Suggerimenti

Meccanismi di difesa delle policolture contro i parassiti

Il minor danno da parassiti nelle policolture può essere dovuto al fatto che sono meno attraenti per loro perché (Alonso, A., Guzman, G., 2000):
.
1. Il parassita non riesce a trovare la coltura di cui si nutre abitualmente. Ciò è dovuto al fatto che la coltura accompagnante altera le condizioni fisiche (microambiente, schema di riflessione della luce, ecc.) o chimiche (diffusione di attrazione, mascheramento degli odori, repellenza, ecc.) che normalmente indicano al parassita che la coltura è presente che riduce la probabilità di trovarlo. Diamo un’occhiata ad alcuni esempi.
.
La ricerca da parte dell’insetto della pianta ospite coinvolge spesso meccanismi olfattivi. Le piante attraenti per i parassiti associate a piante che non sono attraenti possono essere una componente importante nella difesa contro i parassiti, a causa dell’effetto di mascherare gli odori delle colture da parte delle piante da compagnia. Per esempio:
– Carota cipolla.
– Carota – erba medica.
– Consociazione di pomodoro e cavolo-cavolo che determina una minore presenza e deposizione delle uova della tignola Plutella xylostella nel cavolo, perché respinta dagli odori che il pomodoro emana.
– Questo meccanismo sembra agire anche nel caso dei nematodi fitopatogeni quando sono presenti alcune specie compagne, come il garofano o il sesamo.
– Le erbe aromatiche (rosmarino, salvia, ecc.) sono state indicate per respingere gli insetti infestanti nei frutteti, dove vengono solitamente impiantate ai margini degli appezzamenti.
.
Altri parassiti rilevano la coltura attraverso meccanismi visivi che risentono anche della presenza di una seconda coltura. È il caso degli afidi (afidi), che si confondono per la minore intensità della luce riflessa dalla coltura in accrescimento con il manto vegetale, rispetto alle monocolture
.
2. In altri casi, il parassita colonizza meno la policoltura e, inoltre, il tasso di migrazione del parassita verso altri siti è molto più elevato rispetto a quando incontra un appezzamento di monocoltura. Ciò sembra essere dovuto al fatto che il parassita deve investire più energia per muoversi e nutrirsi della policoltura, motivo per cui non è così “redditizia” come la monocoltura.
Questo meccanismo si verifica, ad esempio, quando la pulce crocifere (Phyllotreta cruciferae) raggiunge una policoltura di broccoli ricoperta di veccia. La pulce trova serie difficoltà, quando cade su una pianta di veccia, a raggiungerne la sommità e a poter saltare o volare verso un’altra pianta di broccolo. Ciò è dovuto alla grande biomassa prodotta dalla veccia e alla sua complessa architettura di rami aggrovigliati. Per questo motivo, lasciano rapidamente l’appezzamento di policoltura.
.

3. La minore attrazione o sviluppo del parassita nella policoltura è talvolta dovuta alla diversa “qualità” della pianta ospite, che è quindi meno valutata dal parassita. Ciò può verificarsi perché in policoltura c’è competizione per i nutrienti tra le colture coinvolte, che riduce l’estrazione effettuata da ciascuna di esse.

Un esempio di questo sono gli afidi o gli afidi. La fertilità di questi è solitamente proporzionale al contenuto di azoto solubile nel floema (linfa) della pianta, aumentando la sua popolazione quanto maggiore è il consumo di azoto da parte di essa. La policoltura può ridurre l’assorbimento di azoto da parte delle colture partecipanti, evitando il consumo di lusso e limitando lo sviluppo della popolazione di afidi. Questo è il motivo per il basso livello di afidi nel raccolto di fave quando seminato con copertura di orzo o avena.
.
4. In altre occasioni, la minore presenza di peste sulle piante della coltura principale è dovuta al fatto che ha preferito essere localizzata sulla coltura compagna, che funge così da trappola colturale
.
Alcuni esempi provati di queste colture trappola sono:
a) Quando il mais viene piantato a strisce nei campi di cotone, attira il punteruolo del cotone, tenendolo lontano da questa coltura.
b) Nella policoltura ebrea/pomodoro, il fagiolo funge da trappola per gli attacchi della ciambella (Spodoptera sunia) al pomodoro, che difficilmente viene attaccato.
c) Il raccolto di broccoli mescolato con un altro ospite crocifero, la senape selvatica (Brassica kaber) ha subito meno attacchi dall’insetto parassita Phyllotreta cruciferae (pulci). Questo perché questi insetti si concentravano più sulla senape selvatica che sui broccoli nell’impasto. Questa preferenza è di natura chimica, poiché la senape selvatica produce una maggiore quantità di una sostanza chimica che attrae fortemente la pulce.
.
5. Ipotesi di nemici naturali.
Quando si passa da una monocoltura a una policoltura, aumenta la presenza di predatori di parassiti e la loro efficacia. Ciò è dovuto, tra l’altro, al fatto che:
a) Nelle policolture trovano altri insetti di cui possono nutrirsi quando il parassita non è presente. In questo modo sopravvivono e quando appare l’insetto parassita possono controllarlo.
b) Trovano altre fonti di cibo (polline e nettare) che, come prima, permettono loro di sopravvivere.
c) Trovano più facilmente ripari per svernare, riprodursi, ecc.
.
.
Policolture di successo nel controllo dei parassiti
.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *