Suggerimenti

Seminare i garofani: [Necessità, substrato, irrigazione e coltivazione]

Dianthus chinensis è il nome scientifico della Clavelina , un’altra pianta floreale e ornamentale molto resistente, la famiglia dei garofani , che può sopravvivere anche a periodi stagionali freddi, sebbene preferirà sempre vivere in un clima temperato.

Anche il seme germina a temperature che vanno dai 16° ai 20°C.

Viene dall’Asia. Si ottiene facilmente in Cina, Corea, tutto il sud-est di quel continente, Russia e parte dell’Europa, dove cresce nell’area mediterranea.

Le varietà più conosciute sono il Dianthus deltoides, Dianthus chilensis e Dianthus barbatus .

I suoi steli sono particolarmente eretti, sottili e le sue foglie sottili assumono tonalità grigio-verdi. Non superano i 3-4 cm di lunghezza per 5 mm di larghezza.

Tra la primavera e l’ estate produce fiori dai toni solidi del bianco , del rosso e del fucsia, o mescolati nei suoi petali e poiché sono piccoli, la Clavelina è l’ideale per mantenerla sempre viva in vaso. Anche se è anche giusto dire che nei giardini se la cava molto bene anche per la sua buona predisposizione a resistere ai raggi solari.

Di che cosa hai bisogno? Poco, molto poco. Vediamolo dopo

Temperatura: dove piantare Clavelina?

Come abbiamo già detto, questa bellissima pianta si adatta perfettamente ai climi temperati. Rivendica, sì, tanto sole e acqua per rimanere sempre radiosa e colorata.

Anche il seme germina a temperature che oscillano tra i 16° e i 20°C.

Luz: Che bisogni hai?

Per vivere felicemente e prosperare, il garofano richiede molta luce solare diretta e quindi un’idratazione costante.

È ideale da coltivare in vaso ma in casa dovresti trovare un posto molto soleggiato se non vuoi stupire il suo processo di crescita e fioritura.

Substrato e Compost: come prepariamo il terreno?

I suoi semi vanno coltivati ​​in un substrato leggero composto in parti uguali dai seguenti componenti: terra nera , humus e sabbia.

Questa ricetta è ideale per farli fiorire in circa due settimane, sempre preferibilmente all’inizio della stagione primaverile per germogliare, è conveniente seminare il garofano all’inizio della primavera e fiorirà fino alla fine dell’estate.

E in un vaso, l’ideale è aggiungere una porzione di torba al terreno, poi uno strato di leca viene sopra il foro di drenaggio. Anche qui è fondamentale che la terra sia sempre bagnata.

Potatura: come si ottiene il garofano?

La potatura è facile.

Dobbiamo eliminare gradualmente i gambi secchi ei fiori appassiti. Possiamo usare le forbici da potatura o anche farlo con le nostre stesse mani.

Si consiglia di sciacquare all’inizio dell’autunno e dell’inverno, in questo modo fiorirà e crescerà con più vigore durante la primavera .

Irrigazione: quanto e come?

Nei mesi più caldi è importante che al garofano non manchi l’acqua. Pertanto, annaffieremo ogni giorno, circa 15-30 minuti a seconda di quanto caldo è stato.

Il resto dell’anno l’irrigazione può essere ampiamente distanziata, tenendo conto delle piogge. Se le piogge sono scarse, annaffieremo almeno una volta alla settimana.

Si consiglia di applicare l’irrigazione a goccia . Tuttavia, se questo sistema non è disponibile, possiamo anche annaffiare con un annaffiatoio. Cercheremo come sempre di non sovraccaricare la terra, di mantenerla umida.

Quali parassiti e malattie ti colpiscono?

afidi

Gli afidi sono piccoli insetti, lunghi circa 0,5 cm. Sono di colore verde, marrone o giallo.

Possiamo rimuoverli usando olio di neem o sapone di potassio .

cocciniglie

Abbastanza comune in questo tipo di colture. Sono cotonosi e si depositano sulle foglie. Un rimedio efficace sono solitamente composti di zolfo e potature severe.

Per saperne di più, puoi vedere: Talee di garofano .

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.