Suggerimenti

Lavoro durante la coltivazione di ortaggi

Il terreno deve essere sempre preparato alla semina o al trapianto in modo tale che sia ideale per favorire la corretta crescita delle piante. Per questo è necessario asportare il supporto ad una profondità di circa 30 cm in modo che sia aerato, spugnoso, morbido, che si presenti scollato e abbia la possibilità di trattenere meglio l’umidità. Si consiglia inoltre di smuovere il terreno in modo da ottenere un doppio vantaggio: lo strato più impoverito della coltura precedente e la crescita delle erbacee e dei semi sarà molto difficile poiché dovranno cercare i nutrienti con le radici ad altre profondità .

Il lavoro preparatorio serve anche per interrare il compost organico che andremo ad utilizzare. In casi eccezionali, quando si vuole fare un lavoro di preparazione straordinario, si approfondisce a circa 40-45 cm e si esegue la cava in due tempi mediante doppia manipolazione: si separa il primo strato di 20 cm, poi si separa, quindi si solleva il successivo strato, sempre lungo 20 cm e si unisce al precedente. Una delle diverse tipologie di letti che possiamo allestire è il letto profondo o rialzato .

Uno dei compiti durante la coltivazione degli ortaggi è lo scavo poco profondo. Ci sono giardinieri che preferiscono sostituire il lavoro di preparazione del terreno per il diserbo con grossi scavi. Quando si cerca di coltivare ortaggi caratterizzati da radici che vanno esplorate in profondità, il diserbo è il sistema meno adatto perché provoca più fatica, meno aerazione e gli strati di terreno non vengono rimossi.

In molti casi vengono utilizzati motocoltivatori che, sebbene non riescano a svolgere un compito così perfetto come manualmente, lo sforzo è ridotto e il loro utilizzo può essere ripetuto più volte per lo stesso tavolo di coltivazione.

Una volta terminato il lavoro più profondo si presenta una superficie molto irregolare, e cioè quando si rompono le zolle con l’aiuto di una zappa e poi con un rastrello si spiana e si regola la superficie in modo che sia facile preparare i solchi per la semina . , oppure i fori per mettere i bulbi, i tuberi, i rizomi o nel caso che andremo a trapiantare, le piantine.

Nel corso dello sviluppo della coltura è necessario effettuare alcuni lavori sul terreno, il più importante potrebbe essere l’asportazione della superficie con il duplice effetto di eliminare le erbe spontanee indesiderate ( diserbo ) e rompere la crosta che impedisce la corretta aerazione della terra.

L’ abbassamento o sottosquadro si effettua ammucchiando il terreno sul collo della pianta per favorire lo sviluppo delle radici che a loro volta conferiscono alla pianta maggiore stabilità. Viene prodotto in piante come santoreggia, fagioli, sedano, melanzana, arachide, cardo, coriandolo, cavolo, asparago, dragoncello, cece, pisello, fava, finocchio, issopo, fagiolino, lenticchie, mais, maggiorana, melissa, gombo, origano, patata, cerfoglio, peperone, porro, rosmarino, rabarbaro, salvia, tanaceto e topinambur.

In alcuni casi la rincalzatura viene effettuata esclusivamente quando la pianta è matura, si cerca di proteggerla dal freddo o si effettua anche quando si cerca di sbiancarla in modo che il suo consumo sia più gradevole. Può essere utile anche per migliorare la struttura del terreno nel caso in cui sia poco ricco di sostanza organica, inglobare un piccolo strato di pacciamatura di circa 2 o 3 cm.

Nella piantumazione in solco, questa viene effettuata tra i filari e serve a facilitare la distribuzione dell’acqua, evitando di innaffiare la pianta direttamente sull’apparato aereo ed evitando così il rischio di comparsa di funghi durante il suo sviluppo.

Nel caso di terreni particolarmente occupati da piante spontanee che non vogliamo, possiamo sfruttare la tecnica della pacciamatura con paglia, corteccia, ecc. e quindi riduciamo notevolmente il loro aspetto. .

Molte piante hanno il fusto flessibile e non sono in grado di sostenersi bene una volta raggiunto un certo sviluppo, oppure nel caso di piante striscianti, non è conveniente che i germogli si trascinino al suolo, poiché occupano gran parte del superficie o il frutto è può soffrire di essere appoggiato direttamente sul terreno, ed è allora che dobbiamo fornire a queste piante supporto o tutoraggio. Solitamente si utilizzano canne o bastoncini di varie altezze che vengono inchiodati vicino alla pianta o nello stesso terrazzo dove cresce. Alcune piante come fagioli e piselli crescono intorno al tutore, altre come i pomodori vanno legate e fissate al tutore prima in altezza e man mano che cresce ripeteremo la stessa operazione. Il tutoraggio deve essere svolto in modo tale che la luce raggiunga tutte le foglie e che l’aria possa circolare liberamente. Il tutoraggio si fa su fagioli, melanzane, zucca, piselli, cetrioli, peperoni e pomodori.

L’ urto comporta il taglio dell’apice vegetativo del focolaio con le unghie del pollice e dell’indice. Questo viene fatto su piante giovani per favorire lo sviluppo di gemme all’ascella delle foglie, anche se non ancora completamente sviluppate. Altre volte si prevede che il germoglio abbia formato più foglie e quindi si incastri su una delle foglie già mature, asportando un pezzo in via di sviluppo con almeno 3 o 4 foglie. In questo caso l’intento della pinzatura è quello di limitare la formazione di germogli ascellari, favorendo la crescita di un certo numero di foglie a seconda dello spazio che la pianta deve occupare. Altre volte la pinzatura viene effettuata su una pianta adulta a fine ciclo per bloccare un ulteriore sviluppo e favorire la favormaturazione dei frutti . Se la serrata è stata effettuata prima di una fase di riposo forzato, ad esempio, a causa di una situazione climatica sfavorevole (come siccità o troppo caldo), nella ripresa vegetativa stimolata dal ritorno delle condizioni ideali di sviluppo, come la abbondanti irrigazioni, si verifica una rapida emissione di germogli che può portare ad una significativa produzione tardiva. Si può fare su melanzane, zucchine, meloni, cetrioli, peperoni, angurie o pomodori.

Eseguendo la toppingalla pianta viene dato un modo più appropriato per ottenere una produzione più abbondante e di migliore qualità. In molte specie (come pomodoro e melanzana), all’ascella delle foglie si formano dei germogli che sviluppano un nuovo ramo. Se il numero è eccessivo, l’impianto si esaurisce e la produzione è seriamente compromessa. È meglio togliere i germogli quando sono ancora piccoli, non più lunghi di 4-5 cm, spingendoli delicatamente fuori con il pollice per romperli. L’operazione viene ripetuta spesso in base alle esigenze di ogni impianto. Non è consigliabile asportare gemme eccessivamente sviluppate (10 cm o più) in quanto ciò favorirebbe la comparsa di marciumi dovuti alla lenta cicatrizzazione della “ferita” provocata dal germogliamento. Piante che si distinguono: basilico, melanzana, patata dolce, zucca, fagiolo rampicante, maggiorana, melissa,

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *