Suggerimenti

Seminare un albero di arancio: [Forme, cura, substrato, irrigazione e parassiti]

Se stai cercando  pianta un arancio, dovrai prima consultare tutti i dati che compongono questa materia. In questa guida cercheremo di rispondere alle domande più importanti su questo famoso agrume .

Poiché l’ arancia è un frutto delizioso, viene sempre più piantata e commercializzata in tutto il mondo. Inoltre, è un albero sempreverde .

Ci stai accompagnando per imparare tutto sulla piantumazione dell’albero di arancio?

Potrebbero interessarti anche:

  • La semina del limone, guida completa .
  • La potatura dell’arancio.
  • Il fertilizzante dell’arancio.
Punti importanti quando si pianta un arancio
  • Quando? Preferibilmente durante la primavera. Abbiamo bisogno di abbastanza umidità, ma niente brina.
  • Dove? Utilizzare terreni con un pH compreso tra 6 e 6,5.
  • Come preparare il terreno? Usa materia organica fatta in casa come il compost fatto in casaper fornire buoni nutrienti. Controlla anche l’acidità del terreno.
  • Quanto spesso annaffiamo? Dipenderà da quanto è caldo. L’arancio è sensibile alla siccità, quindi è consigliabile annaffiare ogni due giorni se le temperature sono molto elevate.
  • Come dovremmo annaffiare? Idealmente, usa l’irrigazione a goccia . È quello che ci ha dato il miglior risultato.
  • Quali associazioni favorevoli ha? Á alberi come mango , guava e papaia . Inoltre lattuga, rucola e indivia .
  • Quali parassiti e malattie ha? Antracnosi, gommose, pidocchi rossi, minatori di foglie di agrumi e afidi.

Quando piantare un albero di arancio?

Un albero di arancio dovrebbe essere piantato nei periodi in cui le piogge sono sufficienti a fornire un ambiente umido per i semi.

Questo è preferibilmente in primavera .

Queste piante non sono calde, quindi di solito sono consigliate per aree sotto i 32ºC.

Tuttavia, ci sono stati casi in cui gli aranci sopravvivono alle alte temperature con annaffiature frequenti e abbondanti.

Dove piantare un albero di arancio?

Per piantare alberi di arancio, è meglio utilizzare terreni con un pH compreso tra 6 e 6,5 circa.

È anche importante che il terreno sia sabbioso o argilloso per consentire alle radici di muoversi facilmente.

Sebbene questo sia ottimale, la verità è che l’arancio è abbastanza resistente, quindi ha supportato la crescita in terreni che non soddisfano questi requisiti.

È anche importante considerare che può essere protetto dalle raffiche di vento , soprattutto quando si tratta di piante giovani.

Tuttavia, dovrebbe essere consentito di ottenere abbastanza luce solare per diverse ore al giorno.

Come preparare il terreno per la coltivazione degli aranci?

Perché il terreno goda delle condizioni viste al punto precedente, è necessario pagarlo.

Usare il compost fatto in casa è uno dei modi più comuni per ottenere buoni nutrienti senza spendere soldi per questo.

Un’altra buona informazione è controllare l’acidità del terreno per verificare che sia compresa tra 6 e 6,5.

Se è più acido, la cosa più appropriata è mettere una miscela di carbonato di calcio e magnesio che lo aiuti a diventare più gessoso.

Come innaffiamo gli aranci?

Per innaffiare un arancio bisogna considerare che il terreno è asciutto prima di inumidirlo nuovamente.

La cosa normale è che questo periodo occupa una o due volte alla settimana .

Tuttavia, questo varierà a seconda di fattori come il calore o l’umidità che l’ambiente ha in ogni momento.

Quando è la stagione delle piogge, è logico che il periodo di irrigazione si riduca, mentre accade il contrario nei mesi estivi con il sole radiante.

Nei giorni in cui è il momento di applicare l’irrigazione, sarà necessario farlo abbondantemente, in modo che il terreno sia ben inumidito.

Tuttavia, è necessario evitare che non si riempia di pozzanghera in eccesso per evitare la decomposizione o l’accumulo di microrganismi dannosi.

Come piantiamo un albero di arancio passo dopo passo?

Si possono usare due modi per seminare l’arancio : i semi o gli innesti .

Nel caso dei semi, il processo di crescita e maturazione della pianta è solitamente molto più lento.

Questa modalità porterebbe a vedere i risultati di produzione fino a un decennio dopo la semina.

Oltre a ciò, queste piante mentre germogliano devono far fronte alla loro bassa energia a molti tipi di inconvenienti.

Questi svantaggi includono batteri, funghi, marciume, incapacità delle radici di attaccarsi al suolo, ecc.

Riproduzione per talea o innesto: opzione molto interessante

Con gli innesti invece la situazione è di solito totalmente diversa perché la pianta ha già la resistenza per affrontare il mondo esterno .

Gli innesti possono essere effettuati a casa o acquistati in un asilo nido, a seconda delle possibilità di ogni persona.

Dopo averlo tra le mani, la procedura da seguire sarà la seguente:

  1. Effettuare una revisione di tutte le radici della pianta per scartare quelle parti in cattive condizioni.
  2. Eliminare l’aria in eccesso tra le radici e il terreno che vi è attaccato premendo con poca forza con le dita.
  3. Scava una buca in uno spazio libero in modo che le radici possano espandersi senza complicazioni.
  4. È importante che il buco sia profondo solo per coprire le radici, senza esagerare o raggiungere il tronco perché può provocare la morte della pianta .
  5. Premi delicatamente sul terreno per fissarlo alle radici.
  6. Se il terreno a questo punto è asciutto , annaffiare abbondantemente ma senza creare pozzanghere.

Seguendo esattamente queste istruzioni, gli aranci si ancoreranno correttamente al suolo e continueranno a svilupparsi. Per saperne di più, puoi vedere: Talee di arance .

Potare l’arancio: quando e come farlo?

Per potare l’arancio è bene evitare i periodi molto freddi e anche i periodi di fioritura. Questo di solito è all’inizio della primavera o alla fine dell’estate.

D’altra parte, è importante munirsi di buone forbici da potatura. Nel caso in cui i rami siano grandi, è meglio una sega.

Bisogna eliminare quei rami o ventose superflui che sporgono dal tronco.

Per saperne di più: Tutto sulla potatura dell’arancio.

Quali associazioni favorevoli ha?

Essendo l’arancio un albero da frutto che necessita di una buona quantità di umidità nel terreno, può essere associato ad altre piante con caratteristiche simili .

A livello di altri alberi da frutto, possono essere mantenuti nella stessa area con alberi di mango, guava e papaya .

In campo ortofrutticolo, potresti avere una buona esperienza piantando insieme a lattuga, rucola e indivia .

In ogni caso l’importante è che le piante non si tolgano i nutrienti l’una dall’altra, ma che possano godere di una convivenza amichevole.

Quali parassiti e malattie ha?

Nonostante sia un albero resistente , potrebbe essere attaccato da alcune malattie come l’ antracnosi o da parassiti come il pidocchio rosso della California.

Malattie dell’arancio

Tra le principali malattie che lo colpiscono ci sono:

  1. Antracnosi: produce macchie su foglie, fiori e frutti, che sembrano marci.
  2. Gommosi: la pianta presenta una secrezione sotto forma di una gomma biancastra che la ricopre dalla base alle parti superiori.

I parassiti dell’arancio

Nel caso dei parassiti ne abbiamo alcuni come:

  1. Il pidocchio rosso della California: predilige i frutti, provocando macchie gialle e facendoli cadere prematuramente.
  2. Afidi : estraggono la linfa dalla pianta, riducendone la forza e facendo arrotolare le foglie.

Per piantare alberi di arancio non è necessario avere molti anni di esperienza poiché diverse persone hanno ottenuto buoni risultati nel giardino delle loro case. L’essenziale è seguire il processo corretto fin dal primo giorno. Se vuoi approfondire, puoi vedere: Malattie degli aranci .

Per saperne di più, leggi: Varietà di arance .

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.