Suggerimenti

Pitaya: coltivazione

Il pitaya, pitahaya o frutto del drago, è un frutto della famiglia delle Cactaceae diventato molto popolare negli ultimi anni per il consumo alimentare. Esistono diverse varietà di pitahaya: Hylocereus megalanthus, Hylocereus undatus, Hylocereus costaricensis, Hylocereus polyrhizus, Hylocereus monacanthus, Hylocereus triangularis, ecc. Il suo frutto è di un sorprendente colore rosa o giallo, con polpa bianca, gialla o rosa e, sebbene la pianta sia originaria dell’America, è attualmente coltivata in altre parti del mondo.

Se vuoi conoscere la coltivazione della pitaya, da come piantarla alla sua cura per coltivarla e portare frutti, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde, in cui ti insegneremo come farlo passo dopo passo.

Come piantare il frutto del drago

È possibile piantare la pitaya sia dai suoi semi che dalle talee. Tuttavia, la prima opzione è molto più lenta e potrebbero essere necessari diversi anni prima che la tua pianta inizi a dare i suoi frutti. Qui spiegheremo la coltivazione della pitaya per talea, poiché è molto più veloce. I semi di Pitaya non sono particolarmente delicati o difficili da coltivare, quindi in ogni caso è questione di tempo.

  1. Scegli un’area di terreno all’esterno con spazio sufficiente, oppure un vaso profondo almeno 25 cm e dotato di fori di drenaggio sul fondo. Se pianti all’aperto, trova un’area che riceva la luce solare per almeno alcune ore del giorno. Se gli inverni sono rigidi nella tua zona, è meglio che tu scelga di tenerlo al chiuso, poiché forti gelate danneggeranno la pianta e possono ucciderla.
  2. Usa il terreno o il substrato per i cactus, che è piuttosto sabbioso e ha un ottimo drenaggio.
  3. Prendi una talea di almeno 2 anni e lasciala all’ombra per circa 5 giorni prima di piantarla. Qui ti diciamo come fare le talee.
  4. Trascorso tale tempo trapiantare la talea in un vaso con le caratteristiche sopra descritte, in una zona soleggiata e annaffiare la pianta come il cactus tropicale che è: solo quando il substrato è visibilmente asciutto.
  5. Puoi aiutarti con fertilizzanti per cactus al momento del trapianto e un paio di volte al mese nella stagione calda.
  6. 4 mesi dopo, la tua pianta pitaya dovrebbe essere pronta per il trapianto nella sua posizione finale, all’aperto o in un vaso più grande.

Pitaya si prende cura della sua coltivazione

Queste sono le cure pitaya affinché la sua coltivazione sia un successo, cresca sana e dia frutti:

irrigazione pitaya

Essendo un cactus tropicale, uno dei maggiori pericoli di questa pianta è l’eccesso di umidità. È facile essere tentati di innaffiarla troppo per accelerarne la crescita, ma ciò porterà solo a malattie e deterioramento della pianta. Innaffia solo quando il suo substrato è asciutto.

Substrato e fertilizzante

Per quanto riguarda la terra e l’abbonato, condivide i bisogni della maggior parte dei cactus del suo genere. Usa il terreno o il substrato per le piante grasse e concimalo con fertilizzanti specializzati una volta al mese o ogni 15 giorni nei mesi primaverili ed estivi. Ti consigliamo di utilizzare il fertilizzante naturale per cactus e qui ti diremo tutto sul fertilizzante organico: cos’è, tipi, benefici e come farlo.

esposizione al sole

Questa pianta ha bisogno di molta luce solare, quindi a meno che tu non viva in una zona dove il sole è eccezionalmente forte, piantala dove riceve più luce durante il giorno.

Pota il frutto del drago

Infine, in questa pianta va praticata una potatura di allevamento poco dopo il trapianto della talea per mantenere un’adeguata struttura e produzione di frutti. La cosa più usuale è eliminare tutti i germogli tranne uno o due baccelli alla fine e, dal terzo anno di vita della pianta, si effettua la potatura produttiva in cui vengono eliminati tutti i baccelli che non danno frutto.

Quando raccogliere la pianta di pitaya

Questa pianta produce i suoi frutti in maniera scaglionata nel periodo che va dall’autunno all’inizio della primavera. Dovresti raccoglierli quando sembrano maturi, di colore brillante e completamente rosa, rossi o gialli, a seconda della varietà che coltivi, ad eccezione delle punte sulla varietà pitaya rossa. Se non sei sicuro, aspetta a ritirarli quattro giorni dopo che hanno cambiato colore.

Come mangiare pitahaya

Questi frutti, dal sapore dolce e dal bassissimo contenuto calorico, sono diventati apprezzati in tutto il mondo sia per il loro gradevole colore e sapore sia per il loro apporto quasi nullo di carboidrati.

Mangiarli è molto facile, è un po’ come si mangia un kiwi: basta tagliare il frutto per esporre la polpa e si può mangiare a bocconcini o con l’aiuto di un cucchiaino. I semi si possono consumare senza alcun problema e, infatti, la cosa più comune è farlo, poiché rimuoverli è ingombrante e superfluo e, per di più, forniscono anche nutrienti benefici. Sono molti anche coloro che scelgono di tagliare la frutta a fette o in quarti e privarla della buccia per utilizzarla nelle pietanze, sia nei dolci e nelle colazioni, sia nei primi piatti.

Se desideri leggere altri articoli simili a Pitaya: coltivazione, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.