Suggerimenti

Cos’è Vermicompost: il lavoro dei vermi nel compost

Ecco la seconda parte dell’articolo Making vermicompost in Agronomists . Dopo averti detto come e dove viene prodotto il compost che andrà ad alimentare i vermi, in questo articolo andremo a vedere le principali mansioni che vengono svolte per ottenere il prodotto finale: il vermicompost o vermicompost .

Prepara il precompost

Come abbiamo già visto, la prima cosa da fare è preparare questo prodotto, che chiamiamo “precompost” (in questo caso, residui colturali ed escrementi di coniglio e pollo che vengono trasformati in compost nelle grosse corde dell’impianto di compostaggio ETSIA) . Questo è molto importante perché è necessario incorporare materiali organici nell’habitat del verme in modo che, in cambio, producano vermicompost.

Una volta che il precompost è pronto, possiamo darlo in pasto ai vermi e, con la dovuta cura e manipolazione, daranno origine al compost che ci aspettiamo.

Come si compostano i vermi?

Quando i vermi si nutrono del “cibo” che gli forniamo, nel loro intestino avvengono processi di frazionamento, sintesi e arricchimento enzimatico e microbico; vale a dire, in termini cristiani:  mentre attraversa il tuo intestino, il residuo viene “caricato” di composti e microrganismi benefici che ne favoriscono ulteriormente la decomposizione. 

Conseguenza? Il prodotto di scarto espulso da vermi, vermi fusi, compost di lombrichi o vermicompost , è un prodotto organico in grado di stabilizzarsi più velocemente del normale compost. Il prodotto è più decomposto e, quindi, la trasformazione dell’humus in sostanze minerali, di cui le piante hanno realmente bisogno e che assorbono, è più rapida.

Creste di vermicompost

Per formare le creste o cordoni di compost + vermi + vermicompost che vedete in foto, la prima cosa è stata stendere sul terreno una superficie protettiva per isolarli dal terriccio e dalle erbacce . Per questo sono state utilizzate reti geotessili anti-erbaccia (nello specifico, la rete anti-erbaccia HORSOL BIO).

Sopra le reti protettive sono state realizzate due creste con il precompost e con i vermi acquistati di cui abbiamo parlato nel post precedente.

Per alcuni mesi si è aspettato che questa popolazione di vermi si moltiplicasse per fare più creste senza dover acquistare più vermi.

Nel frattempo, stavano già facendo il loro lavoro mangiando e digerendo il loro “cibo” per far posto al vermicompost.

Come moltiplicare il numero di vermi

I vermi hanno solo bisogno di cibo e di essere a loro agio a riprodursi senza fermarsi ed in modo esponenziale. Infatti non è raro scavare un po’ nelle creste e trovare, oltre ai vermi, uova come quelle che ho fotografato quando ho visitato l’impianto di vermicomposting ETSIA: ovali, di colore giallastro e di pochi millimetri.

Per ottenere il massimo tasso di riproduzione dei vermi, l’habitat che abbiamo creato per loro deve essere a un’umidità dell’80% in più o in meno e alla temperatura ottimale: da 20 a 25º (al di sotto di tale temperatura si riproducono anche loro, ma a un ritmo più lento Vota).

Se fa freddo e sono fuori, per mantenere la giusta temperatura possiamo cercare di isolare un po’ le creste o dove abbiamo il vermicompost. Ad Agrónomos, questo è quello che hanno fatto durante i freddi mesi invernali, quindi puoi vedere nella foto sopra uno strato di paglia che copre le corde (lo rimuovono alla fine della primavera). Sebbene la cannuccia sia un po’ fastidiosa, i vermi si riprodurranno di più se usiamo questo semplice metodo.

Anche l’umidità deve essere adeguata, per questo le creste sono dotate di irrigatori a pioggia , che hanno il compito di mantenerle umide.

È anche molto importante rinnovare il loro “cibo”  poiché dopo poche settimane avranno digerito la maggior parte di ciò che gli abbiamo messo all’inizio. Per questo motivo, secondo quanto mi hanno detto gli addetti alla produzione del vermicompost di Agrónomos, ogni 2-3 mesi aggiungono nuovo precompost alle creste (alte circa 20 cm lungo le corde), dopo aver rimosso il vermicompost già fatto (ora ti dico come).

Cosa fare con i vermi e il vermicompost finito?

Quando la popolazione diventa molto numerosa, i vermi smettono di riprodursi:  “scoprono” che c’è poco spazio e poco cibo per tutti, e iniziano a riprodursi a un ritmo molto più lento. Se togliamo la metà dei vermi avranno più spazio, mangeranno di più e si riprodurranno di nuovo ad alta velocità. Inoltre, con quelli che togliamo, possiamo fare un’altra cresta e ottenere il doppio del compost di lombrico.

Per questo motivo, e perché è necessario rimuovere il vermicompost finito , ecco perché usano questa tecnica di  “ingannare i vermi”:

Diciamo che li “ingannano” perché mettono una specie di “esca” per farli andare verso di lui e poterli così catturare. L’esca è una stringa di precompost “fresco di forno” (cioè dalla pianta precomposta) che mettono in cima alle creste. Cibo recente e appetitoso per loro, e soprattutto… gratis! dato che l’hanno appena portato e non ha ancora nessun verme.

I  vermi si arrampicheranno fino al nuovo cordone. Quando lo avranno fatto, sarà il momento di rimuoverli insieme alla “trappola” e rimuovere anche il vermicompost finito che lasciano sotto . I vermi verranno distribuiti tra la cresta su cui si trovavano e una nuova, in modo che… tra un po’ faremo la stessa operazione e otterremo il doppio del compost di vermi!! (Prendete nota, questo è un ottimo modo per moltiplicare i vermi!)

Spero che questi trucchi che mi hanno detto siano stati utili per fare il vermicompost in giardino

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *