Suggerimenti

5 consigli per prenderti cura della tua Dracaena marginata

La Dracaena marginata, comunemente nota come dracaena, è una delle piante preferite per molti interni, come uffici e soggiorni. L’aumento del numero di esemplari negli ambienti urbani è dovuto alla scarsa manutenzione che richiede.

Una pianta simile a una palma che difficilmente infastidisce e offre una buona rusticità purché l’ambiente all’interno della casa o dell’ufficio abbia una buona umidità e temperatura.

Vogliamo darvi alcuni consigli sulla sua coltivazione, come garantire il corretto ingresso della luce, gestire un buon substrato e il suo drenaggio, e piccoli aiuti come il controllo di parassiti e malattie, le condizioni di moltiplicazione o irrigazione (questo argomento è molto importante!).

Caratteristiche della Dracaena marginata

La Dracaena marginata  è una delle poche piante conosciute più con il nome scientifico che con il nome comune. In effetti, questo nome deriva dalla derivazione di parte del suo nome scientifico, poiché di solito è noto come drácena o dracaena, così com’è.

Appartiene alla famiglia delle Asparagaceae (Asparagaceae) e può essere classificata come pianta o piccolo arbusto, in quanto presenta uno o più tronchi principali che sbucciano progressivamente le foglie, lasciando la parte superiore con foglie filamentose di colore verde scuro.

La Dracaena marginata è ideale come pianta d’appartamento e coltura in contenitore grazie alla sua crescita lenta. Durante il suo ciclo di vita, dovrai trapiantare solo 1 o 2 volte al massimo. Spesso si acquistano esemplari già di grandi dimensioni per via della loro grande vistosità e perché non sono costosi per l’uso come pianta ornamentale.

La sua origine  è Aficano (Africa tropicale), poiché necessita di condizioni di umidità moderata e non tollera la siccità estrema. Le sue foglie cadono appena, sono lunghe e sottili, occupano poco spazio e la loro lenta crescita non provoca quasi nessun inconveniente.

Ecco perché è l’ideale per iniziare come un principiante nel mondo della cura delle piante e degli arbusti. Pertanto, viene utilizzato frequentemente anche negli uffici e negli uffici.

Inoltre, sulla base di questa lenta crescita, offre un’elevata longevità, che di solito supera i 60 e i 70 anni, a seconda della sua cura.

Perché duri così tanti anni, e in questo caso, a causa della sua durata, dovrete lasciarlo testimoniare ai vostri figli e nipoti, ecco una serie di consigli per evitare la sua agonia premeditata e perché duri per molti, molti anni.

Dracaena marginata cura

Luce, umidità e temperatura

Come pianta da interno, dobbiamo trovare il punto perfetto per la Dracaena marginata dove ha accesso a una buona illuminazione senza che i raggi del sole siano a diretto contatto.

Vicino a una finestra, ma in un angolo, può essere un luogo ideale, poiché permette di accedere a quanta più luce possibile senza subire scottature nei mesi estivi.

Tuttavia, in inverno puoi metterlo direttamente al sole, poiché i raggi ultravioletti non intaccano le sue foglie in modo aggressivo.

Per quanto riguarda la temperatura,  tenerlo lontano da fonti di calore (radiatori) o in ambienti freddi (vicino ad aria condizionata).

Al di sotto dei 10-12 ºC, la pianta smette di crescere e parte delle radici inizia a perdere. Il suo sviluppo ottimale si ottiene a partire da 20 ºC.

Si raccomanda di non superare i 30 ºC, poiché gli stomi si chiudono e la pianta non traspira (quindi non assorbe acqua o sostanze nutritive).

In generale , la Dracaena marginata si adatta perfettamente a tutti i tipi di ambienti all’interno della casa, poiché presumiamo che non sarà inferiore a 10ºC o superiore a 30ºC.

Terreno e substrato

Quando lo coltiviamo in giardino, dobbiamo adattarci alla consistenza e alla qualità del terreno che abbiamo, anche se possiamo apportare piccoli miglioramenti (incorporazione di sostanza organica).

Quando coltiviamo la Dracaena marginata  come pianta d’appartamento, abbiamo l’obbligo di preparare il miglior substrato possibile.

Il primo requisito di Dracaena è avere un buon drenaggio quando facciamo l’irrigazione. In tal caso, si ottengono i migliori risultati con il substrato commerciale mescolato con compost e un po’ di sabbia (in molti casi è già inclusa in fabbrica).

