Suggerimenti

Come realizzare un giardino in miniatura: terrari

Un terrario è uno spazio in miniatura in cui riproduciamo condizioni specifiche, come quelle che si trovano in una foresta , in un deserto o in una giungla tropicale . Sono molto colorati e averli in casa può essere molto utile per fornire un tocco “verde” diverso da quello delle piante comuni e possiamo anche imparare molto sui diversi ecosistemi che creiamo con loro.

Realizzare un terrario è molto semplice. Puoi iniziare con un acquario, un vaso o con un contenitore che abbia almeno una delle sue pareti di vetro e un’ampia bocca per gestirlo. Bisogna mettere prima ghiaia o sassolini (da 2 a 4 cm) e poi uno strato di muschio secco su cui metteremo altri 3 o 4 cm di terriccio con compost (o misto a sabbia in proporzioni 1:3 se il terrario essere un deserto). Quindi si spruzza acqua e si trapiantano o si seminano le piante scelte, si spruzza ancora e si aggiungono elementi decorativi che si desiderano come ciottoli, pietre, conchiglie, rami, ecc.

Nella scelta delle piante è importante abbinare piante alte con altre rampicanti per creare diverse altezze, possiamo anche mettere piante di diversi colori e giocare con le trame di foglie, rami, ecc. A seconda delle dimensioni del tuo terrario puoi persino incorporare dei bonsai

Per un terrario tropicale puoi mettere edera, bromelie, muschio, begonie, orchidee, ficus, fittonia, felci, ecc.

Per riprodurre un deserto puoi usare cactus, timo, carnivori o piante grasse.

Per il terrario che riproduce un bosco possiamo utilizzare violette africane, liane, felci, muschi, bonsai, zebrine, parietaria, ecc.

In ogni caso, cerca sempre piccole varietà in modo che possano essere adattate al nostro terrario.

È importante che il terrario sia ventilato, in modo che non vi sia condensa eccessiva dall’acqua.

Quando innaffiamo un terrario lo faremo spruzzandolo dall’alto e non dovremmo abusare dell’acqua, poiché il drenaggio è scarso e potrebbero marcire. Nel caso del terrario tropicale, richiederà annaffiature più frequenti ma più brevi, per mantenere l’umidità di cui ha bisogno.

È molto importante evitare di esporre il terrario al sole diretto perché il vetro fa l’effetto lente d’ingrandimento sulle piante e potrebbe anche bruciarle. Tuttavia, ricorda che è importante avere una luce indiretta in modo che le piante possano crescere bene.

Né è consigliabile posizionare i terrari vicino a fonti di calore (radiatori) o di freddo (aria condizionata).

All’interno della manutenzione del terrario dovremo anche effettuare delle potature per mantenere una dimensione ottimale delle piante che abbiamo scelto.

Se vedi che una pianta è affetta da qualche malattia, è preferibile rimuoverla dal terrario in modo che non accada con tutte.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *