Suggerimenti

Saponaria: proprietà medicinali, molto più che fare il sapone

Reumatismi, gotta, dolori muscolari, muco, bronchite, gotta…. La saponaria o portasapone è una pianta medicinale dai molteplici usi terapeutici. Se vuoi conoscerli, ti diremo a cosa serve la saponaria, come si usa e le sue controindicazioni.

¿ Cos’è Saponaria?

La Saponaria ( Saponaria officinalis ), detta anche Jabonera è una specie appartenente alla famiglia delle Caryophyllaceae, originaria dell’Europa centro-meridionale che si è acclimatata nell’Asia sudoccidentale e nel Nord America, dove cresce su pendii, argini, fossi umidi, barene, siepi, terreni incolti e bordi stradali.

È una pianta erbacea perenne con rizoma sotterraneo e radici laterali. Il fusto è robusto ed eretto, raggiunge un’altezza di 30-60 cm, ingrossato ai nodi dove le foglie emergono a coppie di forma lanceolata e si assottigliano a formare un corto picciolo. Le foglie sono lunghe 3-5 cm e di colore verde chiaro. I fiori sono rosa pallido o viola, aromatici. La corolla è composta da cinque petali tubolari e il calice è cilindrico. Il frutto è una capsula oblunga con numerosi semi. La fioritura della saponaria avviene tra giugno e settembre.

Nella lingua popolare è anche conosciuto come: albata, herbada, erba più piena, erba lanaria, fiore di sapone, erba di sapone, erba di sapone, erba di sapone, erba di sapone, portasapone, portasapone ufficiale, bastoncino di sapone, saponaria, siabuneira, xabonera, sabonera, tra gli altri nomi.

La parola “saponaria” si riferisce alla sua capacità di fare sapone , grazie al suo alto contenuto di glicosidi, che a contatto con l’acqua, producono schiuma.

La Saponaria officinalis è stata utilizzata come medicina alternativa fin dai tempi di Dioscoride nell’antica Grecia. I suoi usi medicinali includono il suo uso come colagogo, depurativo, diaforetico, leggermente diuretico, espettorante, purgativo, tonico, contro i processi infettivi che colpiscono i linfonodi e per trattare esternamente il prurito della pelle. Anche i medici arabi nell’antichità lo usavano nella lebbra, nelle ulcere maligne e nell’herpes.

Dalla saponaria si può utilizzare l’intera pianta, le radici, le foglie ei fiori, ed attualmente trova impiego non solo nella fabbricazione di saponi, ma anche in farmacia, erboristeria, fabbricazione di dentifrici e come emulsione per i grassi.

Composizione e principi attivi di Saponaria

Le principali sostanze fitochimiche della Saponaria officinalis sono le saponine (2-5%) che, se estratte con acqua, formano schiuma e le conferiscono la sua qualità saponosa.

La radice della saponaria contiene la più alta quantità di saponine, dal 4 al 5%, un glicoside che provoca salivazione, sudorazione ed è un diuretico. Le foglie del portasapone contengono anche saponosidi, vitamina C e flavonoidi.

Altri composti che contribuiscono ai suoi usi nella medicina erboristica sono eterosidi di gipsogenina, oli essenziali, resine, saporubina, vitexina, saponarina, tra gli altri.

Proprietà e benefici terapeutici di Saponaria

Tradizionalmente questa pianta viene utilizzata a livello respiratorio come mucolitico, espettorante e antitosse , motivo per cui viene impiegata nella cura di bronchiti, enfisema e asma .

A piccole dosi, la saponaria provoca un aumento della secrezione nelle mucose provocando salivazione e sudorazione.

Per le sue proprietà antinfiammatorie e analgesiche , Saponaria è stata utilizzata esternamente per alleviare reumatismi, gotta, mialgie (dolori muscolari), infiammazioni osteoarticolari, eczemi, dermatiti, soprattutto seborroiche ed esfoliative, acne, tonsilliti e stomatiti .

Questa pianta viene utilizzata nella prevenzione dell’arteriosclerosi per le sue proprietà ipolipemizzanti (i saponosidi si combinano con gli acidi biliari e inibiscono l’assorbimento intestinale del colesterolo ).

Il portasapone è anche usato per alcune condizioni del tratto urinario come diuretico e detergente in oliguria (bassa produzione di urina), calcoli renali e cistite . È stato anche usato per discinesie epatobiliari, ittero e calcoli biliari.

Ecco alcuni usi locali di questa pianta:

Isole Canarie, Spagna: balsamico, béquico, coleterico, diuretico

Cuba: antireumatico e dermico

Argentina: espettorante e depurativo (soprattutto diuretico).

Aragona, Spagna: disinfettante antireumatico per ferite e ulcere in compresse applicate alle zone dolorose.

Studi scientifici hanno dimostrato una forte attività antimicrobica degli estratti di saponaria e quindi dobbiamo:

  • Le parti aeree di Saponaria officinalis mostrano attività antibatterica contro numerosi batteri. Il valore terapeutico degli estratti di questa pianta può essere dovuto in parte alla loro attività antiossidante . Queste proprietà suggeriscono che tali estratti potrebbero essere utilizzati come conservanti naturali nelle industrie alimentari e farmaceutiche.
  • Le proprietà fungicide / fungistatiche dirette dei fitochimici di Saponaria officinalis sono state dimostrate contro il lievito patogeno Candida albicans . Queste proprietà sembrano essere molto promettenti nel contesto dell’uso dei derivati ​​di questa pianta come potenziale nuovo agente antimicotico a supporto dei farmaci classici o come ingredienti nei disinfettanti.
  • Un’infusione liofilizzata di radici di Saponaria officinalis ha mostrato un effetto antivirale . Ha inibito la replicazione di diversi ceppi di virus dell’influenza di tipo A e B, sia in vitro che in vivo, e del virus dell’herpes simplex di tipo 1, in vitro. Il preparato contiene flavonoidi, saponine triterpeniche, acidi fenolici, tannini e polisaccaridi che potrebbero essere responsabili delle sue proprietà antivirali.

Sono stati studiati sperimentalmente gli effetti dei glicosidi triterpenici (saponine) estratti da Saponaria officinalis L. radices , sui fattori di immunità innata, cellulare e umorale. Le saponine stimolano le attività fagocitiche, battericide e di adesione dei leucociti polimorfonucleati, mostrando buone prospettive per il loro uso pratico per rafforzare il sistema immunitario e combattere le malattie .

Recentemente, saponine bisdesmodiche con caratteristiche strutturali altamente specifiche di S. officinalis hanno dimostrato di potenziare fortemente l’efficacia degli anticorpi antitumorali , in vitro e in vivo, in modo sinergico.

Le saponine triterpeniche sono sintetizzate nelle radici di Saponaria officinalis L. La stessa pianta è anche fonte della tossina Saporin, che è una proteina inattivante i ribosomi. È noto che le saponine triterpeniche aumentano la citotossicità della saporina, che è una nuova strategia per migliorare potenzialmente la citotossicità e l’efficacia terapeutica delle immunotossine nel farmaco rituximab per il trattamento del linfoma a cellule B, un tipo di cancro.

.

Come usare Saponaria

Uso interno :

  • Infuso: 15 grammi per litro d’acqua, far bollire per due minuti. Bere una tazza al giorno, mezz’ora prima di mangiare. Preparare e bere subito, non marinare (tossico).
  • Tintura (1: 5): da 30 a 50 gocce, da una a tre volte al giorno.
  • Estratto fluido (1: 1): da 10 a 30 gocce, da 1 a 2 volte al giorno.
  • Sciroppo (estratto fluido al 5%): da 1 a 3 cucchiai al giorno.

Uso esterno:

  • Infuso: da 60 a 80 grammi per litro d’acqua, far bollire per 10 minuti. Applicare sotto forma di impacchi o lozioni sulla parte interessata.
  • Estratto fluido (1: 1): da 50 a 100 gocce diluite in mezzo bicchiere d’acqua. Applicare sotto forma di collutori o gargarismi per la gola.
  • Estratto (1: 5) sotto forma di creme o gel, applicato sulla zona da trattare.
  • La migliore preparazione secondo il Dr. Leclerc è l’estratto acquoso della radice in ragione di 1 o 2 grammi al giorno. L’estratto acquoso di saponaria al 5 per 1000 (5 grammi in 1 litro d’acqua), è la forma più utilizzata.

Precauzioni importanti

Si consiglia di assumere questa pianta esclusivamente sotto la supervisione di un professionista.

I preparati di saponaria per uso interno devono essere somministrati in dosi ben definite. A dosi superiori a quelle indicate, e/o per suscettibilità individuale, possono presentare una certa tossicità manifestata con disturbi gastrici dovuti ad irritazione della mucosa intestinale che porta a nausea, vomito e diarrea.

Le saponine possono anche causare depressione dei centri nervosi respiratori e cardiaci e causare paralisi.

Inoltre, le saponine aumentano la permeabilità delle pareti cellulari, favorendo il sanguinamento.

A causa del suo effetto tossico sulle mucose, la saponaria polverizzata provoca irritazione nasale, da tenere in considerazione quando si prepara questa pianta per l’uso.

Controindicazioni di Saponaria

Non deve essere consumato in caso di gravidanza, allattamento o nei bambini di età inferiore ai 14 anni,

L’uso di Saponaria è controindicato nei soggetti con gastrite e ulcere gastroduodenali a causa dell’azione irritante delle saponine sulla mucosa digestiva.

Non prescrivere forme di dosaggio orali con contenuto alcolico a bambini di età inferiore a due anni.

Bibliografia consultata

  • Piante tossiche per uso medicinale nei Pirenei aragonesi

Acta biol. mese, 1984 (IV): 497-514

  • Attività antivirale dell’infuso (SHS ‐ 174) di fiori di Sambucus nigra , parti aeree di Hypericum perforatum L. e radici di Saponaria officinalis L. contro i virus dell’influenza e dell’herpes simplex

Ricerca sulla fitoterapia, Volume 4, Numero 3, giugno 1990

  • Risorse erboristiche di San Luis (Argentina). Seconda parte: piante esotiche coltivate, avventizie e/o naturalizzate

Multichina, no. 7, 1998, pp. 29-48

Istituto argentino per la ricerca sulle zone aride Mendoza, Argentina

  • Piante medicinali, aromatiche o velenose di Cuba. Juan Tomás Roig

EcuRed

  • Analisi comparativa sull’uso delle piante medicinali nella medicina tradizionale di Cuba e delle Isole Canarie

Rev Cubana Plant Med v.9 n.1, 2004

  • Attività antiossidante, antimicrobica e contenuto fenolico totale nelle parti aeree di Artemisia absinthum, Artemisia santonicum e Saponaria officinalis

Iran J Pharm Res. 2011 Inverno; 10 (1): 49-56.

  • Nuove proprietà farmacologiche delle frazioni ricche di saponine di Medicago sativa e Saponaria officinalis indirizzate a Candida albicans

Journal of Medical Microbiology, Volume 63, Issue 8, 2014

  • Recupero cromatografico controcorrente ad alta velocità e spettrometria di massa a ionizzazione elettrospray off-line profilatura di saponine bisdesmodiche da Saponaria officinalis che possiedono proprietà sinergiche di potenziamento della tossicità su tossine antitumorali mirate

Journal of Chromatography B, Volumi 955–956, aprile 2014, pagine 1-9

.

.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *