Suggerimenti

Luce e piante: sintomi di eccesso e carenza dovuti all’esposizione al sole

La luce è uno dei fattori più importanti di cui dobbiamo tenere conto nella progettazione e nella manutenzione di un giardino (sia urbano che di campagna). L’esposizione alla luce sarà decisiva per far crescere le nostre piante e dare fiori, semi e frutti.

In questo articolo ti ricordiamo cos’è la fotosintesi e come puoi identificare i sintomi di eccesso o difetto di luce che possono presentare le tue piante.

> Leggi Come creare il tuo quaderno da campo per gestire al meglio il tuo giardino

Cos’è la fotosintesi?

Grazie alla clorofilla, pigmento verde che cattura la luce solare, le piante trasformano l’energia luminosa in sostanze chimiche, convertendo il carbonio inorganico atmosferico (CO 2 o anidride carbonica), l’acqua e i sali minerali presenti nel terreno in carboidrati che forniscono loro i nutrienti necessari per la loro sviluppo.

In altre parole, le piante sono in grado di produrre il proprio cibo da fonti non alimentari . Si dice poi che sintetizzano materia organica da elementi inorganici, così che le piante sono in grado di produrre il proprio cibo, sono esseri autotrofi. Ma non solo. Questo processo, noto come fotosintesi, genera energia di cui beneficiano altri esseri viventi (consumano e consumano piante e altri esseri viventi che si nutrono di piante), e produce l’ossigeno essenziale per la loro respirazione.

Nella fotosintesi, le piante catturano acqua e sostanze nutritive dal suolo attraverso le loro radici e salgono alla parte aerea (foglie) per unire CO² ed energia luminosa e quindi ottenere cibo. Dopo questo processo, le piante emettono ossigeno nell’atmosfera.

L’influenza della luce sulle colture dipende dalla loro composizione, intensità o durata. Tutti elementi che variano a seconda dell’ora del giorno, della stagione dell’anno, dell’orografia, delle condizioni climatiche, dell’orientamento dei frutteti… e i cui effetti differiscono da una varietà orticola all’altra.

Sintomi di carenza ed eccesso di luce nelle piante

In quanto esseri viventi, le piante soffrono sia di malnutrizione che di indulgenza.

-La mancanza di luce nelle piante di solito si traduce in un minor sviluppo:

  • Non crescono o lo fanno lentamente
  • Si piegano e si allungano in modo anomalo alla ricerca del sole
  • Gli steli si assottigliano
  • La distanza tra i nodi è allungata (infilatura)
  • foglie gialle
  • Non emettono boccioli fiorali o questi cadono o non si aprono e, di conseguenza, non fruttificano.

-Né l’ eccesso di luce favorisce lo sviluppo delle piante, questi sono alcuni sintomi più comuni di eccesso che le tue piante sono esposte a troppa luce:

  • Crollano, non possono sintetizzare altra materia organica
  • La disidratazione ne deforma il portamento, in quanto tendono ad inclinarsi in senso opposto a quello della luce
  • Le foglie perdono il colore, si seccano, mostrano macchie brunastre e persino bruciature che colpiscono anche il frutto, se la pianta è arrivata a dare i suoi frutti, perché non è escluso neanche l’aborto floreale.

Sia l’eccesso che il difetto di luce, e soprattutto la prima, possono causare problemi di virus o favorire lo sviluppo di alcuni parassiti .

> Leggi I 15 migliori rimedi ecologici per l’infestazione da afidi

Inoltre, come abbiamo già detto, gli effetti derivati ​​dalla luce sono influenzati da altri fattori, come la temperatura. Pertanto, la situazione orografica, il clima e l’esposizione solare a cui è sottoposta la pianta sono fattori determinanti nello sviluppo delle colture. Un clima temperato non è la stessa cosa del freddo, né una stagione più calda o più fredda, né un tipo di coltura più o meno resistente alle temperature calde, fredde, umide o secche.

Qual è il miglior orientamento per un giardino?

Importante quanto conoscere le condizioni del luogo in cui si trova il nostro giardino e le sue dimensioni è conoscere le esigenze di luce e calore delle piante che vogliamo, o possiamo, coltivare in esso per destinare loro lo spazio più appropriato.

Come regola generale, è stabilito che l’orientamento ideale di un frutteto è il sud o, almeno, quello che riceve più ore di luce al giorno.

Se il tuo spazio di coltivazione non è rivolto a sud, cerca di evitare i luoghi in cui alberi, arbusti o edifici vicini proiettano la loro ombra sul raccolto. Siepi e alberi che, invece, ben posizionati, proteggeranno il nostro giardino dai venti che possono colpirlo.

Se coltiviamo in filari o terrazzamenti, questi devono essere orientati nord-sud in modo che le piante da un lato ricevano la luce diretta del mattino e quelle del lato opposto la sera.

Il tuo giardino riceve poche ore di luce? C’è un modo per ottimizzare le poche ore di luce che ricevono le piante? Nel caso in cui il tuo orto urbano non riceva luce diretta o l’esposizione al sole sia di poche ore, puoi sfruttare un muro vicino, se presente, per riflettere la radiazione solare. Certo, dovremo dipingerlo di bianco o imbiancarlo.

Naturalmente terremo sempre in considerazione la stagione dell’anno più conveniente per ogni coltura a seconda della situazione geografica in cui ci troviamo. Alcune colture autunnali e invernali nelle zone calde, come i carciofi o i fagioli di Lima, sono solitamente colture estive nelle zone fredde. Ecco il calendario della semina per guidarti.

In ogni caso, come norma generale e secondo le vostre richieste alla luce, possiamo dire che sono:

Colture che richiedono luce che richiedono un’esposizione diretta:

  • Pomodoro
  • Pepe o peperoncino
  • Patata o patata
  • Melanzana
  • Cetriolo
  • Melone
  • Anguria
  • Zucchine o zucchine
  • Zucca o zucca
  • Piselli o piselli

Colture che crescono con meno luce o in penombra

  • Indivia
  • Lattuga
  • bietola
  • ebreo
  • Spinaci
  • cavoli
  • Sedano
  • borragine
  • Basilico
  • Prezzemolo

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.