Suggerimenti

Trattamenti ecologici contro afidi, mosca bianca, ragno rosso, cocciniglie e altri parassiti

Una volta localizzata la peste o l’ attacco fungino , si può iniziare con trattamenti repellenti (molti insetti e parassiti individuano le piante dal loro odore, le piante usate come repellenti sviano i parassiti).
Se la presenza persiste, possono essere applicati preparati insetticidi e fungicidi naturali . E se ancora persistono, puoi usare insetticidi biologici, come il neem (o il neem) o il Bacillus thuringiensis.
.

afidi

Compaiono nei momenti di maggior sviluppo vegetativo e quando viene fornito molto azoto.
Il primo sintomo è la deformazione delle nuove foglie che crescono. Successivamente queste vengono ricoperte da una trama appiccicosa, la melata secreta dagli afidi, che costituiscono un ottimo trasmettitore di muffe nere, soprattutto in ambienti umidi. Gli afidi depongono le uova sui tronchi che possono rimanere per tutto l’inverno. Come trattamento preventivo possiamo applicare in inverno una soluzione idroalcolica di propoli e controllare l’apporto di azoto alle nostre piante. Esistono molti tipi di afidi, i tre principali sono l’afide lanoso, l’afide verde e l’afide nero.
.
Alcuni trattamenti combattivi che possono essere applicati in caso di infestazione da afidi:
.
-Spruzzare le piante con acqua saponata (sapone neutro diluito in acqua).
-Spruzzare con l’acqua di cottura delle patate.

-Spruzzare con infuso di assenzio (repellente) (100g di assenzio per litro d’acqua e poi diluire al 20%). Se la peste persiste con questo trattamento, applica una preparazione all’aglio. Questo trattamento si effettua tritando 100 gr. di spicchi d’aglio sbucciati, quindi marinare in due cucchiai di olio d’oliva per 12 ore. Versare un litro d’acqua e poi filtrare, premendo su un colino fine. Lascia riposare per una settimana. Quindi diluire al 5%.

-Spruzzare con una macerazione di rabarbaro (ripugnante). Per fare questo, lasciamo 500 gr. di foglie, senza steli, in 3 l. di acqua, per 24 ore. Si applicano 3 trattamenti in 3 giorni.

-Spray con decotto di consuela (ripugnante).
-Contro l’afide verde dei cespugli di rose: spruzzare con un puro decotto di edera (100 gr. in un litro d’acqua). Trattamento disgustoso.
-Contro l’afide lanoso degli alberi da frutto: spruzzare con una poltiglia di felce comune o maschio (1 kg. di foglie fresche in 10 l. di acqua, 100%) o macerazione di rabarbaro. Trattamento disgustoso.
-Utilizzare insetticidi ecologici come pelitre, rotenone, sapone di potassio (sciogliere 250-300 gr. di sapone di potassio in 10 l di acqua) o estratto di neem. Applicare il trattamento nel tardo pomeriggio.
-Lamina di alluminio o specchi possono essere posizionati a terra vicino al collo delle piante, per aumentare l’insolazione alla pianta, che infastidisce gli afidi e li disidrata a causa delle radiazioni in eccesso.
-Rimuovere le piante colpite.
-Cospargere le piante con polvere di roccia o alghe (Lithothamne); Assorbendo acqua e chiudendo i loro pori, gli afidi si disidratano e soffocano.
-Lotta biologica con le coccinelle, una sola durante i suoi 20 giorni di vita divora tra 350 e 400 afidi.
.

.