Non possiamo dimenticare di assicurarci che il fondo del vaso abbia abbastanza fori per consentire un adeguato drenaggio.

Spesso basta un sottofondo con ghiaia per garantire che nessun substrato si disperda attraverso i fori e che abbiamo un drenaggio adeguato.

Poiché i substrati commerciali dispongono di una fonte luminosa di nutrienti (per non aumentare eccessivamente la conducibilità), è necessario reintegrare questi nutrienti ad ogni inizio dello sviluppo vegetativo.

Questo coincide con i mesi primaverili, anche se ne parleremo nella sezione abbonati.

Riassunto del substrato ideale

  • Acquista substrato commerciale (2/3) a cui incorporeremo humus di torba o lombrico (1/3).
  • Metteremo la ghiaia sul fondo del vaso, per evitare che la torba fuoriesca e per favorire il drenaggio.
  • Alcuni substrati includono sabbia di quarzo. Aumenta la sua permeabilità e migliora la struttura

Confronto di substrati per Dracaena

Irrigazione

Uno dei momenti chiave quando acquistiamo una nuova pianta, nello specifico la Dracaena marginata,  è sapere come distribuire la frequenza delle irrigazioni e la quantità da aggiungere.

È uno dei più grandi mal di testa, poiché nel 90% dei casi la maggior parte delle piante in vaso muore per soffocamento da tanta acqua invece che per stress idrico o siccità.

Poiché all’interno della casa l’escursione termica tra inverno ed estate non è molto elevata, aggiungeremo praticamente la stessa quantità di acqua, ma più o meno frequentemente.

La putrefazione dovuta all’irrigazione eccessiva è molto comune in questa pianta, quindi l’ irrigazione dovrebbe essere minima e molto controllata.

Frequenza di irrigazione: 

  • Primavera ed estate: 1 irrigazione a settimana
  • Autunno e inverno: 1 annaffiatura ogni 15-20 giorni

Quantità d’acqua

  • 0,5 litri per piante con vasi di diametro inferiore a 30 cm.
  • 1 L per pentole > 30 cm di diametro

Con questi dati iniziali, adegueremo la dose in base al drenaggio dell’acqua che si verifica nel piatto (troppo fa male, poiché acqua e sostanze nutritive si perdono). Possiamo accorciare o allungare l’irrigazione per un giorno in più e aggiungere più o meno quantità.

È sempre meglio non essere all’altezza che spingersi troppo oltre, poiché i sintomi dello stress idrico sono molto più evidenti e identificabili di quelli dell’eccesso di acqua.

Abbonato

Quando i nutrienti del substrato che abbiamo fornito si esauriscono, è necessario applicare i nutrienti esternamente.

Abbiamo 2 alternative: fertilizzanti granulari (a lenta cessione) e fertilizzanti liquidi (applicazione continua)

Per la Dracaena marginata  di poche attenzioni (in ufficio oa casa ma senza potervi dedicare molto tempo), i più consigliabili sono i concimi granulari a cessione graduale. Ciò consente l’applicazione 1 volta al mese e si dissolvono lentamente con l’acqua di irrigazione.

I fertilizzanti liquidi dovranno essere applicati una volta ogni 4 irrigazioni (due volte al mese) e dovremo controllarne e misurarne la quantità, poiché un eccesso fa accumulare molti sali nella pianta e ve ne accorgerete subito.

Fertilizzante consigliato  : fertilizzante universale NPK 12-8-16 + micronutrienti

Confronto di fertilizzanti

Moltiplicazione

Sebbene non sia molto comune effettuare la moltiplicazione o la riproduzione della Dracaena marginata (per via del suo basso costo nei vivai e nei negozi di giardinaggio), il modo più appropriato per farlo è tagliare il gambo in primavera.

Si seleziona uno stelo di massimo 1 cm di spessore e 30 cm di lunghezza, sbucciamo le foglie lasciandone 2 o 3 al massimo e piantiamo direttamente in un substrato di fibra di cocco (è quello che immagazzina la maggior quantità di umidità senza marcire).

Manteniamo sempre un’umidità costante e aspettiamo che appaiano nuovi germogli, segno che c’è stata una buona presa e l’emergere di nuove radici.

