Suggerimenti

Come potare una pianta di peperone passo dopo passo: quando potare

Ciao a tutti agrohuerter! Nell’articolo di oggi impareremo come potare una pianta di peperone . È una pratica che, normalmente, non molte persone fanno, ma è molto semplice e consentirà alle nostre piante di ottenere risorse sufficienti per produrre deliziosi peperoni. Vedremo invece la differenza tra i diversi tipi di potatura (allevamento, produzione e rigenerazione) e quali vantaggi ciascuno presenta. Concluderemo spiegando passo passo come deve essere eseguita una buona potatura.

Tipi di potatura del pepe

Quando si pota una pianta di peperone, si possono distinguere tre classi: potatura di formazione, potatura di produzione e potatura di rigenerazione.

Potatura di formazione

La potatura di allevamento è principalmente finalizzata a modellare la pianta in base al numero di braccia (rami principali) che si desidera avere. Bisogna cercare di distribuire bene la linfa in modo che tutti gli organi vegetativi la ricevano. Inoltre, ha lo scopo di promuovere il lavoro culturale, la raccolta e la formazione.

Per eseguire la potatura di addestramento, è necessario eliminare:

  • Germogli dello stelo principale
  • Foglie sullo stelo principale che toccano il suolo
  • Ventose e steli di crescita irregolare o mal formata.

Potatura di produzione (o fruttificazione)

La potatura produttiva si basa sul mantenimento della forma della pianta, regolando la produzione in modo che sia abbondante e di buona qualità.

Per fare ciò, è necessario eseguire:

  • Diradamento della frutta
  • Diradamento delle foglie
  • Germogliamento del ramo

Potatura di rigenerazione

Il suo obiettivo è quello di far germogliare nuovamente la pianta quando è in declino dopo gli ultimi raccolti. Questa operazione comporta una significativa rimozione della massa vegetale. Si applica alla melanzana e al peperone per ottenere un nuovo germogliamento dopo il normale ciclo colturale.

Vantaggi della potatura dei peperoni

Come abbiamo già visto nell’articolo su: « Come potare una pianta di pomodoro» , la potatura delle verdure porta molteplici benefici. Tra i vantaggi più importanti spicca:

  • Maggior vigore della pianta.
  • Si cerca di indirizzare tutte le risorse della pianta alla produzione di peperoni.
  • Aumentare le dimensioni dei peperoni.
  • Riduce il rischio di parassiti e malattie .
  • La luce raggiunge più facilmente la pianta.
  • Migliora l’aerazione.
  • Evita la deformazione dei frutti rimanendo intrappolati tra le foglie.

Quando potare un peperone?

Non è necessario potare ogni settimana. È meglio potare circa 2 volte al mese . Spesso sarà più che sufficiente.

Come potare una pianta di peperone?

Una pianta di peperone può essere potata meccanicamente (con forbici disinfettate) o manualmente. È fondamentale non potare quando le piante sono bagnate poiché siamo maggiormente a rischio di introdurre una malattia. Se riusciamo a fare bene tutti questi passaggi, ci assicuriamo di avere dei buoni peperoni per lo stufato di verdure!

1. Rami principali

Senza dubbio, la prima decisione che dobbiamo prendere è scegliere quanti rami principali vogliamo che abbia la nostra pianta di peperone. La cosa normale è lasciare 2, 3 o 4. In effetti, ci sono studi (più focalizzati sulla produzione in serra) che indagano quale opzione è la più corretta.

Ad esempio, dicono che lasciare 2 rami principali migliora la precocità della pianta (si sviluppa prima) e aumenta un po’ la qualità. Tuttavia, lasciando 3 o 4 filiali principali otteniamo un aumento della produzione.

Pertanto, è una decisione che deve essere presa da tutti!

2. Potatura di formazione

  • Soppressione delle riprese sul tronco . Si consiglia di eliminare tutti i germogli che nascono nel fusto principale della pianta fino all’incrocio o prima biforcazione (vedi foto precedente). Ciò favorirà la crescita e lo sviluppo dei rami fruttiferi.
  • Soppressione fogliare sul tronco. Vanno eliminate quelle foglie che si trovano nella parte inferiore della pianta a spazzolare il terreno.
  • Rimozione del ciuccio. Tutti i polloni che crescono nella parte ascellare del fusto (come vedrete più avanti in un video) devono essere rimossi in quanto sono fusti improduttivi.

3. Potatura di produzione

  • Diradamento delle foglie su tronco e rami. Quando vediamo che le foglie sul fusto principale fino alla prima biforcazione sono molto vecchie, vanno rimosse. Questo diradamento sarà effettuato regolarmente durante tutto il periodo produttivo. Se vedi foglie malate all’interno della pianta, devi anche strapparle.
  • Diradamento dei frutti. È molto comune che alla prima biforcazione o incrocio appaia una prima fioritura che dà origine a frutti molto grandi. A volte questi frutti vengono soppressi per evitare che danneggino lo sviluppo del resto. È anche decisione di ciascuno, togliere più o meno frutti per favorire la crescita degli altri.
  • Si divide. Si effettua su piante con molto vigore ed eccessiva vegetazione per forzare la comparsa di nuovi fiori e anticipare la maturazione.

Per finire di fissare le idee, vi lascio un video dove spiegano in modo molto semplice come potare una pianta di peperone.

Buona giornata!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.