Suggerimenti

Sede della suocera: [Coltivazione, Irrigazione, Cura, Parassiti e Malattie]

L’Echinocactus grusonii è una delle specie endemiche più importanti del Messico, soprattutto negli stati di Hidalgo, Querétaro e Zacatecas. Attualmente è in pericolo di estinzione.

La sede della suocera è una specie rara e simbolica divenuta conosciuta e coltivata a livello internazionale. È una pianta molto pregiata perché ha un profondo impatto sui processi ecologici, ambientali e biologici della sua zona.

Per la sua bellezza esotica , è diventata una pianta di alto valore ornamentale in tutto il mondo. Tuttavia, è quasi completamente scomparso dalle sue popolazioni naturali a causa dello sfruttamento commerciale illegale.

Punti importanti durante la semina del sedile della suocera:
  • Nome scientifico: Echinocactus grusonii.
  • Nome comune: Seggiolino della suocera, pallina d’oro, fusto d’oro, cactus riccio,biznaga gialla , biznaga dorata, cuscino della suocera.
  • Altezza: da 20 a 130 centimetri.
  • Necessità di luce: sole e mezz’ombra.
  • Temperatura: clima semisecco e semicaldo (20ºC).
  • Irrigazione: Da bassa a scarsa.
  • Fertilizzante : Concime organico a basso contenuto di azoto.

Quali caratteristiche ha la sede della suocera?

La suocera è una pianta a crescita lenta, di colore verde chiaro, di forma sferica e ricoperta da numerose spine appuntite. Raggiunge 1,30 metri di altezza e 80 centimetri di diametro.

L’ Echinocactus grusonii è costituito da grossi fusti cilindrici con punte di lana gialla. Ciascuno ha circa 21-37 costole sottili. A loro volta, le costole hanno areole, punti in cui sono raggruppate le spine. Quelli vicino alla punta hanno lana giallastra.

Nel caso delle spine, queste sono di colore giallo dorato e possono essere radiali o centrali. Quelle radiali sono lunghe 3 centimetri e si incontrano in gruppi da 8 a 10. Le centrali sono lunghe 5 centimetri ma si incontrano in serie di 4 spine.

I fiori di questa biznaga nascono dalle areole del polo superiore della pianta, dall’interno della zona densamente lanosa. Sono di colore giallo e hanno una forma a imbuto. Sono lunghi da 4 a 6 centimetri; fioriscono da aprile ad agosto e da ottobre a gennaio.

Questo biznaga dorato ha un frutto semisferico ricoperto di scaglie e lana bianca, lungo da 12 a 20 millimetri. I suoi semi , invece, sono piccoli, lunghi 1,5 millimetri, di colore marrone.

Quando seminare la sede della suocera?

Si consiglia di seminare la suocera per seme, nei mesi di settembre, ottobre e novembre. Se vuoi trapiantare, sarà preferibile farlo all’inizio della primavera .

Dove piantare la sede della suocera?

La seduta della suocera è tipica delle zone con forte esposizione solare, per cui si consiglia di piantarle e tenerle all’aperto , leggermente nascoste dal sole, sia in giardini, terrazzi, parchi o piazze.

Questa pianta appartiene ai climi caldi e secchi, per questo è molto resistente alle alte temperature e, infatti, sopporta anche deboli gelate e temperature fino a -2ºC.

Tuttavia, si raccomanda che la temperatura minima non scenda più di 5ºC.

Come preparare il terreno?

La seduta della suocera è stata adattata a diversi tipi di terreno. Tuttavia, cresce meglio in terreni a tessitura franco-argillosa, composti da 37% di sabbia, 34% di limo e 29% di argilla; o, in luoghi con materia organica e un pH compreso tra 6,8 e 7,6.

Nel caso in cui il tipo di terreno del giardino sia diverso, o si desideri seminare in vaso, si può utilizzare un substrato commerciale per cactus, con sabbia grossolana , in modo da fornire un buon drenaggio e una sufficiente umidità.

Allo stesso modo, si consiglia di posizionare uno strato di ghiaia sulla superficie del terreno per evitare che il substrato si attacchi alle spine durante l’irrigazione.

 

Come innaffiamo la sede della suocera?

La sede della suocera non ha una grande richiesta d’acqua. Infatti tollera molto bene la siccità, ma è suscettibile di allagamenti e ristagni. Per questo motivo, l’irrigazione dovrebbe essere applicata ogni volta che il terreno è quasi asciutto.

Ogni quanto annaffiamo la sede della suocera?

L’irrigazione a livello del suolo dovrebbe essere bassa, ad eccezione dei mesi caldi e secchi. In caso di vaso, si consiglia di annaffiare una volta alla settimana durante l’ estate e ogni 15 giorni nei mesi primaverili.

È importante ridurre al minimo l’approvvigionamento idrico e persino eliminarlo durante l’ autunno e l’inverno, quando la crescita è sospesa. Azzera il rischio fino a marzo.

Come seminare un posto di suocera passo dopo passo?

Poiché è una specie protetta in Messico, la pianta della madre sede è coltivata con un metodo in vitro per promuovere la conservazione. Tuttavia, di solito viene seminato da seme. I passaggi sono condivisi di seguito:

  1. Preparare contenitori o semenzai con substrato sciolto, calcareo, sterilizzato e umido.
  2. Posizionare i semi sulla superficie del substrato, coprirli con un sottile strato di sabbia o materiale vegetale e posizionare una pellicola di plastica trasparente per evitare l’umidità.
  3. Portare i contenitori in un luogo non esposto alla luce solare diretta, a una temperatura di 21ºC, e inumidirli frequentemente.
  4. Attendi 2 o 3 settimane affinché le piantine germoglino. A questo punto si può togliere la pellicola e spostare il semenzaio in un luogo più illuminato.
  5. Non appena le piante sono cresciute abbastanza, trapiantare in vasi individuali all’inizio della primavera.

Per accorciare il tempo di germinazione , i semi possono essere scarificati. Per fare ciò è necessario applicare acido solforico al 100% per 3 o 5 minuti e risciacquare con acqua distillata.

Di che cure ha bisogno la sede della suocera?

La sede della suocera è un impianto a bassa manutenzione. Tuttavia, alcune raccomandazioni sono condivise di seguito.

  1. La pianta ha bisogno di essere esposta a basse temperature durante l’autunno e l’ inverno per indurre il suo riposo, poiché la crescita invernale con bassa esposizione al sole può generare deformazioni.
  2. Se si desidera che la pianta raggiunga il suo massimo potenziale, si può applicare del fertilizzante liquido per cactus, ogni 20 giorni, solo durante i mesi primaverili ed estivi.

Quali parassiti e malattie colpiscono la sede della suocera?

La sede della suocera di solito non è colpita da malattie, ma è suscettibile all’attacco di afidi, o afidi , acari (Tetranychus urticae) , cocciniglia cotonosa (Pseudococcus e Rhizoecus) , tra gli altri.

Riferimenti

  • https://www.pueblacapital.gob.mx/images/transparencia/obl/01marco/mun/linea.ambientales.aíritu.pdf
  • https://www.conafor.gob.mx/biblioteca/Manual_Practico-Conservacionyrestauracion-cactaceas_suculentas.pdf
  • http://www.conabio.gob.mx/conocimiento/ise/fichasnom/Echinocactusgrusonii00.pdf
  • https://enciclovida.mx/especies/143886-echinocactus-grusonii
  • https://feriadelasciencias.unam.mx/anteriores/feria22/feria355_01_germinacion_in_vitro_de_echinocactus_grusonii_y_fe.pdf
  • https://inta.gob.ar/sites/default/files/script-tmp-inta-_apuntes__tcnicos__vivero__familiar.pdf
  • https://smaot.guanajuato.gob.mx/sitio/upload/biodiversidad/inventario_especies/Documento_Tecnico_Especies_Vegetales_Nativas.pdf
  • https://www.lifeder.com/echinocactus-grusonii/

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.