Suggerimenti

Come compostare velocemente

L’hobby di generare compost anche sul nostro terrazzo sta prendendo piede. I vantaggi sono molto alti dato che stiamo fornendo fertilizzante per le nostre piante (a costo zero) e per di più riduciamo il contenuto di rifiuti organici in casa, che si riassume nell’eliminazione dei rifiuti molto meno.

Tuttavia, il  fattore limitante della creazione del compost è che siamo limitati al bel tempo all’esterno e quindi a fattori che  non possiamo controllare.  Con l’arrivo del calore, la marcia accelera e il processo di generazione della materia organica accelera, al punto che possiamo ottenere il compost decomposto in meno di 2 mesi.

Ma cosa succede se vogliamo accelerare ulteriormente la formazione di compost dai detriti vegetali?  In questo articolo ti insegneremo alcuni trucchi per ottenere un compostaggio rapido, curando solo alcuni piccoli dettagli che potresti aver dimenticato. Per fare ciò, devi iniziare con la base di conoscenza. Sapere come viene prodotto il compostaggio fin dall’inizio.

Com’è il processo di compostaggio?

Perché si possa produrre un compost finito e di qualità devono verificarsi 3 fasi ben differenziate.

  • fase mesofila
  • fase termofila
  • fase di maturazione

La fase mesofila (morbida) avviene ad una temperatura non molto elevata, massimo 40 ºC.

In questa fase, anche a basse temperature, alcuni funghi muoiono e generano ancora più calore al mucchio. Il carbonio inizia a essere rilasciato a poco a poco.

Lo stadio termofilo, delle alte temperature, l’attività metabolica di alcuni microrganismi ne fa produrre fino a 70 ºC, degradando una grande quantità di elementi di scarto.

Nel compost tradizionale, il processo di rivoltamento è limitato a ogni 2 o 3 settimane, quindi la fase termofila diventa molto importante.

Nel compost veloce, la frequenza di svolta è molto più bassa e quindi non si raggiungono temperature così elevate nella pila dei rifiuti.

Come compostare velocemente in poche settimane

Il metodo per sviluppare  il compost rapido è stato studiato in varie università e scuole di ingegneria agraria. Uno di questi, quello che ha lavorato di più sull’argomento, è l’Università della California. Il trucco è controllare correttamente la temperatura interna, l’umidità e il rapporto C/N.

Quello che bisogna tenere in considerazione è che in questo rapido processo di compostaggio non otterremo materia organica completamente decomposta e mineralizzata, ma un compost giovane e fresco, ma che potremo utilizzare per le nostre piante se lo raffreddiamo adeguatamente.

Queste sono le chiavi che devi tenere a mente:

  • Distruggi il più possibile i prodotti di scarto.
  • Selezionare correttamente i resti organici.
  • Mescolare energicamente i rifiuti.
  • Aerare continuamente la miscela.
  • Controllare la temperatura e l’umidità.

Detto così sembra molto generico, ma andiamo per parti poiché nell’esecuzione del compost rapido ci sono delle modifiche rispetto al compost tradizionale che sono più vicine al vermicompost o vermicompost, come spesso viene chiamato anche.

Per citare l’argomento, in questi due processi in cui il protagonista è, senza dubbio, il lombrico, abbiamo l’handicap che è molto importante controllare la temperatura per non provocarne la morte.

Nel compost rapido, sebbene a priori questi organismi non partecipino al processo di formazione dell’humus, la temperatura deve essere controllata per evitare la morte prematura dei batteri e degli organismi in decomposizione.

Il segreto sta nella rivolta, molto più frequentemente che nel compost tradizionale.

I trucchi di svolta per rendere veloce il compost 

Per effettuare il compostaggio accelerato, dobbiamo avere una frequenza di svolta di 1 volta ogni 3 giorni mentre la temperatura è in aumento. Cioè, nelle prime fasi della formazione del compost, dove possiamo ancora apprezzare e differenziare ciascuno dei rifiuti. 

Dovremo annaffiare questo compost proprio al momento della svolta, in modo da omogeneizzare l’umidità e ridurre gli accumuli di marciume.

Il compost non dovrebbe avere un cattivo odore. Ciò significa che stai facendo qualcosa di sbagliato.

Quando abbiamo il compostaggio a caldo, come si suol dire, è tempo di intensificare la svolta. In questo modo faremo in modo che la temperatura non aumenti eccessivamente e uccidiamo tutti i batteri aerobici così necessari per fare un compost veloce.

Pertanto, la frequenza di svolta diventa 1 ogni 2 giorni. Cioè, se impostiamo il calendario in una settimana chiusa: lunedì, mercoledì, venerdì, domenica, martedì, ecc.

Ricorda che nella fase termofila, temperature superiori ai 60ºC, facilmente ottenibili se lo facciamo in estate, uccidono molti microrganismi utili.

La dimensione dei detriti fa la differenza

L’obiettivo principale del compostaggio accelerato è quello di ricostituire le nostre piante con i nutrienti il ​​più rapidamente possibile.

Semplicemente perché abbiamo esaurito la materia organica o perché vogliamo averne di più per avere più piante, il compost rapido può tirarci fuori dai guai, anche se lo sforzo per raggiungerlo è maggiore.

Pertanto, per farlo in fretta, non vale più la pena gettare i rifiuti in quanto sono nel cumulo del compost. 

Ad esempio, la banana che gettavamo sempre nel secchio e la cui decomposizione era più lenta per via delle sue dimensioni, ora va schiacciata con le forbici.

Ricorda la prima premessa. Più piccoli sono i pezzi, prima si romperanno.

Qual è la dimensione ottimale se decidessimo di iniziare a compostare velocemente domani?

Parleremmo di pezzi inferiori a 5 cm di lunghezza o diametro.

Seguiamo la regola 1 di questo tipo di compostaggio accelerato:

Minori dimensioni dei rifiuti + ritenzione idrica – dissipazione del calore

Tuttavia, con frequenti torniture controlliamo meccanicamente la dissipazione del calore.

Puoi compostare su un pavimento?

Una delle convinzioni errate che ci impediva di poter compostare sul nostro terrazzo era il fatto che si sarebbe formato un insopportabile canile di odori.

Come abbiamo detto prima, il compost non dovrebbe avere un cattivo odore. I rifiuti e il cibo si stanno decomponendo, ma tali rifiuti non sono carne, pesce o grasso, ma resti vegetali attutiti con giornali, carta, paglia e altri elementi inodori.

Qui puoi vedere i contenitori per compostaggio più utilizzati

Il compost ben fatto non ha un cattivo odore

Allora perché quello che faccio ha un odore orribile?

La spiegazione è semplice. Il processo di compostaggio è specifico, in cui i rifiuti vengono scomposti per azione dell’umidità (l’acqua, l’origine della vita), della temperatura e dei microrganismi in decomposizione. Sì, batteri aerobici.

Se non giriamo abbastanza o c’è umidità in eccesso perché abbiamo annaffiato troppo, compaiono i batteri anaerobici. Cioè, possono vivere in ambienti con mancanza di ossigeno.

All’interno di questo tipo di batteri anaerobici troviamo il  genere Clostridium, la cui specie più famosa è  il Clostridium butyricum.

Ebbene, non è necessario indagare molto per sapere che questa specie è causa della  fermentazione butirrica,  della putrefazione e dell’odore sgradevole. 

In condizioni di ossigeno, e questo è strettamente correlato alla capacità di svolta e alla frequenza, questi batteri non si troveranno nel nostro cumulo di compost. Pertanto, la formazione degli odori sarà molto più controllata.

Usa strumenti di rotazione come pale o strumenti di miscelazione del compost per aiutare a portare l’ossigeno nella pila.

Prodotti consigliati

attivatore di compost fatto in casa

Se non abbiamo la capacità o il tempo per girare così frequentemente o macinare i rifiuti che deponiamo nel cumulo di compost, possiamo aiutarci con i trucchi per ottenere un compost rapido.

I cosiddetti acceleratori di compost hanno nella loro composizione batteri che possiamo trovare in decomposizione naturale. Tuttavia, avere una colonia sufficiente di questi guerriglieri richiede tempo e sono soggetti a molte variabili che devono essere controllate.

Inoltre, includono enzimi e catalizzatori che promuovono la decomposizione di resti vegetali e organici.

Articoli correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.