Suggerimenti

Oxalis triangularis: cura

Oxalis triangularis, detta anche piccola kamala, trifoglio viola o pianta farfalla, ha quest’ultimo nome particolarmente azzeccato, in quanto è una pianta di unica bellezza che colpisce soprattutto se conservata in condizioni ottimali. Si tratta però di una pianta alquanto sensibile dal punto di vista climatico e non sempre è facile prendersene cura, soprattutto se non si conoscono le sue esigenze.

In questo articolo di EcologíaVerde ti diciamo tutto ciò che devi sapere sulla cura della pianta di Oxalis triangularis in modo che la tua pianta appaia sempre sana, forte e preziosa. Unisciti a noi per saperne di più sulla pianta delle farfalle!

Caratteristiche della pianta Oxalis triangularis

Questo falso trifoglio ha la sua origine in Brasile, in particolare nelle zone fresche di questo enorme paese sudamericano. È una pianta rizomatosa e i suoi bulbi comunemente chiamati mantengono in vita la parte sotterranea della pianta nei mesi freddi, permettendo alla parte aerea di asciugarsi per ricrescere quando le condizioni sono nuovamente ottimali.

Sono di piccole dimensioni, di solito crescono fino a circa 20 cm di altezza, e la loro caratteristica più sorprendente e identificativa sono le loro belle foglie viola, con steli verdi così pallidi da sembrare quasi bianchi. Queste foglie sembrano farfalle che riposano quando sono piegate, ma hanno la capacità di aprirsi o piegarsi a seconda della quantità di luce che le raggiunge, facendo questo cambiamento in poche ore, in modo da adattarsi meglio e non ricevere più o meno luce da ciò che ti serve. I suoi fiori rosa o bianchi sono piccoli e pendenti e, sebbene siano graziosi, di solito non risaltano più delle foglie.

Nonostante la pianta non sia pericolosa al contatto, piantata in quantità molto grandi potrebbe diventare dannosa per i bambini molto piccoli. Allo stesso modo, se hai animali domestici in casa, cerca di non mangiarlo o strofinarlo troppo, perché potrebbe essere tossico per loro.

Clima e posizione per la pianta delle farfalle

Una delle cose più importanti quando si coltiva questa pianta è il clima di cui ha bisogno. Poiché proviene da zone fresche del Brasile, dove la variazione termica è contenuta, è una specie che non tollera temperature estreme, né calde né fredde, e reagirà piuttosto male a qualsiasi temperatura molto alta o molto bassa. Quindi, l’ideale è mantenerlo sempre tra 10 ºC e 28 ºC, potendo resistere a temperature leggermente superiori o inferiori, ma sempre in modo tempestivo. In inverno, tollererà temperature fino a 5°C, ma è molto probabile che esposizioni inferiori lo uccideranno.

Tenendo conto di ciò, è normale che tenda a essere coltivata come pianta d’appartamento in vaso, dove è molto più facile controllare l’ambiente a cui la esponiamo. Se il clima è adatto alle sue esigenze, è comune coltivarla anche come pianta in vaso da esterno, poiché piantata in piena terra può fungere da pianta invasiva.

In estate si può portare fuori sui terrazzi se la temperatura è fresca, così come in inverno si può fare anche se si tratta di inverni miti che non scendono sotto i 5 ºC. In questo modo la pianta andrà in riposo vegetativo e riposo, così che in primavera germoglierà di nuovo con le energie recuperate. Se hai la tua pianta farfalla in casa e non puoi darle riposo vegetativo, è probabile che la pianta si indebolisca, anche se puoi provare a compensare con un po’ di fertilizzante in più.

Luce per Pxalis triangularis

Il trifoglio viola cresce bene in condizioni di mezz’ombra o di sole diretto se non è molto intenso, anche se idealmente dovrebbe ricevere una grande quantità di luce, sempre filtrata da una tenda sottile o qualcosa di simile. Se non ha abbastanza luce, l’oxalis avrà meno foglie e i suoi steli saranno più sottili, rendendolo più debole e più probabile che muoia per altre carenze o per malattie o parassiti.

Irrigazione Oxalis triangularis

Tranne nel suo periodo di riposo vegetativo, come tutte le piante che lo fanno, la pianta farfalla necessita di annaffiature regolari durante tutto l’anno.

La frequenza ideale è data facendo asciugare lo strato superiore del substrato tra un’annaffiatura e l’altra, in modo che la pianta non abbia sete ma non si risucchi d’acqua a causa delle annaffiature eccessive, che farebbero marcire i suoi rizomi. Nei mesi freddi, dall’inizio dell’autunno, l’irrigazione è completamente sospesa fino alla primavera, se cade l’acqua piovana, anche se bisogna evitare che sia eccessiva.

Substrato e fertilizzante per la pianta delle farfalle

L’oxalis non è esigente in termini di substrato, l’unica cosa necessaria è che abbia un buon drenaggio. Potete utilizzare una miscela universale con torba, fibra di cocco e humus di lombrico in parti uguali, a cui poi aggiungere vermiculite e perlite. Questo substrato è leggero, ha proprietà di drenaggio e ritenzione idrica ideali ed è anche molto ricco di nutrienti e microrganismi benefici per le piante, così il tuo Oxialis triangularis si svilupperà perfettamente.

Per quanto riguarda il fertilizzante, è sufficiente aggiungere un po’ di concime mensile durante i mesi caldi, oppure un po’ di sostanza organica come compost o humus di lombrichi.

Se desideri leggere altri articoli simili a Oxalis triangularis: cura, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.