Suggerimenti

Rosa di Gerico: scopri la pianta immortale

In una nuova puntata di schede delle piante per conoscere l’intero mondo vegetale che ci circonda, siamo stati incuriositi dalla pianta della Rosa di Gerico, quindi abbiamo deciso di dedicare un articolo a questa misteriosa pianta.

Ed è che, senza voler rovinare, abbiamo una pianta che ha una magnifica resistenza alla siccità ad un livello estremo, al punto che gli anni possono passare.

Ecco perché la Rosa di Gerico è spesso battezzata come la pianta con capacità di resurrezione.

Tuttavia, c’è molto di più e ti diremo tutto ciò che è importante su questa pianta. La sua cura, le caratteristiche principali e alcune proprietà della pianta.

Caratteristiche e curiosità di Rosa di Gerico

Il nome scientifico della Rosa di Gerico è piuttosto complicato, Anastatica hierochuntica.  Appartiene però ad una nota famiglia, le  Brassicaceae (brasicas), che comprende specie ben note come broccoli, cavolfiori, ecc.

La storia di Anastatica hierochuntica  è stata tramandata dai nonni ai nipoti e le sono state conferite molte proprietà magiche nelle zone in cui è cresciuta spontaneamente.

La sua origine è dai climi desertici, come il deserto arabo, dove veniva raccolto da sciamani ed esperti del settore per proteggere le loro case e le loro attività.

Nonostante quello che possiamo pensare, questa rosa di Jericho è ancora viva e dormiente, in attesa che future piogge formino nuove parti vegetative.

Inoltre, in un momento in cui non si disponeva di molte informazioni sulla previsione climatica, la Rosa di Gerico prevedeva piogge future, poiché è una pianta molto sensibile all’umidità e mostra cambiamenti nella formazione di nuove parti verdi.

Tempo secco: la pianta si chiude completamente e si asciuga lentamente

Aumento dell’umidità: si apre lentamente.

Stagione delle piogge: prima della caduta delle prime gocce, le foglie e gli steli si aprono completamente per aumentare la loro superficie a contatto con l’umidità.

Non va confusa con la considerata falsa Rosa di Gerico, il cui nome scientifico è Selaginella lepidophylla.

Grande resistenza alla siccità

La particolarità della rosa di Gerico per resistere ai climi estremi e alla totale assenza di acqua è ancora allo studio della comunità scientifica.

Quando non c’è accesso all’acqua, la rosa di Jericho inizia a chiudere i rami e le foglie, avvolgendosi su se stessa. Da qui inizia uno stato di latenza in cui possono passare anni senza bisogno di una goccia d’acqua.

Attualmente è noto che questa capacità di resistere a lunghi periodi di estrema siccità è dovuta ad un disaccaride (2 molecole di glucosio) noto come trealosio,  dove tutti i processi metabolici sono sospesi.

In questa stagione secca le radici perdono molto volume e la pianta è suscettibile di essere sradicata dai forti venti, tipici delle zone desertiche. Quindi, la pianta della rosa di Gerico viaggia spesso sotto forma di una sfera battuta dal vento, spargendo i suoi semi ovunque passi.

È l’immagine tipica del deserto.

Cura della Rosa di Gerico

Tuttavia, nonostante cresca in climi desertici ed esotici, oggi la Rosa di Gerico può essere coltivata sia in vaso che in giardino.

Ma questa volta gli daremo le condizioni necessarie per il suo sviluppo, senza permettergli di trascorrere lunghi periodi senza accesso all’acqua e di dover attivare il suo solito stop metabolico di una volta.

climatologia e meteo

Non vi diremo nulla di nuovo dopo aver letto i paragrafi precedenti.

Una pianta abituata alle temperature estreme (alte di giorno e basse di notte, tipiche del deserto). Si adatta facilmente a tutti i tipi di ambiente, e modifica la sua morfologia in base all’accesso all’umidità, come abbiamo già visto.

La pianta di rosa di Jericho può crescere senza problemi, data la sua rusticità, in aree continentali e mediterranee. Con il controllo dei rischi faremo in modo che l’impianto sia sempre allo stato verde e lo potremo facilmente moltiplicare.

Leggero

Anastatica hierochuntica  necessita di una completa esposizione al sole, quindi dobbiamo evitare le zone d’ombra sotto gli alberi, vicino alle case, ecc.

Allo stesso modo, se viene coltivato in vaso, cercheremo il luogo con la maggiore disposizione alla luce solare diretta.

caratteristiche del suolo

La rosa di Jericho non necessita di un tipo di terreno specifico, poiché è abituata a crescere in zone molto sabbiose con scarso contenuto di nutrienti (CEC < 5 meq/100 grammi di terreno).

Qualsiasi terreno, preferibilmente a medio termine di quelli argillosi, sarà quello indicato per favorire il maggior sviluppo radicale.

Se aggiungiamo un po’ di sostanza organica a questo, miglioreremo comunque l’apporto di nutrienti e la conservazione dell’umidità.

Non preoccuparti di fattori come il pH o la granulometria, poiché i possibili effetti sulla pianta non sono stati studiati. Probabilmente perché non ce ne sono dal punto di vista negativo.

È importante evitare l’eccesso di umidità e possiamo ottenerlo mescolando un po’ di sabbia sui primi centimetri di terreno. Con questo aumenteremo la capacità di drenaggio dell’acqua (ma anche il lavaggio dei nutrienti).

Irrigazione e concimazione

La frase che maggiormente caratterizza l’umidità e la frequenza delle irrigazioni della Rosa di Gerico è quella delle irrigazioni brevi e più frequenti.

Dal punto di vista idrico, Anastatica hierochuntica  si comporta come se fosse una felce. Irrigazioni a basso volume e aumentare la frequenza, soprattutto nei caldi mesi estivi.

Sia per le aree continentali che mediterranee, con temperature elevate negli ultimi mesi primaverili e per tutta l’estate, si consiglia la seguente quantità d’acqua.

Mesi autunnali e invernali: 1 annaffiatura a settimana (0,5 litri per pianta)

Mesi primaverili ed estivi: 3 irrigazioni a settimana (0,5 litri per pianta)

Con questa frequenza manterremo un livello di umidità costante. Aumenteremo o ridurremo la dose a seconda di quanto è umido il terreno o il substrato prima di dare la prossima irrigazione.

Per fare questo basterà infilare un dito nel terreno e sentire la sensazione di umidità, e annaffiare solo quando il terreno è abbastanza asciutto.

In caso contrario, si corre il rischio di marcire le radici per mancanza di ossigenazione, cosa molto tipica nelle specie con ridotto sviluppo radicale e clima desertico.

Per quanto riguarda il sottoscrittore, in primavera possiamo applicare, sia in forma granulare che liquida, fertilizzanti speciali per piante verdi.

Di solito portano una maggiore concentrazione di azoto e includono anche micronutrienti. Una formula consigliata sarebbe un NPK 7,5-3-6 + micronutrienti.

Sì, è ancora vivo e vegeto…

Piaghe e malattie

La Rosa di Gerico di solito non riceve la visita di molti parassiti, poiché questi insetti succhiatori di solito vanno ad altre piante con parti più tenere, nuovi germogli e fiori.

Solo in casi specifici possiamo trovare degli afidi che si eliminano facilmente spruzzandoli con sapone di potassio o sapone per le mani in acqua (per degradarne l’esoscheletro).

Se c’è un eccesso di annaffiature e utilizziamo un vecchio substrato, è possibile che venga attaccato dal fungo Phytophthora, che sfrutta l’indebolimento generale della pianta per attaccare il collo della radice.

Moltiplicazione

La moltiplicazione più pratica della pianta della rosa di Gerico è dividendo i cespi.

Questo processo si effettua solitamente in primavera, con temperature moderate e con una buona capacità di emettere radici della futura pianta.

Da pianta adulta, ben curata ed in perfette condizioni, le radici vengono accuratamente separate dalla parte basale e suddivise in piantine.

Il numero dipenderà dal volume iniziale della pianta madre, ma si possono ottenere da 2 a 3 piante.

Da qui possiamo effettuare il trapianto o piantarlo in vaso, annaffiare bene per favorire la produzione di nuove radici e proseguire con le raccomandazioni precedenti.

Dove comprare

La rosa di Gerico si può acquistare dal bulbo in una busta simile a quella dei semi. La casa dei semi di Batlle offre un’unità in una busta di origine olandese. seminare direttamente.

Leggi tutto: compra rosa di Gerico.

Il bulbo che compriamo, apparentemente secco, lo introdurremo completamente in un contenitore con acqua. Ma dovremo cambiare l’acqua ogni giorno per evitare la formazione di alghe o funghi indesiderati.

Rosa in vaso di Jericho Care

La rosa di Jericho può essere coltivata anche in vaso, poiché il suo sviluppo e morfologia è molto simile a quella di una felce, che si adatta perfettamente anche ai vasi.

Gli unici dettagli da tenere in considerazione sono aumentare la frequenza dell’irrigazione con una dose o volume d’acqua inferiore, rinnovare l’apporto di nutrienti in primavera (granuli o fertilizzante liquido) e trapiantare se il volume del vaso è piccolo.

La sua disposizione sarà anche in ambienti con buona illuminazione e protetti dal forte vento.

Rosa di Gerico con muffa

Quando coltiviamo la pianta per la prima volta, partendo dai suoi fusti apparentemente asciutti, dobbiamo introdurla in acqua affinché si reidrati. Tuttavia, quest’acqua deve essere cambiata quotidianamente, poiché, in caso contrario, appariranno funghi e muffe che possono essere dannose per il suo sviluppo, causando marciume.

Leggende della Rosa di Gerico

C’è molta cultura esoterica riguardo alla rosa di Gerico, poiché molti sostengono che assorba le energie negative dall’ambiente e protegga il giardino o la casa.

Comprendiamo che tutto questo è legato alla sua spettacolare capacità di resistere alla siccità e di «resuscitare dalle piante morte» quando soddisfa le condizioni di umidità minima.

Il tutto, però, deve essere dovuto ad una straordinaria capacità di adattamento ed emissione di sostanze vegetali in quanto sempre soggette a condizioni di stress permanenti.

prodotti correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.