Suggerimenti

Applicazioni fogliari: ottieni il pH perfetto

In agricoltura, le applicazioni fogliari, sia nutrizionali che contro parassiti e malattie, sono diventate all’ordine del giorno.

Quando prima si facevano pochissimi trattamenti fogliari e praticamente tutto si applicava in fertirrigazione, ora questi trattamenti sono solitamente usati con una certa frequenza.

È normale dedicare 10 o più trattamenti in alberi da frutto per campagna o anche 1 trattamento settimanale in una campagna di 6 o 8 mesi in orticoltura intensiva (in serra).

Se dovessimo confrontare le applicazioni fogliari con i trattamenti per l’essere umano, parleremmo di vaccini. Non introduciamo i nutrienti o il prodotto fitosanitario nella linfa (xilema o floema) come nelle nostre vene, ma quasi.

Tuttavia, non tutto è privo di rischi, poiché è necessario prestare attenzione a diverse condizioni durante l’esecuzione di questo trattamento.

Il terreno sostiene tutto e la sua capacità tampone è elevata (ricordate che non è la stessa in un sistema idroponico). Ma in un’applicazione fogliare metti tutte le tue carte sul tavolo. Bruciano acidi e basi forti, miscele incompatibili possono causare fitotossicità e possiamo intaccare anche la fauna ausiliaria.

Sì, quello che a volte non vediamo o non abbiamo nemmeno introdotto ma c’è.

Come regolare il pH nelle applicazioni fogliari

Se stiamo cercando regolatori di pH o come regolare il pH nelle applicazioni fogliari, troveremo sempre prodotti che acidificano il brodo di trattamento o soluzioni tampone.

Sono quelle miscele che consentono di mantenere il pH stabilizzato senza sbalzi improvvisi.

Ricorda che l’acqua offre resistenza a modificare il suo pH a seconda del contenuto di soluti (bicarbonati) che ha. Una volta che distruggiamo questi elementi con acidi (come acido fosforico, acido nitrico, acido cloridrico, ecc.), la resistenza dell’acqua alla variazione del suo pH è molto limitata.

Al punto che una singola goccia di acido nitrico può far reagire il pH dell’acqua in più punti.

Il pH degli erbicidi

PRODOTTO CONSIGLIATO pH
ALACLORO 6
ATRAZINA 5.5-6.5
BENTAZONE 7
DICLOFOP-METIL 5.5-7
DIURONE 7
PHENMEDIFAN 5.5-6.5
FLUAZIFOP-P-BUTIL 6-7
GLIFOSATO 5
GLUFOSINATO 7
LINURONE 7
METRIBUZINA 7
OSSIFLUORFEN 6-7
PROPANILE 7
QUIZALOFOP-P-ETIL 5-6.5

Il pH dei fungicidi 

PRODOTTO CONSIGLIATO pH
BENALASSILE 6
CAPITANO 6
CARBENDAZIME 6-7
CIMOXALINO 5-6
CRESOXIM-METIL 6-7
DINOCAP 6-7
EPOSSICONAzolo 6-7
FAMOSSADONE 5-6
FOLPETTO 6
FOSETYL-AL 7
IPRODION 6
MANCOZEB 5-6
METALAXYL 6
OSSICLORO DI RAME 7
PIRIMETANILE 6-7
TEBUCONAZOLO 7

Il pH degli insetticidi

PRODOTTO CONSIGLIATO pH
ABAMECTIN 6-7
ACETAMIPRIDE 5-7
AMITRAZ 5
METIL-AZINFO 5-6
BACILLUS TURINGIENSI 5-6
BENFORCARB 6-7
bifentrin 5.5
CARBARYL 6-7
CIFLUTRININO 6-7
CIPERMETRINA 5-6
CLORPIRIFO 6.5
DELTAMETRINA 6-7
DIAZINON 7
DIMETOATO 5-6
FENAZAQUIN <7
FORMETANATO 5-6
FOSALON 6
FOSMET 5.5-6
IMIDACLOPRID 7
LUFENURON 6
METIDAZIONE 6
METIOCARB 6
PRIMICARB 7
PROPARGITA 6
TAU-FLUVALINATO 7
TRICHLORFON 7
TIODICARB 5.5-7

Nella maggior parte delle applicazioni fogliari  di erbicidi, fungicidi e insetticidi, se vanno da soli e non vengono miscelati con prodotti nutritivi, sarà necessario acidificare l’acqua.

