Suggerimenti

Guida all’uso del chelato di ferro per le tue piante

Il ferro è un microelemento essenziale per le piante. Sebbene la crosta terrestre sia costituita da una parte importante di questo elemento, la maggior parte di esso è in uno stato insolubile per le piante. Da qui la necessità di utilizzare, nella maggior parte dei casi, il chelato di ferro.

Il chelato è un modo per proteggere il ferro dall’insolubilizzazione, che di solito avviene quando il pH del terreno sale al di sopra di 6. La stabilità di questo elemento mantiene il ferro in uno stato di totale solubilità.

In questa guida vogliamo analizzare l’importanza dell’uso del chelato di ferro per evitare la clorosi ferrica nelle colture, analizzando la dose d’uso e consigli per l’uso.

Assorbimento di ferro da parte delle piante

Le piante possono assorbire il ferro allo stato ferroso (Fe2+) e allo stato ferrico (Fe3+). Quest’ultimo, a pH neutro e alcalino, è praticamente insolubile e, quindi, non assimilabile dalle piante.

Nella crosta terrestre il ferro costituisce una parte del 5% del totale, sebbene si trovi allo stato ferrico (Fe3+).

Una volta assimilato dalle radici o dalle foglie, il suo trasporto è lento, e di solito si fissa inizialmente sulle foglie giovani.

Quando la domanda di ferro è elevata e c’è una carenza nella pianta, le foglie giovani mobilizzano tutto il ferro verso le foglie adulte, così che in queste foglie si verificano i primi rilevamenti di carenza.

Aspetto di clorosi ferrica

Nei terreni calcarei, con un pH superiore a 7,5 e una grande quantità di calcio e magnesio, la maggior parte del ferro contenuto nel terreno è allo stato insolubile.

Tra le varie forme di ferro, lo stato ferrico (Fe3+) è praticamente insolubile per le piante, quindi provocherà la cosiddetta clorosi ferrica o carenza di ferro.

Il problema è che lo stato ferroso (Fe2+) si ossida facilmente a ferrico, quindi è necessario utilizzare agenti chelanti o complessanti per proteggerlo da tale ossidazione.

Questa carenza si manifesta con la perdita del verde originale nelle foglie, inizialmente nelle foglie più giovani e, successivamente, in quelle più adulte.

Il modo per differenziare la clorosi ferrica da altre carenze nutrizionali è che, in questo caso, nelle fasi iniziali, i nervi delle foglie conservano ancora il loro colore verde originale.

Fabbisogno di micronutrienti delle colture

Nella maggior parte dei casi, il chelato di ferro viene utilizzato in momenti specifici dello sviluppo delle colture. Uno dei momenti in cui questo prodotto viene maggiormente utilizzato è durante la fase di germogliamento delle colture, che spesso coincide con la primavera e l’innalzamento delle temperature.

Tuttavia, la maggior parte degli studi scientifici concorda sul fatto che il modo migliore per nutrire le piante è incorporare sempre, in tutte le irrigazioni, la parte proporzionale di questo elemento.

In questa tabella puoi vedere l’importo esatto di cui la maggior parte di loro ha bisogno:

Elementi Fede min Cu zinco B. Mo
ppm (mg/l) 1.5-2 0.8 0.06 0,15 0.4 0,05

Tipi di chelato di ferro

EDTA:  noto come acido etilendiamminotetraacetico. La chelazione EDTA di ferro, zinco e manganese è abbastanza comune. Protegge gli elementi nei terreni acidi, ma non lavora al di sopra del pH 7. Può essere utilizzato in applicazione fogliare e in fertirrigazione.

HEDTA: La sua formula chimica è acido idrossietiletilendiamminetriacetico. Complessa il ferro a pH acido, ma non è efficace quando siamo di fronte a un terreno calcareo.

DTPA:  noto come acido dietilentriamminopentaacetico, con efficace attività chelante dei microelementi, ad eccezione del ferro, che si trova solo a pH acido (fino a 7).

