Piante

Scopri la cura dell’Aloe Vera

Se c’è una pianta che è presente nella maggior parte delle case (e in caso contrario, dopo aver letto questo articolo lo farai) è l’Aloe Vera. La cura dell’aloe vera è estremamente facile, cresce rapidamente e per di più può essere utilizzata per scopi medicinali.

L’Aloe Vera si distingue per il suo rapido adattamento a tutti i tipi di ambienti, anche se essendo una pianta rustica non è lontana dal poter ricevere un parassita o una malattia (molto tipica è la cocciniglia cotonosa), marcire per eccesso d’acqua o seccare in ambienti molto ostili.

Ecco perché vogliamo guidarti con la cura principale dell’Aloe Vera, in modo che tu possa avere piante diverse e riprodurla facilmente per prendertene cura nei posteri. Andare avanti!

Com’è la pianta di Aloe Vera

L’aloe è una delle poche specie il cui nome scientifico è lo stesso del suo nome comune. In linea di principio, è perché è un nome facile da pronunciare e ricordare, anche se in altre parti del mondo è conosciuto come aloe.

All’interno del genere Aloe troviamo 250 specie simili per dimensioni e forma all’Aloe Vera, ma con differenze sufficienti per poter coltivare specie diverse e formare un caratteristico giardino roccioso di piante xerofite.

Attualmente è utilizzata per molte opzioni, anche se la principale è il suo utilizzo come pianta ornamentale.

I suoi principi attivi sono utilizzati in farmacologia e per la produzione di cosmetici, poiché la sua linfa ha un grande potere curativo e viene utilizzata per la cura iniziale contro le ustioni.

La sua origine è da ambienti desertici, come molte altre crassulaceae o succulente che accumulano acqua nelle loro foglie carnose. Oggi si adatta a una moltitudine di ambienti caldi, come l’Australia, le aree più mediterranee d’Europa, il continente asiatico e americano, ecc.

Per differenziarla dalle altre specie, il nome scientifico completo di questa pianta è Aloe Vera barbadensis var. Mugnaio.

Coltivazione di Aloe Vera in Spagna

La coltivazione a livello produttivo e come attività economica dell’Aloe Vera sta aumentando anno dopo anno in Spagna. L’opportunità offerta dai suoi principi attivi e dal suo impiego in farmacologia fa sì che siano richieste sempre più piantagioni con certificazione biologica.

Dal 2018 c’è stato un trend in crescita tra gli atleti e i tossicodipendenti per il fitness e il benessere del corpo Succo di Aloe

La principale area produttiva dell’Aloe Vera si trova a Córdoba, un ambiente perfetto per il suo sviluppo, con estati calde. Un altro ambiente idilliaco per la cura dell’Aloe Vera sono le Isole Canarie, con temperature medie stabili per la maggior parte dell’anno.

La coltivazione dell’Aloe in Spagna è iniziata come attività commerciale negli anni ’90, con piantagioni situate nelle zone più calde del sud della Spagna (Andalusia e Isole Canarie, principalmente).

Coltivare l’Aloe vera è redditizio?

Molti promotori assicurano che la coltivazione di questa pianta offre margini di guadagno molto elevati, tuttavia, lo studio deve essere pianificato con una lente d’ingrandimento e osservare da dove provengono le spese più importanti e il prezzo €/kg di foglia che viene attualmente offerto.

Anche se il mercato europeo in molti paesi, come la Germania, può pagare fino a più di 8 €/kg di foglie di Aloe con condizioni speciali, la realtà è che tra i movimenti degli intermediari, il prezzo pagato all’agricoltore è molto più basso (circa € 0,5/kg di foglia)

Le maggiori spese per la cura dell’Aloe Vera a livello commerciale si basano sulla preparazione del terreno, sull’acquisto dei polloni per la piantagione, sull’impianto di irrigazione a goccia (in caso di fertirrigazione) e sulla manodopera.

Parleremmo il primo anno di 12.000 e 15.000 €/ha, e la metà del secondo anno.

A partire dal terzo anno arriva il reddito e si ottengono fatturazioni per ettaro comprese tra € 15.000 e € 20.000 circa. In un periodo di massima produzione si parlerebbe di un reddito lordo compreso tra 25.000 e 30.000 euro.

Cura dell’Aloe Vera

come piantare

La cura dell’Aloe Vera è relativamente facile, in quanto è una pianta che si adatta a diverse consistenze del terreno e situazioni limitanti. Con una corretta gestione del raccolto, lo sviluppo della pianta è potente e in rapida crescita.

Il terreno ideale per l’Aloe è un impasto argilloso, con una buona aerazione, facile da rimuovere dal terreno mediante arature e terreni sciolti, con un buon drenaggio e un’ottima ritenzione di acqua e sostanze nutritive.

Dai, qualcosa di molto simile a quanto richiesto da altre colture, anche se sono totalmente diverse da quelle di questa pianta succulenta.

È necessaria una profondità minima del terreno compresa tra 40 e 50 cm, poiché genera un potente apparato radicale. È importante rompere la crosta superficiale del terreno prima di piantare, quindi si consiglia un’aratura profonda durante la semina.

Per le prime piantagioni con fertirrigazione si consiglia l’apporto di un’irrigazione con fertilizzanti radicali per facilitare l’impianto della coltura.

Se il terreno è molto povero, per ottenere produzioni si consiglia di aggiungere 10 L/ha di estratto umico concentrato una volta al mese.

stress salino

La cura dell’Aloe Vera è adatta all’irrigazione salina e ad elevate quantità di sale. Nell’estratto di suolo saturo può tollerare conducibilità che superano gli 8 dS m, con un massimo di 10 dS m.

Pertanto, può essere piantato praticamente in tutti i tipi di terreno, anche quelli dove altre colture hanno seri problemi di crescita dovuti all’accumulo di sali.

Abbonato

Non è necessario studiare l’intensa concimazione dell’Aloe, poiché si adatta perfettamente a terreni privi di nutrienti.

Per la produzione commerciale basta un fertilizzante di fondo all’inizio per ottenere grandi produzioni, con manutenzioni leggere e applicazioni saltuarie.

temperature

Il gradiente di temperatura per la cura ottimale dell’Aloe Vera è compreso tra 18ºC e 35ºC. Sopporta facilmente temperature superiori a 40 ºC, raggiungibili in estate in molte parti della Spagna.

L’umidità ottimale è compresa tra il 65 e l’85%, anche se valori più elevati e piogge eccessive possono causare marciumi dello stelo difficili da correggere.

Cura dell’aloe vera in inverno

In inverno, è importante che la temperatura ambiente non scenda al di sotto di 0 ºC. Sopporta temperature puntualmente ghiacciate, ma di breve durata.

La sua coltivazione nelle Isole Canarie è molto appropriata perché non ci sono sbalzi di temperatura, cosa che è preferibile per l’Aloe.

Irrigazione e fabbisogno idrico

L’accumulo annuo ideale di pioggia per la cura dell’Aloe è di 400 mm (400 L/m2). Tuttavia, questo valore non è facilmente raggiungibile in molte zone calde della Spagna e di altre regioni.

Per precipitazioni inferiori a 300 mm, si consiglia il supporto con linee gocciolanti nei periodi più secchi e caldi (estate).

Per le zone molto secche si consiglia di integrare con irrigazioni di 1 ora ogni 15-20 giorni, in caso di scarsità di piogge.

Quadri per piantagioni di Aloe Vera

Quando si decide di piantare l’Aloe Vera su scala produttiva, il telaio di impianto consigliato è di 0,7 m tra le piante e 1,5 metri per corsia. Con questi valori si contano fino a 9.500 piante per ettaro, anche se esistono piantagioni con densità maggiore dove si superano facilmente le 10.000.

Alcune raccomandazioni bibliografiche stabiliscono, per le piantagioni a goccia, densità di 13.605 piante/ettaro.

Pianta un pezzo di Aloe Vera

La moltiplicazione più veloce dell’Aloe Vera e con i risultati più efficaci avviene attraverso la selezione dei polloni prodotti dalla pianta madre.

È nota come tecnica di sradicamento e consiste nel rimuovere i polloni dalle piante che hanno più di 1 anno e che competono per i nutrienti e lo spazio con i loro genitori.

Questi nuovi steli possono essere ripiantati in vasi con substrato umido per facilitare la produzione di radici.

raccolta di piante

Quando le foglie vengono raccolte per la vendita, di solito si ottengono con un peso approssimativo compreso tra 300 e 400 grammi per foglia. Questa produzione di foglie si ottiene dopo un anno e mezzo di produzione, circa.

Il deterioramento delle foglie è molto lento, quindi possiamo averne alcune con il peso ottimale per la vendita, non trovando un acquirente e resistendo fino a 1 anno senza perdere qualità.

Cornice della piantagione Piante/ha foglie/pianta kg/pianta kg/ha
1,5×0,7(m) 9524 quindici 8.43 80247
1,5×0,9(m) 6734 undici 9.20 61.953
1,8X0,7 (m) 13605 8 5.96 81086
2×0,8 (m) 12195 12 6.73 82113
1,7×0,7(m) 11905 9 5.73 68264

problemi delle colture

Funghi in Aloe 

Le principali malattie dell’Aloe sono basate su funghi fitopatogeni. I più comuni sono quelli che si attivano per la presenza di umidità (elevata piovosità), attaccando il collo della pianta e facendo imbrunire le foglie.

I principali funghi nella coltivazione dell’Aloe sono i seguenti:

  • Pityum
  • Fitoftora
  • fusario

I parassiti più comuni

Sebbene sia una pianta facile e di facile cura, l’Aloe Vera è anche visitata dai principali parassiti. Attaccano la parte aerea, le foglie e provocano danni che possono seccare la pianta.

I principali parassiti includono quanto segue:

  • Ragnetto rosso ( Tetranichus urticae)
  • Cocciniglia cotonosa o melata ( Planococcus citri)
  • Mosca bianca ( Trialeurodes vaporariorum)
  • Nematodi ( Meloydogyne spp.)

Prodotti correlati:

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.