Suggerimenti

Come coltivare la pianta del nastro o del malamadre

È conosciuto come un nastro, un malamadre o un legame d’amore. Queste ultime 2 denominazioni non hanno molto senso l’una per l’altra ma appartengono alla cultura tradizionale delle piante.

Pianta molto comune presente nella maggior parte dei terrazzi e dei giardini delle case di campagna e delle case di città. Il nastro è diventato una pianta ampiamente utilizzata per essere un tuttofare in termini di resistenza e adattamento.

Per questo andiamo a citare le chiavi più importanti per coltivare la Cinta in vaso al suo massimo splendore, essendo il metodo di coltivazione più usuale.

Caratteristiche della tessitura o malamadre

Come abbiamo detto, la Cinta è una pianta adatta sia alle condizioni indoor che outdoor. È abbastanza resistente, ma limiteremo la sua piantagione solo nelle aree mediterranee o con inverni miti.

Altrimenti possiamo piantarlo in vaso e sistemarlo all’interno della nostra casa senza grossi inconvenienti.

tassonomia

  • Ordine: Asparagales
  • Famiglia: Agavacee
  • Genere: Chlorophytum
  • Nome scientifico:   Chlorophytum comosum

Cura principale dell’impianto di nastri

Climatologia

Temperatura

Il nastro o malamadre vive in un’ampia gamma di temperature che vanno da 0ºC a 35ºC, quindi non ha problemi a essere coltivato in giardino. Le parti colpite dal gelo germogliano di nuovo rapidamente all’inizio della primavera.

L’ intervallo di temperatura ideale  è compreso tra 10ºC e 25ºC.

illuminazione

Per quanto riguarda le esigenze di luce, è necessario posizionarlo nella stanza con più luce che abbiamo o vicino ad una finestra. È un grande consumatore di luce, ma eviteremo l’esposizione al sole in estate, quando il sole è molto forte e può bruciarne le foglie.

È anche importante regolare i livelli di umidità, mediante nebulizzazione o irrigazione. Noterai subito come nelle zone di secchezza o per eccesso di sole le punte inizino a bruciare.

Umidità

Per l’aspetto delle sue foglie, è una pianta che necessita di un intervallo di umidità compreso tra il 65% e l’80%. Può essere coltivata indoor ed è abbastanza resistente alle zone più secche o umide. Se viene coltivata indoor, non è necessario irrorare la pianta come fogliare per aumentare l’umidità, poiché le sue foglie non sono eccessivamente carnose e non perdono umidità facilmente.

irrigazione e acqua

La dose di acqua dipende molto dal luogo in cui abbiamo il nastro adesivo all’interno della nostra casa.

In situazioni normali, 2 o 3 piccole irrigazioni (mezzo litro d’acqua per pianta in 20 cm di vaso) saranno sufficienti quando fa caldo, in primavera e in estate. In inverno, 1 annaffiatura massima a settimana, poiché la sua crescita si arresta molto con le basse temperature.

Quando si tratta di rischi, è meglio non essere all’altezza che esagerare. Siamo sempre in tempo per aggiungere altra acqua, ma non per correggere un eccesso. Nella parte finale dell’articolo si possono notare diversi problemi legati alla mancanza o all’eccesso di acqua, anche se è sempre quest’ultima.

Abbonato

In primavera, in piena produzione di nuovi steli, si consiglia di applicare una piccola quantità di concime granulare ricco di azoto. Questo arricchirà il substrato, che ha perso i nutrienti.

Una formula fertilizzante comune per il nastro può essere NPK (Mg) 20-5-10 (3Mg), una perfetta combinazione di azoto, fosforo e potassio con magnesio, che preverrà la presenza di clorosi o ingiallimento delle foglie e rafforzerà il pianta. Te ne accorgerai subito.

Per calcolare la dose da applicare, prendiamo un cucchiaio da minestra e ne applichiamo tra la metà e 1 per vasetto da 15 a 30 cm.

Dose consigliata di fertilizzante solido:

  • Pentola piccola (fino a 15 cm): 1/2 cucchiaio
  • Pentola media (da 15 a 30 cm): 1 cucchiaio
  • Pentola grande (> 30 cm): 2 cucchiai

Concimi consigliati:

Come preparare il supporto ideale per il nastro

Per coltivare il nastro in vaso, qualsiasi substrato di garden center o vivaio sarà sufficiente per incoraggiare un buon sviluppo delle radici nella pianta.

Scapperemo da quei substrati economici che contengono una grande quantità di sale e hanno un cattivo comportamento quando si tratta di drenare l’acqua.

L’ultima cosa che vogliamo è inondare il substrato del vaso, in quanto produrrebbe un marciume incontrollabile sulla pianta nel giro di pochi giorni.

Man mano che le radici e gli steli della pianta si sviluppano, dovremo trapiantarla in altri vasi più grandi.

Moltiplicazione

La moltiplicazione del nastro viene eseguita mediante divisione della piantina, essendo una delle più facili da eseguire. Man mano che la pianta si sviluppa, produce nuovi polloni che crescono vicino allo stelo della pianta madre.

Ottenere una nuova pianta è semplice come separare accuratamente quelle piantine e trapiantarle in un nuovo vaso, con una miscela di torba e vermiculite. Il nastro viene riprodotto continuamente. Noterai come compaiono nuovi polloni nei vasi, con steli bianchi e un aspetto allungato.

Dalla stessa pianta puoi ottenerne molti di più. Per questo motivo è una coltura, come avviene anche con la pianta da soldi, che viene usata come dono e molte specie separate vengono conservate in vaso.

Problemi legati alla sua coltivazione

Nonostante la pianta di Cinta sia abbastanza resistente e rustica, durante il suo sviluppo possono insorgere dei problemi. Identificheremo le diverse situazioni che possono sorgere e come risolvere i problemi.

Nastro con foglie cadute

Una pianta floscia, dove le foglie cadono da sole secche e prive di tensione o aspetto croccante è un chiaro sintomo di eccesso di acqua. Il nastro o malamadre ha radici allungate e ispessite e hanno una grande capacità di assimilare l’acqua, quindi l’irrigazione dovrebbe essere moderata.

Non innaffiare fino a quando il supporto non si sarà asciugato e posizionarlo in un ambiente luminoso per favorire l’evaporazione dell’acqua in eccesso.

Nastro con punte marroni

Esistono due tipi di punte marroni, una è associata a mancanza di acqua e/o sali in eccesso e l’altra a troppa acqua nel substrato.

  • Punte marroni e secche:  quando le punte sono secche e croccanti, è sintomo di una mancanza di acqua nel substrato o di un eccesso di sali (abbondante applicazione di concime). Verificheremo il substrato ed effettueremo un’abbondante irrigazione. Le punte secche possono anche essere dovute a un’illuminazione eccessiva o al sole diretto, e si seccano perché non arriva abbastanza acqua o si accumulano sali insolubili a livello cellulare che finiscono per seccare le estremità delle foglie.
  • Marroni e punte morbide:  si parla ancora di un eccesso di irrigazione. Quando il livello di ossigeno nel terreno o nel substrato si riduce a causa della sua elevata umidità, la pianta non riesce ad assorbirlo correttamente. Di conseguenza, la pianta diventa morbida e si formano delle macchie marroni sulle estremità delle foglie, che non sono croccanti. Verificheremo il supporto e lo faremo asciugare se è molto umido.

Pianta senza verde e gialla

La mancanza di luce fa perdere alle piante il verde originale. Il risultato è un aspetto pallido di tutte le foglie, che necessitano di una maggiore esposizione al sole. Cambia la posizione della pianta e posizionala in ambienti più luminosi, anche con l’esposizione al sole.

Se si riesce a differenziare il colore giallo delle foglie giovani, con nervi pronunciati e verdi, è possibile che si tratti di una carenza di ferro,  su cui è opportuno applicare un correttore a base di chelato di ferro.

Se la pianta si trova già in una zona molto luminosa e noti una mancanza di crescita e foglie piccole, potrebbe essere dovuto alla mancanza di azoto. Cerca un fertilizzante ricco di questo nutriente e aggiungilo insieme all’irrigazione.

Altre piante coltivate in vaso

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.