Suggerimenti

Il metodo Fukuoka in giardino: quali sono i suoi principi?

Il Metodo Fukuoka è una pratica di coltivazione messa a punto da Masanobu Fukuoka , agricoltore, biologo e filosofo giapponese, la cui idea essenziale era quella di riprodurre il più fedelmente possibile le condizioni naturali nella coltivazione in modo che il suolo si arricchisse progressivamente e la qualità del cibo coltivato fosse aumentato senza alcuno sforzo aggiuntivo. Fukuoka chiamò questo metodo di coltivazione “Agricoltura Naturale” e per la sua filosofia è incluso all’interno della Permacultura. Impariamo un po’ di più a riguardo.

Masanobu Fukukoka

Masanobu Fukuoka è nato nel 1913 a Iyo City, nel sud-est del Giappone. Proveniente da una famiglia di agricoltori, iniziò la sua carriera professionale come pedologo, dedicandosi allo studio del suolo, e successivamente allo studio delle malattie delle piante. Fu sin da giovanissimo che iniziò a chiedersi se i metodi di coltivazione dell’epoca fossero i più appropriati, e iniziò la ricerca di un metodo di coltivazione ideale, finalizzato ad uno sviluppo naturale delle piante senza inutili interventi umani.

Questo gli ha fatto abbandonare la sua posizione di scienziato per tornare alla sua fattoria di famiglia e avviare sistemi di agricoltura biologica. Dopo molti studi, arrivò al metodo che oggi conosciamo come “Metodo Fukuoka e al quale dedicò il resto della sua vita. Questa proposta per una forma di agricoltura ecologica e naturale è stata presentata dai suoi libri  The Revolution of a Blade of Straw e The Natural Path of Cultivation. 

«C’è solo una cosa che esiste: che tutto è uno. Ho anche scoperto che non c’è niente che esiste in questo mondo, questa è l’idea che ho seguito. Ho cercato di andare sempre più in profondità nei dettagli della NADA. L’unica grande idea che ho avuto a 25 anni è che sia tutto uguale”. Fukuoka, M.

I principi del suo metodo si sviluppano dalla filosofia del nulla, del NON FARE,  ovvero intervenire solo quanto necessario, e il meno possibile, nei processi naturali, affinché la forza della Natura esalti i risultati in condizioni ottimali. L’intuizione che gran parte del lavoro che gli esseri umani svolgono è inutile e distruttivo, gli ha fatto mettere tutti i suoi sforzi nella scoperta di una formula che correggesse entrambe le carenze, senza esaurire le risorse della Terra per produrre cibo di buona qualità e abbondanza.

Come coltivare seguendo il Metodo Fukuoka

Come abbiamo già detto, l’essenza del Metodo Fukuoka è aiutare a raggiungere le condizioni più naturali possibili, all’interno delle quali la coltivazione è un po’ “artificiale”, e farlo con il minimo intervento dell’essere umano. Il suo sistema si basa sul rispetto, e perfino sul potenziamento, dei cicli naturali, affinché questi garantiscano una migliore qualità della crescita delle piante, attraverso semplici interventi al momento giusto.

Principi del Metodo Fukuoka

Il Metodo Fukuoka si basa su una serie di principi, la maggior parte dei quali sono utilizzati anche nell’agricoltura biologica convenzionale :

Non arare : Al fine di preservare la struttura e la fauna del suolo, nonché per mantenerne la composizione e l’umidità in condizioni ottimali.

Non utilizzare fertilizzanti o fertilizzanti : Rigenerare la fertilità della terra come in qualsiasi sistema naturale, attraverso l’interazione della biodiversità e dei minerali nell’ecosistema.

Non eliminare le erbacce o utilizzare erbicidi : gli erbicidi danneggiano lo sviluppo dell’ecosistema. Fukuoka propone il controllo della vegetazione avventizia attraverso l’interazione tra piante, arricchendo la biodiversità del suolo. Invece di arare o diserbare il campo, lo ricopre con i resti delle piante coltivate nel raccolto precedente, creando un compost naturale, che conserva umidità e sostanze nutritive e impedisce la proliferazione di erbe infestanti.

Non usate pesticidi : uccidono anche la ricchezza naturale del suolo. La presenza di insetti può essere bilanciata in una coltura, ad esempio, con nemici naturali .

Non potare : permettere alle piante di seguire il loro sviluppo naturale.

Aumento della biodiversità dell’ecosistema: evitare le monocolture. Le piante convivono in comunità, si completano a vicenda in modo simbiotico, competono e si aiutano a vicenda. In policoltura le diverse specie si relazionano creando una naturale simbiosi rotazionale.

Nendo dango: Fukuoka ha ideato un sistema per sostituire l’aratro, così come gli spaventapasseri e altri metodi, basati su palline di argilla usate per la semina. Per fare ciò, introduce i semi in palline di 1,5 cm e li sparge nel campo di coltivazione. Queste palle si sfaldano sotto la pioggia, permettendo

il seme germoglierà, mentre, fino ad allora, sarà protetto da quello strato di argilla dagli animali e dalle condizioni avverse. I semi della coltura desiderata sono inclusi nel mix di semi insieme a quelli di altre piante (principalmente trifoglio bianco). Questi germinano prima del raccolto, creando uno strato sottile che limiterà lo sviluppo delle erbe infestanti. Una parte di compost naturale (letame o altro) e pepe di Caienna possono essere inclusi nelle palline di argilla per scoraggiare gli animali dal volersi cibare di esse.3

Conclusione del metodo

Come puoi vedere, il Metodo Fukuoka si basa sull’iniziare a “dare” e poi a “ricevere” in modo naturale, invece di pretendere” dalla Terra fino all’esaurimento. Segue un principio di profondo rispetto per le forme della natura e la fiducia che essa può fornire ciò che è necessario se sappiamo trovare un modo per comprenderne i ritmi; Tuttavia, è anche vero che l’efficacia del tuo sistema dipende da una profonda comprensione delle interazioni nell’agroecosistema. Normalmente ci vuole tempo per acquisire la tecnica o fino a quando il terreno esausto recupera le sue qualità, ma abbi pazienza… prima inizi, prima acquisirai esperienza!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *