Piante

Peyote (Lophophora williamsii): un cactus con proprietà psicoattive

Una pianta erbacea della famiglia dei cactus ( Cataceae) è conosciuta come peyote. Tuttavia, non si distingue proprio per essere una specie attraente dal punto di vista ornamentale, ma per le sue proprietà psicoattive basate sui suoi principi attivi.

Per molti anni è stato utilizzato dai messicani, poiché lì il peyote è endemico, in psicoterapia, meditazione e come droga psichedelica, al punto che il suo uso è proibito o limitato in molti paesi, come negli Stati Uniti o in Canada.

Per mera curiosità botanica, vogliamo mostrarvi le principali caratteristiche del peyote ( Lophophora williamsii) e la sua cura, poiché per le sue dimensioni può essere coltivato in vaso.

Caratteristiche del cactus peyote o hikuri ( Lophophora williamsii)

Il peyote è considerato un piccolo cactus, adatto alla coltivazione in vaso e contenitore, poiché è a crescita lenta e le sue dimensioni non superano generalmente i 10 cm. La sua forma curiosa, quasi sferica, simile a una pallina da golf, fa sì che alcuni curiosi la utilizzino come pianta da interno.

tassonomia

  • Ordine:  Caryophyllales
  • Famiglia: Cactacee
  • Genere: Lophophora
  • Specie: Lophophora williamsii

Nomi comuni: peyote, hikuri

Il cactus peyote emette una piccola fioritura situata nella corona della sfera, sebbene sia a crescita così lenta, possono volerci anni prima che la pianta emetta i suoi primi fiori (8 in media fino a 10 anni anche).

Utilizzare come sostanza psicoattiva

Come per molte piante, compresi i cactus, contiene sostanze alcaloidi come sistema di difesa contro l’attacco degli erbivori. Alcuni di essi sono usati nella medicina moderna per preparazioni di farmaci e anestetici.

Nel caso del peyote, contiene il 6% di alcaloidi, derivati ​​dall’aminoacido fenilalanina, il più noto è la mescalina ((3,4,5-trimetossi-B-fenetilamina). Questa sostanza è considerata un allucinogeno ed è stata utilizzata da molte comunità scientifiche poiché gli sono stati attribuiti poteri magici.

Mescalina

Questa sostanza alcaloide, nota per il suo potenziale psicoattivo, è stata consumata dall’umanità per più di 5.700 anni. Infatti è considerato uno dei più antichi alcaolidi conosciuti dall’uomo.

Tuttavia, la mescalina non è contenuta solo nel cactus peyote ( Lophophora williamsii), ma è presente anche in specie del genere Trichocereus.

  • Trichocereus pachanoi
  • Trichocereus terscheckii
  • Trichocereus macrogono
  • Trichocereus werdermanniano

Per ogni 30 grammi di pianta si possono ottenere tra 250 e 300 mg di mescalina. Le autorità sanitarie hanno valutato l’effetto del consumo di questa sostanza.

150 mg Dose minima
150 – 300 mg Lieve attività psicotropa
300 – 400 mg Moderata attività psicotropa, della durata da 6 a 12 ore
450 – 500 mg Forte attività psicotropa, che dura dalle 12 ore in poi
500 – 600 mg Attività psicotropa molto forte, che dura più di 24 ore

Cura principale del peyote

Le specie del genere Lophophora  sono generalmente piante a crescita lenta, quasi impercettibili nel corso degli anni. Ha però il vantaggio che la sua coltivazione è abbastanza rustica e si adatta a tutti i tipi di condizioni e intemperie.

Uno dei maggiori nemici di questo genere di piante e, in generale, di cactus, è l’eccesso di acqua. In genere provoca più del 90% dei decessi in questo tipo di piante, poiché si annaffia troppo pensando che il substrato, essendo asciutto, sia controproducente per lo sviluppo della pianta.

Quello che molti non sanno è che i cactus sono piante CAM (metabolismo acido delle crasulaceae), con il vantaggio che nelle ore più calde della giornata tengono chiusi gli stomi, la parte più sensibile alla perdita di acqua per traspirazione, quindi non bisogno di quanta acqua e gestirla straordinariamente bene.

Inoltre, ha la capacità di catturare l’acqua attraverso la rugiada e le variazioni di umidità tra la notte e il giorno, cosa molto comune nelle zone molto calde e desertiche, come il Messico, l’area in cui è originario il cactus peyote.

Climatologia

temperature

In generale, il peyote si adatta a tutti i tipi di esposizioni climatiche, comprese le alte temperature e anche gli inverni molto freddi con temperature sotto lo zero. Sopporta fino a -5 ºC, per brevi periodi di tempo, anche se la sua crescita è notevolmente ridotta al di sotto dei 10 ºC.

Supporta bene qualsiasi esposizione al sole, essendo il sole più consigliato nei mesi meno caldi e in penombra nei mesi caldi. Potremo raggiungere questo obiettivo solo se coltiviamo il nostro peyote in vaso.