Molti usano l’aceto (acido acetico) nelle applicazioni fogliari per raggiungere questo obiettivo, poiché è più redditizio di altri acidi che acquistiamo sul mercato.

Non ci sono incompatibilità con il suo utilizzo, né provoca intossicazione o fitotossicità nella pianta. L’unico aspetto negativo è che l’aceto comune è un acido debole e a seconda del pH dell’acqua e del contenuto di bicarbonato, sarà necessario utilizzarne una grande quantità.

In ogni caso, non giocarci. La prima cosa che devi fare è acquistare un pHmetro per controllare l’acidità del tuo acquario mentre incorpori diversi principi attivi.

E se volessi alzare il pH (alcalinizzare) invece di abbassarlo? Ci sono prodotti per farlo?

Si tenga sempre presente che la maggior parte dell’acqua ha un pH alcalino, intorno a 7,5-8.

Tuttavia, la capacità tampone che offre non è molto elevata e ci sono molti prodotti sul mercato, in particolare fertilizzanti e regolatori di crescita che hanno un pH acido.

Parliamo di acidi con pH 2 o 3 o anche meno, e questo può essere un problema quando si eseguono trattamenti fogliari.

Per questo motivo, quando il dosaggio del prodotto è 0,5% (5 cc/L o 5 L per 1.000 L), la capacità tampone dell’acqua si annulla e possiamo raggiungere un pH finale (acqua + prodotto aggiunto) inferiore a 4.

Ci aiuterebbe un acidificante così ampiamente disponibile sul mercato? Non in questo caso.

Abbiamo bisogno di un prodotto che faccia l’esatto contrario. Tuttavia, non troveremo molti di questi prodotti per l’agricoltura professionale, solo per il mercato della marijuana, con il costo aggiuntivo che questo mondo ha.

Per il mondo dell’agricoltura biologica, i livelli di pH sono più stabilizzati perché di solito contengono un grande tampone dalla natura, la materia organica (estratti umici, compost, leonarditi, ecc.). Molti di loro li puoi creare da te e applicare al terreno per migliorarne le caratteristiche o per mantenere un piccolo giardino o qualche vaso in casa, come questo esempio di fertilizzanti per orchidee.

Tuttavia, ci sono diversi trucchi che ti mostreremo. 

In genere i prodotti ricchi di potassio, sia in forma complessa (gluconati, carbossilati e un gran numero di parole che terminano con atos), hanno solitamente un pH uguale o superiore a 7.

Anche il potassio chelato, solitamente sotto forma di EDTA, tende ad avere un pH compreso tra 7 e 8.

Dovresti anche sapere che l’uomo non vive solo di chelato EDTA. Ce ne sono anche altri che offrono un intervallo di pH molto più ampio, ed è utile per proteggere il ferro dal degrado nei terreni calcarei. Questo è il chelato EDDHA.

Idrossidi di potassio e carbossilati di potassio

Gli idrossidi di potassio hanno solitamente elevate concentrazioni di ossido di potassio (K2O), intorno al 50% p/p, ma la stragrande maggioranza dei prodotti liquidi che troveremo come «prodotti per la maturazione e l’ingrasso dei frutti» va solitamente al 30% p /w concentrazione di potassio.

La stragrande maggioranza di solito ha un pH compreso tra 8 e 10 o anche più.

Senza esagerare, l’idrossido di potassio ha un pH di 14, è una base forte e tende ad aumentare il pH con pochissimo.

Non trascurare che il prodotto è estremamente pericoloso. Non brucia velocemente come un acido forte, ma brucia lentamente, il che è più pericoloso (se non ce ne rendiamo conto).

Basterà una piccola quantità in grandi volumi di brodo per applicazioni fogliari (stiamo parlando di macchine fogliari da 1.000 o 2.000 litri) per avere il pH esattamente come lo abbiamo riportato nelle tabelle.

Forse tra 0,5 e 1 L per 1.000 litri è sufficiente se il pH è diventato eccessivamente acido (<3).

Prodotti per misurare il pH

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.