fibrose e di basso peso a forma di nacchere.

Questi frutti si sviluppano generalmente dall’autunno, dopo la fioritura, e rimangono sull’albero quasi tutto l’anno, salvo l’azione del vento che li fa cadere.

Origine e curiosità

La Jacaranda mimosifolia  è un albero deciduo (deciduo) della famiglia delle Bignoniaceae.  Questa famiglia di alberi e piante è piuttosto unica, poiché comprende specie con fiori attraenti e a forma di tromba. Infatti, è comunemente conosciuta come la famiglia della vite a tromba.

La sua origine è sudamericana, ampiamente coltivata come albero ornamentale in Perù, Bolivia, Brasile, Paraguay e nelle zone più calde dell’Argentina e dell’Uruguay. Questa grande attrattiva l’ha portata ad attraversare lo stagno ea piantarsi quasi in tutta la penisola iberica, ma prediligendo le zone più calde e anche gli ambienti costieri.

tossicità per le piante

Fai attenzione con la jacaranda, soprattutto nei giardini con presenza di bambini e animali e specie giovani dove possono raggiungere i suoi rami. Praticamente l’intero albero, compresi fiori e foglie, è tossico se consumato. 

Alcune persone sensibili possono soffrire di lievi processi allergici cutanei se entrano in contatto con qualsiasi parte dell’albero, tranne il tronco.

Cura principale della jacaranda 

I fattori più importanti da tenere in considerazione per la coltivazione della Jacaranda mimosifolia  sono praticamente climatici. È considerata una specie abbastanza resistente che accetta volentieri concimazioni minerali.

Questo e controllando bene i rischi, otterremo un albero ben sviluppato con una fioritura spettacolare in pochi anni dalla sua messa a dimora.

Posizione, temperatura e illuminazione

La Jacaranda mimosifolia preferisce essere coltivata in zone calde, con estati calde ma con un po’ di umidità e inverni freddi. Resiste comunque alle gelate leggere, ma mai durante il periodo di fioritura.

Nei primi anni di vita si trova in una zona molto ben illuminata, e anche con piena esposizione al Sole. Quando l’albero è adulto, la sua stessa altezza significa che può avere più illuminazione, anche se non sarà più tale un requisito importante.

caratteristiche del suolo

La Jacaranda mimosifolia  può essere coltivata in tutti i tipi di terreno, anche di tipo alcalino. In assenza di micronutrienti, come il ferro, le sue foglie possono presentare un aspetto verde più clorotico e meno vivido, ma questo può essere corretto con chelati di ferro che resistono all’alto pH di questo tipo di terreno.

I terreni ideali sono argillosi, freschi, soffici e con una certa fertilità. È importante che possano immagazzinare acqua più a lungo poiché le loro radici hanno bisogno di umidità costante durante il loro sviluppo.

Per questo motivo, l’ utilizzo di sostanza organica attorno al tronco e incorporata in autunno può aiutare a formare un terreno più soffice, più spugnoso e con una maggiore capacità di trattenere l’umidità.

Forma e tipo di irrigazione

L’irrigazione dovrebbe essere moderata, soprattutto quando abbiamo piantato la nostra jacaranda in una zona con bassa umidità. Partendo da quanto abbiamo letto sulle caratteristiche del suolo, la frequenza ideale di irrigazione è quella che permette di mantenere nel suolo un’umidità continua o una capacità di campo. Ovviamente mai allagamento.

Un piano di irrigazione per Jacaranda mimosifolia può essere il seguente:

  • Irrigazione in primavera ed estate:  da 3 a 4 irrigazioni a settimana e 6-8 L/albero adulto e irrigazione.
  • Irrigazione in autunno e inverno:  da 1 a 2 irrigazioni a settimana, 4 -6 L/albero adulto e irrigazione.

Per la sua manutenzione in giardino, la cosa più semplice e pratica è posizionare 1 o 2 gocciolatori autocompensanti, utilizzando quelli con dosaggio di 4 L/h. 1 è sufficiente, ma se si posizionano due spazi stimolerà un numero maggiore di radici e non le concentrerà solo nella zona in cui posizioniamo il gocciolatore.

Guida alla fecondazione

Con l’ apporto periodico di sostanza organica, in ragione di 3-4 kg per albero adulto e anno sotto forma di pacciamatura, sarà sufficiente mantenere il terreno con un’adeguata fertilità. Tuttavia, se vogliamo promuovere una crescita rapida e rendere la fioritura più spettacolare, possiamo incorporare fertilizzanti minerali.

I più consigliati per questo albero, soprattutto per la facilità di incorporazione all’inizio della primavera, sono i fertilizzanti solidi granulari. In questa sezione potrete dare un’occhiata alla varietà disponibile e scegliere quella più appropriata, tenendo però presente che deve contenere azoto, fosforo e potassio e, in particolare, micronutrienti per dare verde alle foglie.

Frutti di Jacaranda mimosifolia

Moltiplicazione

La Jacaranda mimosifolia  può essere moltiplicata in modo relativamente semplice dai suoi semi. I frutti si ottengono e si separano dalla fibra una volta maturati, all’inizio dell’inverno.

Possiamo piantarli in vasi con una miscela di substrato universale e fibra di cocco, in modo da mantenere l’umidità in ogni momento fino a quando non vediamo uscire la piantina. Seppellire i semi con il substrato precedentemente inumidito a 1 cm di profondità. La posizione ideale è all’aperto, al riparo dalla luce solare diretta.

Il seme di solito ha bisogno di circa 1 mese per la sua germinazione. L’ideale è seminarli a fine inverno, in modo che la piantina emerga quando le temperature si alzano e inizia la primavera.

Possibili parassiti e malattie

Questo spettacolare albero in fiore è abbastanza resistente e resistente a parassiti e malattie. In alcuni casi può avere afidi, in coincidenza con il germogliamento di nuovi steli, che localizzano questi insetti in questa parte per succhiare la linfa nelle parti più giovani e fresche del jaracaranda.

In condizioni di elevata umidità e ristagno del terreno possono comparire funghi o batteri che provocano marciumi alla base del tronco, ma mantenendo un terreno adeguato e ben drenato, il loro aspetto è abbastanza raro.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.