MOSCA BIANCA

Forma colonie sulla pagina inferiore delle foglie e si nutrono succhiando la linfa dalle foglie, che ingialliscono e finiscono per seccarsi e cadere. La melata trasudata dalla mosca bianca può causare la comparsa di funghi. La presenza di una mosca bianca non è importante, solo in grandi colonie dovrebbe essere considerata un problema.
.
Alcuni trattamenti:
.
-Trappole fisiche: vengono posizionate bande di plastica gialla spalmate di olio da cucina. La mosca bianca è attratta dal colore giallo e rimane intrappolata nell’olio. Valido anche per i viaggi.
-Spruzzare la parte inferiore delle foglie (dove alloggiano le mosche bianche) con sapone di potassio diluito (l’1% è sufficiente).
-Spruzzare con una macerazione ruta (80gr. Di pianta / l. Di acqua), diluito al 20%, poi diluito al 20%. Cautela nell’applicazione, poiché la ruta può causare dermatiti.
-Purín de rue e pelitre. Gli slurry vengono preparati separatamente e poi miscelati, diluendoli al 10%. Trattamento d’urto molto efficace.
-Spray con un decotto di console.
-Spray con impasto tanaceto puro (100%): l’impasto viene effettuato con l’intera pianta al momento della fioritura in ragione di 1 kg. di pianta ogni 10 l. d’acqua. Inibisce la deposizione delle uova di mosca bianca.
-Cospargere le piante con polvere di alghe o polvere di roccia.
-Rimuovere e bruciare le piante attaccate.
-Applicare l’olio di neem.
-Proteggere il collo delle piante con un dischetto di cartone o plastica e rimuoverle dopo aver deposto le uova, eliminandole.
-Lotta biologica, liberazione della vespa parassita Encarsia Formosa.
-Pianta garofani cinesi, calendule o tabacco ornamentale, poiché spaventano la mosca bianca.
.
.

VESPE

Mettere un contenitore largo con una bocca stretta (bottiglia) riempito con una soluzione dolce (acqua con miele, zucchero o gelato). La vespa entra e poi non sa come uscire.
.
.

ALACRÁN CIPOLLA O GRILLOTOPO

Attacca le radici delle giovani piante o taglia i loro steli alla base. Si nutre anche di vermi, lombrichi, formiche e tuberi. Come tecnica preventiva, le trappole fisiche possono essere preparate dall’autunno. Vengono praticate buche profonde 10 cm, riempite con letame di cavallo e ricoperte di piastrelle. Lo scorpione vi si rifugierà, attratto dalla materia in decomposizione. Durante l’inverno fino alla primavera, le trappole vengono scoperte, eliminando gli insetti e lì intrappolate.
.
Alcuni trattamenti:
.
-Al crepuscolo, posizionare esche di crusca, zucchero o latte condensato, acqua e un insetticida vegetale. Questa esca funziona anche per i vermi grigi e altri vermi che si nascondono nel terreno.

-In primavera, seppellire bidoni a livello del suolo con l’essenza di trementina e un po’ di letame fresco o riempito a metà d’acqua, lo scorpione cade e annega.

-Puoi seguire le gallerie e trovare i pozzi verticali, dove si rifugiano, tieni presente che solitamente si nascondono ad una profondità di circa 25 cm. Il foro può anche essere allagato con acqua e un insetticida come il rotenone o il piretro.
.
.

RAGNO ROSSO E RAGNO GIALLO

Sono acari che misurano 0,5 mm e vivono in grandi colonie sul lato inferiore delle foglie. Formano una specie di feltro grigio sotto le foglie di cui si nutrono. Le foglie sono ricoperte di macchie, gradualmente ingialliscono e alla fine si seccano. Amano il caldo e la secchezza, quindi come azione preventiva bisogna mantenere il terreno umido, ma non eccessivamente. Nelle piante d’appartamento forniremo umidità spruzzandole due volte a settimana. L’imbottitura inoltre favorisce la ritenzione dell’umidità nel pavimento.
.
Alcuni trattamenti applicativi:
.
-Spruzzare con poltiglia di assenzio (1 kg di pianta fresca in 10 litri di acqua), ortica (1 kg di pianta fresca in 10 litri di acqua o equiseto (200 g di equiseto essiccato in 10 litri di acqua).
-Se la peste persiste, si utilizzerà un insetticida naturale a base di pelitre, applicandolo sulla pagina inferiore delle foglie, poiché è lì che risiede il ragno.
-È possibile applicare zolfo in polvere o zolfo bagnabile sul lato inferiore del foglio.
-Applicare getti d’acqua fredda sotto la luce diretta del sole.
–Rilascio Phytoseulis persimilis. Acaro predatore del ragno rosso.
.
.

MAIALI

Le cocciniglie sono facilmente identificabili perché, nonostante ne esistano molti tipi, la loro forma è molto caratteristica: sembrano delle squame che aderiscono ai fusti delle piante, e soprattutto alla pagina inferiore delle foglie, come se fossero patelle. Tutti secernono cera e alcuni un liquido zuccherino, provocando danni come una graduale diminuzione della vitalità, scolorimento della zona attaccata, perdita di foglie.
È uno dei parassiti più frequenti, soprattutto nelle piante d’appartamento, perché l’aria secca è il loro principale terreno fertile.
Come tecniche preventive, è consigliabile aumentare l’umidità nelle piante d’appartamento. All’esterno è interessante piantare siepi con abbondanti fioriture che attirino predatori naturali di cocciniglie, come gli imenotteri attratti dalle ombrellifere (finocchio, sedano, carota), o le rosacee (ciliegi, cespugli di rose…).
.
Esistono molti tipi di cocciniglie, ma evidenzieremo:
* Cocciniglia cotonosa: è la più caratteristica delle piante da appartamento, dei cactus e delle piante grasse. Secernono una sostanza bianca, lanuginosa e cerosa sotto la quale nascondono le uova, rendendo le piante attaccate appiccicose e soggette a sviluppare muffe nere.
* Scudo cocciniglia: attacca un gran numero di piante ornamentali. Nel loro stato adulto, le squame sono ricoperte da un carapace marrone scuro e hanno un diametro di circa 4 mm, che consente loro di essere facilmente rilevate. Tendono a concentrarsi sulla pagina inferiore delle foglie e sugli steli, e secernono un liquido viscoso, che lascia appiccicosa la parte superiore delle foglie sottostanti, che presto sviluppano una muffa nera.
.
Alcuni trattamenti:
.
-Rimuovere i bulbi con l’aiuto di un pennello in maggio – giugno e spruzzare con infuso di origano.
-Utilizzare sapone insetticida (bioleat) nella prima generazione.
-Liberare il predatore Metaphycus helvolus.
-Trattare con olio di neem: le loro uova vengono infettate da funghi dopo che le femmine si sono nutrite di foglie trattate con questo prodotto.
-Spruzzare con liquame di felce.
-In caso di grandi infestazioni:
1) Olio paraffinico o vegetale o silicato di sodio in maggio-giugno
2) Olio minerale ad agosto
.
.

Nematodi

Sono vermi microscopici che parassitano le radici, rallentandole, impedendo alla pianta di essere nutrita. In giardinaggio e agricoltura biologica i nematodi generalmente non creano problemi perché i funghi del suolo e le sostanze radicali emesse dalle piante ne limitano la proliferazione. Ci sono azioni preventive che servono sia per evitare vermi che nematodi: fare rotazioni più ampie possibili, evitare l’eccesso di azoto e bruciare piante infette, non compostarle.
.
Alcuni trattamenti:
.
-Piantare tagetes (Tagetes nana) intervallati tra le colture. Le secrezioni di questa pianta favoriscono la schiusa dei nematodi dall’uovo, ma poiché non possono nutrirsi di questa pianta, le larve muoiono.

-Se la terra è piena di nematodi, si possono fare piantagioni di sovescio.

-Spray con preparati a base di nicotina, equiseto, ortica, litomane (alghe) o compost vegetale.
-Applicare olio di pelitre, rotenone o neem.
-Come misura estrema, la solarizzazione. Il terreno viene annaffiato e successivamente ricoperto di plastica trasparente.
.
.

VERMI A FILO

Vermi di colore giallo molto brillante che si nutrono di materia organica in decomposizione e attaccano le radici e i fusti sotterranei di molte piante, soprattutto di recente trapianto, lecci, acacie e alberi da frutto. Abbondano in terreni caldi, in cui è stata incorporata materia organica fresca. Le trappole fisiche possono essere preparate seppellendo carote o patate spesse 2 cm vicino alla pianta.
Al mattino vengono predisposte le trappole e vengono raccolti i vermi ivi ospitati.
.
Altri trattamenti:
.
-Favorire la presenza di talpe, allocchi e toporagni.
-Fare un buco nel terreno, mettere un vaso con vermiculite e un sacchetto chiuso con grano e mais per 10 giorni. Quando germinano rilasciano CO2 e attirano i wireworms, il vaso deve essere coperto bene.
.
.

VERMI GRIGIO

Vivono nascosti nel terreno, attaccano fusti, foglie e colli delle piante più giovani e tenere, soprattutto quelle appena trapiantate. Proliferano quando c’è materia organica nel terreno senza decomponerla. Vengono trattati scavando spesso intorno alla pianta, scavando e raccogliendo le larve durante l’autunno e l’inverno mentre vanno in letargo nel terreno. Alcune foglie di lattuga fungono da esca.
.
Altri trattamenti:
.
-Durante il giorno si nascondono sottoterra, tra 1 e 3 cm di profondità, quindi bisogna cercarli scavando accanto alla pianta che compare con danni.
-Applicare Bacillus thuringiensis al terreno e alle piante attaccate.
-Preparare un’esca a base di crusca, zucchero e polvere di Bacillus thuringiensis diluiti in acqua. Alla sera stenderlo ai piedi della pianta.
-Arrotolare un cartone largo quattro dita sulle piantine. È necessario seppellire almeno 2 cm. terra.
.
.

CARPOCAPSA O AGUSANADO DEI FRUTTI .

La carpocapsa è l’insetto che provoca il maggior danno negli alberi da frutto, principalmente nei meli. È una piccola farfalla della vita notturna e del crepuscolo. Inverni in uno stato di crisalide poco profondi al suolo; si nasconde anche nelle fessure di croste e pareti e persino nelle cassette dove vengono conservate le mele. Con il bel tempo, la crisalide si sviluppa negli adulti e le femmine depongono le uova sulle foglie dei rami più alti dell’albero.
I bruchi si nutriranno delle mele, aprendo una galleria per andare al centro alla ricerca dei semi, alimento principale della carpocapsa. Il frutto matura in anticipo provocandone la caduta prematura, dopodiché il bruco si nasconde nel terreno, ripetendo il ciclo.
.
Alcune azioni preventive sono:
.
-Consentire l’accesso dei polli sotto gli alberi, il loro incessante beccare rimuove la crisalide dal terreno.
-Rimuovere rapidamente i frutti caduti.
-Protezione e trappole fisiche: spalmare il tronco ei rami principali con un preparato a base di argilla, cenere e letame bovino e posizionare trappole.
.
Alcuni trattamenti per combattere la carpocapsa:
.
-Purino dell’assenzio maggiore
-Infuso di Tanaceto
.
.

CATERPILLAR DI CAVOLO

Queste foglie divorano le foglie dei cavoli. Come tecniche preventive possiamo piantare menta, rosmarino, salvia, assenzio o timo tra le piante di cavolo.
.
Alcuni trattamenti:
.
-Posiziona trappole e contenitori speciali per catturare le farfalle cavolo.
-Cerca le uova dei bruchi sul lato inferiore delle foglie di cavolo e schiacciale. Il periodo di deposizione va generalmente da aprile a giugno.
-Nei casi più gravi ricorrere a insetticidi vegetali come pelitre, rotenone, Bacillus thuringiensis…

-Respingere gli adulti applicando un decotto di felce o un infuso di assenzio (100gr/l) intorno alla pianta. Impiegare puro nel pomeriggio.

.

.

SCARABEO DI PATATA

Attacca la melanzana e la patata.
.
Alcuni trattamenti:
.
-Eliminare insetti e foglie dove ci sono le uova. Le uova sono di un colore giallo-arancio intenso.
-Applicare pelitre o Bacillus thuringiensis.
-Pianta le melanzane tra le patate, dato che il coleottero preferisce le melanzane, e una volta lì puoi catturarle ed eliminarle.
-Cospargere le piante con polvere di alghe o polvere di roccia.
-Piantare camomilla tra le patate
.
.

LUMACA E LUMACA

Si possono preparare trappole fisiche. I coperchi dei barattoli di caffè o delle lattine tagliati a metà pieni di birra vengono interrati a livello del suolo. Lumache e lumache sono attratte dal forte odore e cadono nella birra.
.
.

FORMICHE

I frutti del paradiso (Melia Azedarach) vengono schiacciati e fatti macerare in acqua per 15 giorni. Il risultato è un fermento che, sparso sul terreno, è repellente per le formiche. Dovrebbe essere tenuto lontano dai bambini. Puoi anche mescolare pepe bianco e acqua in parti uguali, spruzzare e dipingere i tronchi delle piante.
Un’altra soluzione è fare un infuso di 300 gr. di foglie fresche di lavanda con un litro d’acqua e spruzzare. Puoi anche fare un impasto di foglie di quercia (Quercus robus, ilex o palustris) e spruzzare sulle piante attaccate.
.
.

CANI E GATTI

Se non vogliamo che i nostri cani e gatti mordano le piante del giardino o del terrazzo, spruzzeremo pepe di Caienna macinato e peperoncino: In un bicchiere, mettere una manciata di pepe di Caienna e un’altra di pepe con poca acqua e mescolare. Diluire in due litri d’acqua e spruzzare ogni 15 giorni circa. Fino a quando i nostri animali domestici non si avvicinano più. P. Attività Ambientali CM

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.