Suggerimenti

Coltivazione e cura della Lonicera nitida (caprifoglio di Wilson)

Un giardino può essere configurato in molti modi, dibde senza dubbio possiamo utilizzare anche specie arbustive per separare aree e verdi, come è il caso dell’uso dato alla Lonicera nitida (comunemente nota come caprifoglio di Wilson).

Specie ampiamente utilizzata come pianta ornamentale, e che si contraddistingue per essere adatta ad essere utilizzata come arbusto da potatura per i bordi stradali, di segnalazione e protezione di aree e come massiccio o siepe.

Si tratta quindi di questa specie della famiglia del caprifoglio incentrata sulla copertura di ampi spazi, ma che non si distingue per la bellezza o la spettacolare fioritura. È molto comune trovarlo nei parchi e nei giardini pubblici, dove sicuramente quando vedrai una foto di Lonicera  saprai riconoscerla all’istante.

Principali caratteristiche della Lonicera nitida

Quando si parla di caprifoglio ci si riferisce all’intero gruppo di specie che compongono il genere Lonicera.  Un folto gruppo di arbusti composto da più di 180 specie che copre aree vaste come l’America, l’Europa e l’Asia.

Nella maggior parte dei casi vengono utilizzate come specie arbustive ad uso ornamentale, alcune con spettacolari fioriture.

Nel caso della Lonicera nitida, che per differenziarla dal resto della specie è comunemente nota come caprifoglio a scacchi (per via del suo uso ornamentale) o caprifoglio di Wilson, non si distingue per la fioritura ma per le dimensioni, da utilizzare in giardini e aiuole.

classificazione scientifica

  • Famiglia:  Caprifoliaceae
  • Genere:  Lonicera
  • Specie: Lonicera nitida

Usa come arbusto

tipo di foglia di caprifoglio

Nel caso della tipologia di caprifoglio come la Lonicera, il fatto di avere tanti germogli, formati da foglie piccole ma in gran numero per stelo, fa sì che abbia un’elevata densità fogliare, cosa interessante quando si realizzano aiuole e siepi.

In pratica, il limite in termini di design quando si pianta Lonicera nitida in giardino è la potatura che facciamo. Il più comune è potare ad un’altezza di 50 cm, lasciando i bordi ad angolo retto.

In compenso può essere rialzato anche molto più in alto (fino a 2 metri) per essere di ostacolo al passaggio e alla vista tra le diverse parti del giardino o anche come recinzione.

Lonicera (caprifoglio a scacchi) cura

Climatologia

A livello di cura, rispetto alla climatologia, il caprifoglio di Wilson si comporta come una specie fuoristrada. Sopporta una vasta gamma di temperature, anche gelate, e infatti è ampiamente coltivata nel nord Europa.

Allo stesso modo, può essere visto nei parchi e giardini mediterranei, dove in estate si raggiungono temperature superiori ai 35 ºC.

Di solito viene coltivato in pieno sole o in mezz’ombra. Almeno, in questo aspetto non vi è alcun fattore limitante.

Terreno e substrato

Lonicera nitida  si adatta a un’ampia varietà di tessitura e composizione fisico-chimica dei suoli, indipendentemente dal pH degli aggregati che la compongono.

Deve offrire, sì, buone condizioni di drenaggio, qualcosa che è necessario praticamente per tutte le piante.

In molti giardini può essere visto coltivato con un pacciame di compostaggio, foglie o corteccia che ricoprono il terreno, conferendogli una maggiore capacità di trattenere l’umidità e la temperatura nel terreno.

Irrigazione e concimazione

Nella programmazione delle irrigazioni e delle concimazioni è consuetudine effettuare 3 irrigazioni nei mesi caldi e 1 nei mesi invernali o più freddi. Una quantità che dovrebbe mantenere un bulbo umido fino alla prossima irrigazione.

Il fabbisogno idrico della Lonicera nitida  è moderato. Non è una specie che tollera bene lo stress idrico, almeno se si cerca un obiettivo ornamentale dove c’è un’elevata densità fogliare.

Nei mesi di maggior produzione di foglie e fusti, quando viene utilizzata come siepe, è lì che richiede il maggior fabbisogno di concime. Nel tuo giardino, una delle forme di concimazione più comode e pratiche è quella di utilizzare fertilizzanti granulari.

Una miscela di fertilizzante appropriata è quella abbastanza concentrata in azoto e potassio e non eccessivamente in fosforo. A sua volta, devono essere forniti magnesio e micronutrienti, poiché il caprifoglio a scacchi è piuttosto soggetto a carenze fogliari che ingialliscono le foglie.

La potatura del caprifoglio di Wilson

La potatura è la chiave per mantenere Lonicera nitida in perfette condizioni.  È una specie a crescita rapida con molta produzione di germogli e molte foglie piccole e labiate.

Ci sono 2 modi per prendersene cura. Per le piante non raggruppate, è ideale dargli una forma circolare dalla base, coprendo una semicirconferenza maggiore di un metro. Se si desidera allestire una siepe ornamentale, è opportuno potarla ad angolo retto, formando un muro di forma rettangolare.

Per dare questo tipo di forma sono necessarie dalle 2 alle 3 potature annuali, vista la crescita della pianta.

Quando potare il caprifoglio

La potatura viene solitamente effettuata nei mesi primaverili ed estivi, quando si verifica un maggiore sviluppo e allungamento degli steli. In inverno di solito non si effettua nessun tipo di taglio per non danneggiare alcuno stelo sottoposto al freddo e con pochissimi movimenti di linfa.

Lonicera nitida nei bonsai

Per i grandi amanti della cura e della manutenzione dei bonsai, Lonicera nitida  è una specie che vi si adatta perfettamente.

In questo caso si rinuncia alla forma a siepe e si lascia un tronco principale (di solito si attorciglia) che ricorda alcune specie di ficus.

Piaghe e malattie

Nelle specie tipiche delle siepi, dove si raggiunge un’elevata densità di produzione di foglie e germogli (e, con ciò, l’aerazione e l’ingresso della luce all’interno sono difficili), è comune trovare cocciniglie e afidi come parassiti.

Possiamo vedere questo tipo di insetto soprattutto nei mesi primaverili ed estivi, in coincidenza con il nuovo germogliamento, con nuove parti che attirano l’arrivo di questo tipo di parassiti.

In termini di malattia, i funghi che possono colpire Lonicera nitida  sono legati a patologie che colpiscono il collo e marciscono. Di solito si manifestano con clorosi sulle foglie e macchie brunastre di aspetto circolare.

Prodotti per la cura del caprifoglio

Prezzo di acquisto di Lonicera nitida

Questo tipo di caprifoglio viene solitamente acquistato a prezzi molto economici e si può ottenere una crescita rapida in breve tempo.

Piccole specie alte meno di 10 centimetri costano circa 1,5-3 euro per pianta. Da qui, le specie più grandi aumentano di prezzo. Ad esempio, questa pianta in un vaso di 30 cm di diametro può costare tra i 6€ e gli 8€.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.