Massima protezione per il ferro:

EDDHA:  uno dei chelati oggi più utilizzati per proteggere il ferro, offrendo un’ampia gamma di stabilità del pH (da 3 a 11). Presenta isomero orto-orto [o,o] a rilascio lento e isomero orto-para [o,p] a rilascio più rapido.

EDDHMA:  un’interessante alternativa all’EDDHA con maggiore stabilità di chelazione. È una controparte del precedente.

EDDHSA: un’altra forma di chelazione che integra il tradizionale EDDHA, con un’ampia gamma di protezione del ferro.

chelato Intervallo di pH Applicazione
EDTA Fe 4-6 fogliare e idroponica
Fede IDHA 4-6 Fogliare
DTPA Fe 4-7 Fertirrigazione
EDDA Fede 3-11 Fertirrigazione
HBED Fe 4-12 Fertirrigazione

Usi e dosaggio del ferro EDDHA per diverse colture

Agrumi:

Dose di 40-90 g/albero, dividendo l’applicazione 2 due per campagna.

  • Alberi giovani: 8-15 g/albero
  • Entrata in produzione: 15-40 g/albero
  • Piena produzione: 50-90 g/albero

Leggi tutto: ruolo dei nutrienti negli agrumi

Colture idroponiche:

Dose di 10 g/hl (100 litri)

alberi da frutta:

Dosaggio di 40-90 g/albero, suddividendo l’applicazione in 2 dosi per campagna.

  • Alberi giovani: 8-15 g/albero
  • Entrata in produzione: 15-40 g/albero
  • Piena produzione: 50-90 g/albero

Colture orticole:

Si consiglia l’applicazione continua, alla dose di 1,5-2 ppm (mg/L)

Dose di 10-30 kg/ha. Diluire 1-2 kg ogni 10 m3 di acqua.

uliveto:

Dosaggio di 40-90 g/albero, suddividendo l’applicazione in 2 dosi per campagna.

  • Alberi giovani: 8-15 g/albero
  • Entrata in produzione: 15-40 g/albero
  • Piena produzione: 50-90 g/albero

Leggi tutto: come concimare l’oliveto

Ornamentale:

Dose di 2-6 g/m2

Albero di banane:

Applicazione 5-15 g/albero

Vite:

Dose di 5-15 g/ft

Quantità di chelato di ferro per litro d’acqua

Va tenuto presente che la solubilità del chelato di ferro con la formula EDDHA è piuttosto bassa e di solito si presenta sotto forma di polvere. La solubilità massima è di 60 g/L di acqua.

Per le colture di agrumi, frutta e olivo, la quantità per un albero adulto è di 50-90 g/L. Si consiglia di applicare almeno 10 L di acqua distribuita su tutta la superficie radicolare. Pertanto, si possono preparare 60 g di chelato di ferro EDDHA (in terreni calcarei) per ogni secchio d’acqua da 8-10 L.

Chelato di ferro fogliare

Applicare alla dose massima dello 0,1% (100 g di prodotto in 100 litri di acqua) e ripetere l’applicazione se necessario. In questo caso è meglio applicare i complessi a livello fogliare o, ad esempio, utilizzare il chelato EDTA al posto dell’EDDHA.

Data la stabilità e l’intervallo di pH che offre EDDHA (da 3 a 11), il suo utilizzo nel terreno è altamente raccomandato.

Prodotti correttivi per la clorosi ferrica

Prezzo d’acquisto

Il prezzo di acquisto è abbastanza variabile in base alla marca, anche se la composizione è praticamente la stessa. L’unica differenza che troveremo nei diversi prodotti è la concentrazione dell’isomero ortho-ortho [o,o] e ortho-para [o,p], che misura il gradiente di rilascio del ferro chelato.

A livello professionale possiamo acquistare sacchi a un prezzo compreso tra 7€ e 10€/kg.

Acquista chelato di ferro online

Articoli correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.