Suggerimenti

Irrigazione Kiwi: [Necessità, Frequenza e Procedura]

Il kiwi è un tipo di pianta da frutto originaria della Cina, dove cresce spontaneamente nelle foreste della valle del fiume Yang-Tse-Kiang.

Tra le sue specie si possono ottenere diversi tipi, con alcuni che danno frutti verdi e altri con frutti gialli.

In generale questa pianta ha un’elevata sensibilità al clima e al terreno, quindi questi sono due punti che vanno verificati a dovere.

Tuttavia, un modo per migliorare la salute del kiwi è avere informazioni sull’irrigazione , poiché l’acqua è molto importante per questo esemplare.

Pensandoci bene, abbiamo creato questo articolo con tutto quello che ti serve sapere per poter innaffiare correttamente la tua pianta ogni volta.

Punti importanti quando si innaffia un kiwi:
  • Frequenza di irrigazione: da due a tre volte alla settimana o secondo le esigenze del terreno e del clima .
  • Metodo di irrigazione: microirrigatori.
  • Orario ottimale della giornata per l’irrigazione: in qualsiasi momento della giornata.
  • Individuare l’acqua in eccesso: ristagno idrico che può causare marciumi, rammollimento del fusto.
  • Identificare la mancanza d’acqua: radici stentate, pianta secca e nessuna produzione di foglie, noci e senza vita.

Che esigenze di irrigazione ha il kiwi?

Il kiwi è una pianta con una particolare necessità di irrigazione, essendo adeguata a dargli la giusta quantità di acqua in ogni occasione . Tieni presente che in molte occasioni è fondamentale che si generi umidità in grado di stabilizzare il clima, soprattutto se fa troppo caldo.

È invece fondamentale che il terreno in cui si effettua la messa a dimora abbia un drenaggio ottimale, evitando ristagni idrici. È una pianta con grandi esigenze di acqua e umidità , quindi bisogna fare attenzione che ottenga ciò di cui ha bisogno e che non sia mai secca.

Come possiamo rilevare la mancanza di irrigazione nel kiwi?

Poiché il kiwi è una specie che richiede elevata umidità e annaffiature abbondanti, la mancanza di irrigazione è facilmente rilevabile.

Per cominciare, il terreno diventerà duro e secco, facendo sì che le radici si arrestino e diventino fragili e sottili .

Ciò impedirà alla pianta di essere adeguatamente nutrita, influenzandone lo sviluppo, la crescita e la produzione. Per questo motivo le foglie si noteranno prive di colore e secche , e potrebbero cadere in casi troppo gravi.

Se la pianta è in fase di produzione, è possibile che i frutti inizino a disseccare , ed è molto probabile che non maturino. Allo stesso modo, può accadere che i frutti cadano incapaci di rimanere attaccati ai loro rami a causa della debolezza generale della pianta.

Ogni quanto bisogna innaffiare il kiwi?

Il kiwi va innaffiato in genere dalle due alle tre volte alla settimana , purché siano rispettati tutti i fattori necessari. Ritiene che l’umidità sia molto necessaria, essendo conveniente il costante controllo delle condizioni sia del clima che del suolo. 

È anche conveniente che l’irrigazione sia molto più abbondante nel tempo di produzione della pianta . Questo perché, avendo frutti, questa specie aumenta il suo fabbisogno idrico per migliorare la qualità della sua produzione e mantenersi in salute.

L’importante è che si possa stabilire un livello di umidità adeguato per lo sviluppo della pianta, quindi dovrai stare attento.

Qual è il modo migliore per innaffiare il kiwi?

Il modo migliore per innaffiare il kiwi è con l’utilizzo di micro irrigatori che facilitano la corretta distribuzione dell’acqua . Questo meccanismo favorisce non solo che il terreno sia inumidito nel modo migliore, ma facilita anche che l’ambiente sia inumidito.

Questa umidità ambientale è essenziale quando si hanno piante di kiwi , poiché ne hanno bisogno per essere sane. Allo stesso modo, i microirrigatori possono fornire loro l’acqua di cui hanno bisogno periodicamente, evitando che si secchino o si danneggino per mancanza di umidità.

Come rileviamo l’acqua in eccesso nel kiwi?

Il kiwi è una specie vegetale che richiede molta umidità, ma necessita anche di un corretto drenaggio affinché l’acqua non ristagni. Ciò significa che quando non c’è un buon drenaggio, la pianta può subire danni, in alcuni casi irreversibili. 

Tra alcuni dei dettagli che possono consentire di rilevare l’acqua in eccesso c’è che la terra diventa troppo morbida o forma piccole pozzanghere. D’altra parte, lo stelo della pianta può diventare molto più morbido e meno sodo , il che è un’indicazione che l’acqua in eccesso sta causando problemi.

Per quanto riguarda le radici, se l’acqua in eccesso viene conservata a lungo, possono iniziare a marcire , il che scatenerà problemi in tutto l’esemplare. La buona notizia è che tutte queste condizioni si verificano solo a livelli estremi, quindi se l’irrigazione del tuo kiwi è appropriata non dovrai preoccuparti.

Fonti e riferimenti bibliografici

  • https://biblioteca.inia.cl/bitstream/handle/123456789/31125/NR06459.pdf?sequence=1
  • https://repositorio.inta.gob.ar/xmlui/bitstream/handle/20.500.12123/3636/INTA_CRBsAsSur_EEABalcarce_Yommi_AK_kiwi_manejo_del_suelo_riego_y_fertilizacion.pdf?sequence=1&isAllowed=y
  • http://www.scielo.org.mx/pdf/agro/v51n4/1405-3195-agro-51-04-00359.pdf
  • https://repositorio.uc.cl/xmlui/bitstream/handle/11534/8434/000344809.pdf
Forse ti interessano anche:
  • 21 tipi e varietà di kiwi più famosi e deliziosi
  • Cura del kiwi: [terreno, umidità, potatura e problemi]
  • Talee di kiwi: [Innesto, Stagione, Radicazione e Semina]
  • Parassiti e malattie del kiwi: [Rilevamento, cause e soluzioni]
  • Potare i kiwi: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.