Terra

A causa del suo basso sviluppo radicale, caratteristico di quasi tutti i cactus, il terreno dovrebbe avere sempre condizioni di tessitura sciolta, sabbiosa e una buona infiltrazione d’acqua. Pertanto, è tipico come i substrati dei cactus abbiano materiali inerti come perlite, vermiculite o ghiaia che migliorano la porosità e l’ossigenazione del mezzo.

Infatti, a causa della sua bassa produzione di radici, il rischio maggiore che corriamo è il terreno con ristagno idrico, che fa marcire rapidamente l’intera pianta.

Nonostante tolleri tutti i tipi di terreno, il substrato ideale per la coltivazione in vaso è leggermente acido, dove la maggior parte dei nutrienti, e soprattutto il ferro, rimangono solubili per l’assimilazione da parte della pianta.

Substrato ideale per cactus e piante grasse

La condizione ideale per un buon substrato in questo tipo di piante è garantire, soprattutto, un buon drenaggio. Non è necessario che, dopo aver applicato l’irrigazione, tutta l’acqua si perda in pochi secondi, ma occorre bagnarla facilmente ed eliminare il resto dell’acqua.

Otterremo questo risultato con miscele di terreni e composti con molta porosità e spazi per immagazzinare ossigeno. I componenti principali sono i seguenti:

  • Torba
  • Materiale inerte: roccia vulcanica, perlite o vermiculite
  • Sabbia

Irrigazione

L’irrigazione dei cactus e, soprattutto del peyote, deve essere molto ridotta. La frequenza delle irrigazioni in inverno dovrebbe essere praticamente nulla, poiché sono in grado di sfruttare le variazioni di umidità per assorbire, attraverso le foglie, acqua sotto forma di vapore.

Resiste molto bene alla siccità, e solo nei periodi più caldi irrigheremo, con poca acqua. Esagerare con l’acqua e mantenere il terreno umido favorisce il marciume radicale. Il peyote, come accennato in precedenza, è particolarmente sensibile ai terreni impregnati d’acqua e marcirà facilmente.

Abbonato

In genere il peyote non viene solitamente concimato, anche se se vediamo che ha perso il colore verde originale o manca un po’ di sviluppo, possiamo aggiungere un fertilizzante speciale per Crassulaceae e applicarlo all’inizio della primavera, ripetendo l’applicazione ogni 15- 20 giorni.

Sfrutteremo l’irrigazione nella stagione più calda per incorporare il concime liquido, poiché in questo caso è più consigliato, per via dello sviluppo delle radici e del substrato, rispetto a quello granulato. Seguiremo le raccomandazioni sulla dose del produttore, poiché un eccesso di sali aumenta eccessivamente la conduttività dell’acqua e può bruciare le radici appena formate.

trapianto di peyote

O perché abbiamo comprato un vasetto o perché dopo la sua crescita abbiamo bisogno di aumentarne il volume, il trapianto di peyote viene solitamente effettuato ogni 2 o 3 anni. Interessante anche questo per rinnovare il substrato, soprattutto quando incorporiamo materiali inerti come perlite, vermiculite o roccia vulcanica, poiché negli anni perde le sue proprietà.

Il trapianto di peyote verrà effettuato a fine inverno o all’inizio della primavera, quando il cactus non è entrato nella fase di crescita più rapida. Contrariamente a quanto si fa con altri tipi di piante in trapianto, si consiglia di inumidire il substrato dopo il trapianto. Questa operazione verrà eseguita diversi giorni dopo.

Moltiplicazione

Fonte: http://plantasparahombres.blogspot.com/

Esistono diversi modi per ottenere nuove piante di peyote. A causa della lenta crescita di questo cactus, si consiglia sempre, oltre alla sua facilità, di ottenere nuove piante dalla separazione dei polloni.

dai semi

Dopo la fioritura si ottengono semi minuscoli dall’aspetto circolare e dal colore nero. Li pianteremo in primavera, mantenendo l’umidità del nostro substrato poroso fino a quando non germoglieranno.

Per fare questo, dovremo mantenere una temperatura costante compresa tra 20 e 25 ºC, quindi è l’ideale farlo all’interno della nostra casa.

A causa della separazione della prole

Un modo molto più comodo e in cui facciamo avanzare lo sviluppo del nostro cactus di diversi anni è separare i polloni. Sulla pianta madre compaiono piccole nuove piantine, dall’aspetto globoso, che possiamo separare molto accuratamente dalla madre, tagliando dal rizoma sotterraneo.

Questi piccoli germogli sono facilmente separabili dalla pianta madre e possono essere piantati in nuovi vasi per mettere fuori le proprie radici.

Piaghe e malattie

A causa dell’aspetto rustico della pianta, delle sue piccole dimensioni e dell’epidermide dura che forma, è raro trovare insetti succhiatori, anche se i più comuni per i cactus sono i diversi tipi di cocciniglie.

Per quanto riguarda le malattie, pur essendo piante rustiche, possono essere colpite da funghi marciumi radicali e stelo solo se le condizioni di umidità del substrato sono elevate, cosa che abbiamo accennato è estremamente pericolosa nella coltivazione di questo tipo di piante.

Prodotti consigliati

Piante legate ai cactus

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.