Piante

Messa a dimora e cura di Lavandula latifolia

Il genere Lavandula raggruppa un gran numero di specie simili con proprietà medicinali e aromatiche. Nel caso odierno incontreremo la specie Lavandula latifolia, con una rassomiglianza molto ragionevole alla lavanda comune ( Lavandula officinalis) o alla lavanda ( Lavandula angustifolia).

Sono tutte piante adattate al clima mediterraneo e hanno cure molto simili. Lo stesso accade con il contenuto di principi attivi, con piccole differenze tra le specie. In questa scheda vegetale andremo a conoscere le principali caratteristiche e le cure per coltivare Lavandula latifolia in giardino.

Caratteristiche della Lavandula latifolia

La Lavandula latifolia è una specie erbacea o arbustiva considerata aromatica e medicinale adattata a diversi tipi di clima. Può essere visto coltivato in vaste aree della Spagna e anche nel Regno Unito.

Produce foglie e steli tutto l’anno, tranne in inverno, quando entra in un arresto vegetativo se le temperature scendono sotto i 10ºC. In genere non supera solitamente il metro di altezza, con foglie lineari molto aromatiche, soprattutto quando entriamo in contatto con esse.

Usi medici

In generale, Lavandula latifolia offre le stesse proprietà medicinali riconosciute alla pianta comune della lavanda (L avandula officinalis). Tuttavia, l’olio essenziale che può essere estratto dalla pianta è di qualità leggermente inferiore rispetto alla lavanda normale.

Grazie alle sue proprietà e ai suoi principi attivi, agisce come un potente antisettico e antibatterico. È usato localmente per promuovere la guarigione delle ferite, la guarigione delle ustioni e anche in aromaterapia.

Il suo odore è leggermente peggiore di quello di altre specie di lavanda, con un pungente aroma di canfora (il componente principale della pianta, con quasi il 36% degli oli essenziali totali).

Oli essenziali e principi attivi presenti

  • D-canfora (36%)
  • 1-8 cineole (33%)
  • D-borneolo (4%)
  • Alfa pinene (4%)
  • Beta pinene (3%)
  • Cariofillene (2%)
  • Guaiazulene 2%
  • D-canfene (2%)
  • lino
  • Geraniolo

Nomi comuni abituali:  alhucema, espriego, lucema, caprifoglio, azucema.

tassonomia

  • Famiglia: Lamiaceae
  • Genere: Lavandula
  • Sezione: Lavandula
  • Specie: Lavandula latifolia 

Cura della Lavandula latifolia

Climatologia

Temperatura

La Lavandula latifolia è considerata una pianta rustica adattata al freddo invernale e al caldo estivo. Supporta un’ampia gamma di temperature, anche quelle ghiacciate. La temperatura ottimale per lo sviluppo e la produzione più elevata è compresa tra 15 ºC e 25 ºC.

Umidità

È una pianta rustica abituata a diversi ambienti, anche se preferisce ambienti asciutti o con umidità relativa inferiore al 70%.

illuminazione

Può essere coltivata in pieno sole o semi-ombra, ma evitando zone molto ombreggiate o zone con ombra in eccesso da altre piante più grandi. In generale, le specie di lavanda e lavanda vengono solitamente piantate in pieno sole, offrendo rese più elevate e accumulo di oli essenziali.

Terreno o substrato

In giardino l’unica cosa di cui abbiamo bisogno è avere un terriccio con un buon drenaggio. Pertanto, cercheremo di evitare il più possibile i terreni con un eccesso di argilla ( qui potete vedere i tipi di texture).

L’apporto di materia organica nella buca di impianto favorisce la produzione di nuove radici e lo sviluppo della pianta in primavera, con l’arrivo di temperature migliori.

Se decidi di coltivare Lavandula latifolia in vaso, è interessante mescolare qualche tipo di elemento poroso nel substrato universale per favorire il drenaggio dell’acqua. Puoi optare per fibra di cocco, perlite, sabbia o vermiculite, tra gli altri.

Irrigazione

Lavandula latifolia  richiede poca umidità per il suo sviluppo. Ha una grande resistenza allo stress idrico ed è preferibile mantenere il terreno asciutto prima di introdurre la successiva irrigazione. In effetti, la maggior parte dei problemi associati al marciume radicale o al soffocamento in questa pianta sono associati all’eccesso di acqua, cosa che il genere Lavandula non tollera.

Un programma di irrigazione consigliato può essere il seguente:

  • Annaffiature in estate:  2 annaffiature a settimana, con un quantitativo. Per un cespuglio adulto, una quantità compresa tra 3 e 6 L/pianta.
  • Irrigazione in inverno:  tra 1 annaffiatura a settimana o 1 ogni 15 giorni, a seconda delle precipitazioni.

Abbonato

A seconda dello sviluppo della pianta e del nostro interesse per la sua crescita, possiamo scegliere di applicare fertilizzanti nei mesi primaverili (da marzo, con 1 o 2 applicazioni per campagna).

Un fertilizzante consigliato per questa pianta è il fertilizzante granulare NPK 12-8-16, con magnesio e zolfo. Contiene un’elevata concentrazione di azoto, particolarmente indicato per la produzione di nuovi steli, fosforo per favorire la radicazione e la produzione di zuccheri e potassio, che garantisce un maggiore accumulo di oli essenziali.

Dosi consigliate:

Da 100 a 300 g per pianta adulta, applicati all’inizio della primavera e attorno al fusto. In piena estate, possiamo riapplicare con lo stesso importo. Il fertilizzante si dissolverà lentamente e rilascerà i nutrienti con le applicazioni di irrigazione e l’umidità ambientale.

Moltiplicazione

Propagazione di Lavandula latifolia attraverso i semi

La germinazione per seme non è delle più idonee, a causa della bassa percentuale di germinazione che offre rispetto ad altre piante medicinali. Il potere di germinazione è inferiore al 35%, quindi se vogliamo utilizzare questa via di propagazione, dobbiamo piantare abbastanza semi sperando che 1/3 di essi germini. Li coltiveremo a una temperatura media tra 15 e 25 ºC.

taglio vegetativo

Un altro sistema per ottenere una pianta identica alla madre è attraverso il sistema della moltiplicazione per talea. Da una pianta adulta si seleziona un fusto di circa 10 cm di lunghezza, con piccoli germogli lignificati, asportando le foglie dalla parte inferiore.

Lo stelo viene posto in un contenitore con una miscela di fibra di cocco e substrato universale, mantenendo un’umidità costante in ogni momento e un intervallo di temperatura adeguato.

potatura

Il genere Lavandula non necessita di potatura, ad eccezione di potature ornamentali per conferire al cespuglio una forma specifica. Nei casi in cui siano presenti rami secchi o danneggiati da urti meccanici o dalla presenza di insetti, si possono anche rifilare con forbici affilate.

Parassiti e malattie della Lavandula latifolia

parassiti

Alcune specie medicinali e il genere Lavandula possono avere la presenza di cocciniglie (costolate o cotonose), un insetto immobile che vive negli steli succhiando la linfa e indebolendo lentamente la pianta.

Per eliminare la pianta, puoi scegliere di utilizzare saponi che ammorbidiscono l’esoscheletro e puliscono il parassita, come il sapone di potassio. Puoi anche optare per insetticidi a contatto, perossido di idrogeno o acido acetico (aceto).

Malattie

In ambienti molto umidi o con irrigazione eccessiva, possono comparire funghi del collo e delle radici che provocano la putrefazione della pianta. Tra le malattie più comuni di Lavandula latifolia  ci sono Poma lavandulae, Septoria lavandulae  e  Amarilla mellea.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.