Sarà spesso consigliabile mescolare le polveri dell’ormone radicante nel substrato.

Se poniamo la talea di Dracaena marginata  direttamente sul gambo, corriamo il rischio che marcisca facilmente, poiché è abbastanza lignificata.

Potatura di Dracaena marginata

In generale, non c’è motivo di potare la Dracaena marginata se non per gli steli danneggiati o marci.

Per eseguire l’operazione, l’ideale è utilizzare forbici molto affilate ed eseguire un taglio diagonale, per evitare che l’umidità della rugiada ristagni e acceleri la comparsa di malattie.

Trapianto

Quando osserviamo che il vaso è troppo piccolo, è tempo di trapiantare. 

Questa operazione è estremamente rischiosa perché se non la facciamo con attenzione possiamo danneggiare le radici e far crollare la pianta.

Il momento ideale per farlo è quando c’è temperatura e luce diurna per molto tempo, come la primavera o l’estate.

Dopo il trapianto bisogna irrigare abbondantemente per idratare nuovamente il substrato e poi applicare il concime che accelererà la formazione di nuove radici.

Piaghe e malattie

parassiti

Anche all’interno della casa o dell’ufficio è possibile trovare cocciniglie o acari, che sono i due insetti che più attaccano la Dracaena marginata.

La cocciniglia è facilmente individuabile poiché ha un colore bianco e un aspetto cotonoso. Si rimuove facilmente a mano o trattando con uno spruzzatore e 2 ml/L di sapone liquido o acqua ossigenata.

Per gli acari (come i ragnetti rossi), sono più difficili da vedere in quanto sono minuscoli, ma macchie clorotiche e minuscoli punti gialli indicheranno la presenza di questi acari.

L’umidità è pessima per questo tipo di peste, che possiamo risolvere anche con l’applicazione di spray di sapone liquido, sapone di potassio o zolfo liquido (la soluzione migliore).

Malattie

Solo in situazioni di eccessiva umidità troveremo malattie del collo come Phythopthora  o Fusarim  (marciume del collo).

Questi funghi sono molto difficili da eliminare e, salvo trattamenti con prodotti fitosanitari o rame, a lungo andare intaccheranno la pianta, che perderà le foglie e subirà il marciume interno ( cambio vascolare) dei suoi fusti.

Problemi e soluzioni di Dracaena

Ci accingiamo a commentare alcuni dei principali problemi che può soffrire.

Foglie cadute

Spesso, quando le foglie di Dracaena hanno precedentemente colorato un aspetto da giallo a brunastro, finiscono per cadere.

Se le foglie sono sane e si trovano in basso, è normale, poiché il gambo continua ad ispessirsi e crescere verticalmente, tante foglie inferiori cadono. La pianta continua la sua crescita.

Dracaena marginata con punte delle foglie secche o marroni

La vostra dracaena si trova in un ambiente molto secco (ricordate che è una pianta tropicale) e il substrato presenta un eccessivo accumulo di sali.

Dobbiamo spruzzare tutte le foglie con acqua due volte a settimana per aumentare l’umidità relativa dell’ambiente. Inoltre, dobbiamo controllare se stiamo annaffiando a sufficienza, controllando con un dito l’umidità che è profonda 5 cm nel substrato (dove si trovano le radici).

Dracaena marginata con foglie gialle

È necessario distinguere tra le foglie superiori (foglie nuove) e le foglie inferiori (foglie adulte).

A causa della sua crescita lenta, è normale che la tua Dracaena marginata  perda le foglie, che subiscono un lento processo di clorosi (diventano gialle e brutte). L’ideale è potarli per evitare che marciscano o riducano l’energia della pianta, poiché non sono validi per la fotosintesi.

Se le foglie superiori (quelle nuove) ingialliscono, questo è segno che la dracaena soffre di una carenza di nutrienti, come azoto, magnesio e micronutrienti (ferro, zinco e manganese, tra gli altri).

È necessario cercare un correttore nutrizionale e applicare i nutrienti, come abbiamo consigliato nel punto sulla concimazione.

Dracaena marginata con foglie gialle, flosce (appassite).

Le foglie flaccide sono un chiaro sintomo di un eccesso di acqua. Poiché non c’è abbastanza ossigeno nel substrato, le radici smettono di crescere e marciscono, la pianta prende molta acqua e danneggia visibilmente la pianta.

Prodotti correlati:

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.