Suggerimenti

Frutti di bosco: come piantare mirtilli e lamponi in giardino

Oggi vedremo passo passo come coltivare i frutti selvatici , nello specifico come coltivare mirtilli e lamponi , frutti di due utili cespugli in giardino che sono anche compatibili per crescere insieme.

Le bacche sono così chiamate perché provengono da piante che crescono spontaneamente in campo. Sono buonissime e molto nutrienti e, essendo specie selvatiche, sono in grado di cavarsela da sole e  non richiedono troppe attenzioni e cure , quindi… perché non coltivarle?

Cosa sono i frutti rossi o frutti di bosco e a cosa servono?

Ci sono diversi cespugli di frutti di bosco , bacche o bacche , che possono essere piantati ai margini del giardino. Alcuni di loro sono:

  • Mirtillo (nero, blu o rosso)
  • Lampone
  • Mora
  • Uva spina (rossa, bianca, nera o “uva spina”)
  • Mora o mora
  • Guindo
  • Corbezzolo
  • Sambuco

Si consiglia vivamente di piantare frutti spontanei in giardino perché favoriscono la biodiversità e la presenza di utili impollinatori . Inoltre, i frutti di bosco come mirtilli, lamponi o more sono alimenti benefici per la salute grazie al loro alto contenuto di vitamine e antiossidanti . Queste fragole vengono consumate come frutta fresca ma vengono utilizzate anche per fare marmellate, conserve e dolci.

In questo post vedremo come piantare mirtilli e lamponi , ma abbiamo anche la scheda su come coltivare le more in giardino . Questi sono i frutti selvatici più comuni in Spagna ma sicuramente ce ne sono molti altri in altre parti del mondo, se ne conosci altri, segnalacelo nei commenti.

Come coltivare i mirtilli in giardino

Per piantare i mirtilli abbiamo bisogno di un clima temperato-freddo , poiché questa pianta sopporta bene temperature molto basse, ma non alte. Predilige il sole ma tollera l’ombra (anche se la varietà di mirtilli rossi necessita di pieno sole). 

La pianta del mirtillo contribuisce alla formazione dell’humus nel terreno. Richiede suoli umidi e acidi (pH 4-5,5) e non tollera venti molto forti, quindi se la zona è molto esposta al vento possono rendersi necessarie reti di protezione o altre strutture frangivento.

Come piantare i mirtilli

Il mirtillo dovrebbe essere piantato in autunno o all’inizio della primavera .

Se hai acquistato il cespuglio di mirtillo in un vivaio, rimuovi i polloni e i rami secondari (lascia al massimo il 50% della parte aerea prima di piantare). Immergilo nel terreno alla stessa profondità in cui era nel vaso o un po’ più in profondità, e aggiungi letame o compost maturo .

Irrigazione

È abbastanza impegnativo , soprattutto all’inizio, quando hai appena stabilito la pianta. Se ci sono periodi di più di una settimana senza pioggia, innaffiali con circa 25-50 litri di acqua a settimana (uno o due secchi “mop” più o meno), che è ciò di cui la pianta ha bisogno una settimana. Se piove non sarà necessario.

Fertilizzante e altri lavori per coltivare il mirtillo

Mettendo a fine inverno , un  imbottito o pacciamatura è altamente consigliato, e aunqu e non sono molto esigenti in termini di sostanze nutritive , un’applicazione annuale di farina di pesce, sangue e ossa favorirà la formazione di nuovi rami.

Potatura del mirtillo

Una potatura di formazione o “cimatura” è necessaria in autunno per i primi tre anni (si dovrà asportare le punte dei rami).

I mirtilli danno frutti su “legno vecchio”, quindi la potatura non sarà necessaria per diversi anni. Quando i cespugli sono più grandi e più spessi, taglia i rami vecchi o danneggiati e assicurati di lasciare abbastanza spazio tra loro per la circolazione dell’aria (come puoi vedere nella foto).

Nel caso dei mirtilli rossi, la potatura non è necessaria e dovrai solo rimuovere i rami e gli stoloni in eccesso.

Come coltivare i lamponi

Lamponi in crescita è facile in quanto è un arbusto abbastanza duro e poco impegnativo . I lamponi sono frutti selvatici che possono essere coltivati in quasi tutti i climi poiché resistono sia alle basse che alle alte temperature, al sole e all’ombra e non richiedono molta acqua (è necessaria solo una leggera annaffiatura durante i mesi estivi in ​​zone molto aride senza precipitazioni).

Il lampone necessita di terreni profondi ( non prospera in vaso) e con elevata capacità di ritenzione idrica ma non allagati, quindi è sconsigliato un terreno compatto. Un terreno ricco di humus o sostanza organica è fondamentale , quindi coltivare i mirtilli insieme ai lamponi è molto indicata perché i primi ne favoriscono la formazione.

Necessitano di un terreno con pH neutro o leggermente acido (se il pH è superiore a 7, soffrono di carenze di ferro).

Come piantare i lamponi in giardino

È meglio acquisire i cespugli già formati e piantare i lamponi in autunno (sebbene possano anche essere seminati da seme, ciò richiederà molto più tempo).

Per piantare lamponi, se si mettono più esemplari, bisogna lasciare una distanza tra le piante di circa mezzo metro e 1,5-2 metri tra i filari.

La zolla viene interrata ad una profondità di circa 50 cm, previa miscelazione del terreno con compost o letame ben maturo

Tutor lamponi e altri compiti

I lamponi non sono molto esigenti nei nutrienti. Una volta piantati difficilmente hanno bisogno di concimazione , anche se la pacciamatura organica in primavera torna utile perché fornisce i nutrienti necessari, protegge il terreno e favorisce la maturazione dei frutti .

È importante pelare i lamponi . Questo arbusto cresce meglio con un supporto che impedisce ai rami di piegarsi (un esempio di come piantare i lamponi è visibile nella foto).

Ogni anno usciranno nuove canne quindi quando le vecchie smetteranno di dare frutti, tagliatele e legate quelle nuove al loro posto  – vedi sezione “Curiosità” -.

Quando potare il lampone e come farlo

La prima potatura del lampone va effettuata a fine inverno o inizio primavera . Lascia le canne più spesse e vigorose ad un’altezza di 80 cm o 1 metro e mantieni ogni cespuglio largo da 30 a 60 cm.

Si consiglia inoltre di  potare i lamponi a fine estate , dopo l’ultimo raccolto. Prima dell’autunno è consigliabile potare le canne che hanno rinunciato. Vanno tagliati a filo del terreno per favorire la crescita di nuovi germogli.

curiosità

Le radici e le chiome di questa pianta sono perenni ma i suoi steli o canne sono biennali . Durante il primo anno non portano frutto (crescono e basta), e l’anno successivo fioriscono, danno frutti e muoiono.

I lamponi possono essere consumati freschi o surgelati per essere consumati in un secondo momento (se ne avete molti è meglio farlo perché altrimenti si rovinano).

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *