Suggerimenti

Irrigazione con piselli: [necessità, frequenza e procedura]

I piselli sono tra gli ortaggi più favorevoli alla semina perché poco impegnativi e aiutano a nutrire i terreni .

Esatto, a parte il fatto che sono buonissime e ci aiutano a preparare ricette squisite, richiedono pochissimo lavoro in termini di cura.

Uno degli aspetti principali che devi considerare affinché siano sani e si sviluppino come dovrebbero è l’irrigazione dei piselli.

E poiché è un argomento che sicuramente ti suscita molto interesse, qui ti daremo tutti gli aspetti di cui devi occuparti al riguardo, quindi continua a leggere.

Punti importanti quando si innaffiano i piselli:
  • Frequenza di irrigazione: prima 1 volta a settimana, poi aumentare fino a 2 o 3 volte a settimana.
  • Metodo di irrigazione: gravità o goccia a goccia .
  • Momento ottimale della giornata per l’irrigazione: al mattino prima che il sole si riscaldi. Evitare i pomeriggi in modo che l’acqua non venga conservata a lungo.
  • Individuare l’acqua in eccesso: marciume di radici, fusti e foglie gialle , pianta che perde vigore.
  • Identificare la mancanza d’acqua: pianta che appassisce e si secca.

Che esigenze di irrigazione hanno i piselli?

Le esigenze di irrigazione dei piselli sono variabili a seconda dello stadio di sviluppo che stanno avendo. All’inizio della semina è normale annaffiare giorni prima per garantire un buon livello di umidità al terreno e poi paralizzarlo.

Innaffierai di nuovo quando la pianta inizia la sua formazione con quantità adeguate in modo che il terreno sia sufficientemente umido. Il momento in cui la necessità di irrigazione aumenta realmente è quando è in piena fioritura e quando inizia la formazione del baccello e, quindi, del frutto .

Come possiamo rilevare la mancanza di irrigazione nei piselli?

La pianta di pisello che non si sviluppa in un terreno con un’umidità adeguata alla sua specie, prima o poi finirà per disseccarsi.

Inizia appassindo in aree come le foglie e lo stelo, ma poi avvolge l’intera struttura , dando un messaggio chiaro che qualcosa non va.

Se a ciò aggiungi che il terreno si sente asciutto, è essenziale promuovere l’irrigazione tempestiva in quel momento e poi continuare tutte le volte che hai organizzato.

È importante che anche se la pianta è appassita, non sottoponetela ad annaffiature eccessive perché potreste intaccarla ancora di più.

Ogni quanto bisogna innaffiare i piselli?

La frequenza delle irrigazioni sarà stabilita in base alla fase di sviluppo dei piselli , poiché per ogni caso esiste un fabbisogno idrico specifico. Al momento della semina è conveniente che il terreno sia umido.

Non sarà necessario applicare annaffiature fino al momento in cui noterai che la pianta inizia a germogliare. Da lì, è possibile stabilire l’irrigazione una volta alla settimana , a seconda delle condizioni meteorologiche, evitando che il terreno si asciughi troppo.

Per la fase in cui inizia la fioritura e la formazione dei baccelli, le innaffiature dovranno essere aumentate in media a 2 o 3 a settimana. In inverno non è frequente innaffiare a meno che il substrato non appaia eccessivamente secco, quindi si potrebbe stabilire un’annaffiatura ogni 3 o 4 settimane.

Qual è il modo migliore per innaffiare i piselli?

L’irrigazione per gravità è quella che meglio si adatta al fabbisogno idrico dei piselli. Attraverso di esso, l’acqua si diffonde in tutto il luogo in cui hai piantato i tuoi piselli

Normalmente l’avanzamento dell’acqua è lento, il che facilita l’assorbimento da parte della terra senza generare pozzanghere.

In ogni caso, alcuni specialisti consigliano la formazione di solchi in certi casi per evitare che l’acqua tocchi il collo della pianta. L’importante qui è considerare la giusta quantità di acqua da applicare perché a volte l’irrigazione per gravità comporta una maggiore usura dell’acqua.

Nel caso in cui non sia possibile fornire l’irrigazione per gravità, è meglio lavorarla per gocciolamento .

Come rileviamo l’acqua in eccesso nei piselli?

I piselli troppo annaffiati porteranno al marciume radicale. A livello visivo noterai la tua pianta con una mancanza di vigore, dove gli steli iniziano a sembrare gialli dalla base e andranno a toccare progressivamente le foglie .

Le foglie gialle cadranno, defogliando a poco a poco la pianta che finirà per morire se il problema non viene affrontato. I piselli sono piante con una bassa richiesta in termini di cure, ma le poche che richiedono devono essere soddisfatte esattamente.

L’irrigazione dei piselli è una delle più accurate in materia e se applichi le informazioni che ti abbiamo fornito qui, non avrai alcun problema con il tuo raccolto.

Fonti e riferimenti bibliografici

  • http://repositorio.lamolina.edu.pe/bitstream/handle/UNALM/3559/anchivilca-rojas-guiller-henry.pdf?isAllowed=y&sequence=2
  • https://dialnet.unirioja.es/descarga/articulo/6148536.pdf
  • https://repositorio.umsa.bo/xmlui/bitstream/handle/123456789/6788/TD-2210.pdf?sequence=1&isAllowed=y
  • Forse ti interessano anche:
    • Varietà di piselli: [Caratteristiche e classificazione]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.