Problemi

Come identificare e combattere l’acaro del ragno

Il ragno rosso è uno dei parassiti, insieme ad afidi, mosche bianche e cocciniglia, che maggiormente colpisce tutti i tipi di colture, in particolare gli ortaggi. Sebbene esistano molti tipi di acari, è l’acaro rosso che ha la maggiore incidenza su tutti i tipi di piante, distruggendo intere piantagioni quando arrivano il caldo e la siccità ambientale.

La nostra idea è di raccontarvi la cosa più importante in questa guida per identificare e agire in tutti i modi possibili, ripristinando l’equilibrio biologico nella coltura.

Sebbene il suo nome specifichi che si tratta di un ragno, è considerato un acaro ( Tetranychus urticae) e si nutre del succo cellulare della pianta provocando una grave clorosi.

Caratteristiche del ragno rosso

La cosa più importante per poter agire contro il ragno rosso è imparare a identificarlo correttamente. Essendo molto polifago, colpisce praticamente tutte le colture orticole, estensive, agrumicole, frutticole e della vite.

Ha un ciclo di vita breve ma una grande capacità di riproduzione, quindi in condizioni di caldo e bassa umidità il progresso del parassita è quasi inarrestabile e bisogna intervenire il più rapidamente e con forza possibile.

Data la sua agile riproduzione, il suo aspetto può variare leggermente, a seconda della pianta dove viene ospitata (e attaccata), di fattori ambientali come temperatura e umidità, e dello sviluppo del parassita.

Allo stesso modo, sono state rilevate differenze anche tra la morfologia del ragno rosso a seconda del paese in cui si trova.

Il suo ciclo è vertiginoso. Lo completa in meno di 9 giorni con condizioni di sviluppo ottimali (alta temperatura e bassa umidità).

Quando è più attiva la peste?

La sua maggiore attività è in estate e nelle stagioni particolarmente calde e secche. Nelle zone a clima mediterraneo, con temperature miti, può essere attivo tutto l’anno, raggiungendo livelli nocivi e provocando gravi danni alle piante ospiti.

Il ragno rosso  ha un’elevata tendenza all’aggregazione e sviluppa le sue colonie sul lato inferiore delle foglie, dove producono abbondanti ragnatele che le proteggono da predatori, carezze e condizioni meteorologiche avverse. Inoltre il tessuto viene utilizzato anche come meccanismo di dispersione. In condizioni di scarsità di cibo o quando la pianta è fortemente infestata, l’estremità della foglia o germoglio accumula tutti gli individui e poi per correnti d’aria o per gravità vengono trasportati su un’altra pianta.

1.2 Abuso di insetticidi

Si sconsiglia  l’abuso  di insetticidi ad ampio spettro, che uccidono tutti gli insetti presenti nell’ambiente, facendo scomparire la fauna benefica per la coltura. Una coltura sana deve avere una biodiversità di specie, sia animali che vegetali e microbiologiche, per garantire che il sistema sia in equilibrio. In questo modo abbiamo alcune specie preda di altre, e parassiti e malattie non causano così tanti problemi, poiché ogni tipo di vita si trova in una certa proporzione e la natura è saggia, quindi mantiene le comunità in equilibrio.

1.3 Fecondazione con azoto

D’altra parte, non è consigliabile abusare di questa  fertilizzazione.  Dal momento che fa trovare a questi acari le condizioni ideali per riprodursi ad alta velocità. Aumentano rapidamente il numero di individui, rendendo il parassita più difficile da controllare.

Come identificare l’acaro del ragno

Danni del ragno rosso nelle bacche (frutti rossi)

La sua identificazione è semplice, anche se ad occhio nudo, per le sue dimensioni (tra 0,4 e 0,6 mm) è piuttosto complicata e in molti casi è necessaria una lente d’ingrandimento.

In movimento, si osserva un punto brunastro sulla foglia. Allo stesso modo, la lente d’ingrandimento è necessaria per stabilire un conteggio dei parassiti e valutare se è necessario agire con trattamenti fogliari.

L’aspetto generale della pianta è clorotico, ma molto diverso dalla mancanza di nutrienti azotati (giallo in genere), ferro (clorosi intervenosa) o altri micronutrienti.

La clorosi dell’acaro è una chiazza di puntini gialli molto piccoli, con una sensazione di foglia ruvida e indurita. Con il progredire del parassita, si generano ragnatele che complicano molto di più i trattamenti fogliari.

Danni del ragno rosso nel pomodoro e nel pepe

Praticamente in tutti i tipi di colture si osserva la clorosi puntata, che negli ortaggi si trova nella parte superiore (foglie più giovani e più tenere). In altre colture il danno è simile, tranne che nella vite, dove la screziatura è rossastra ed è più facile da identificare.

In ogni caso, l’identificazione completa prevede l’osservazione della parte inferiore della foglia, dove è possibile osservare il ragno e le sue diverse fasi del ciclo (uovo, larva, adulto, ecc.). Quando viene applicato loro del calore, si osserva come si muovono con una certa agilità.

Danni da ragno agli alberi da frutto ( Panonychus ulmi) e alla vite

Negli agrumi si torna nuovamente alla clorosi, formata soprattutto su giovani germogli e foglie appena formate. Può essere confuso, visto da lontano, con una clorosi nutritiva di alcuni nutrienti (macronutrienti come l’azoto).

Tuttavia, quando ci avviciniamo alla foglia, possiamo distinguere chiaramente la clorosi e osservare gli adulti che ballano sul lato inferiore delle foglie. Se il ragno rosso raggiunge il frutto, il danno che provoca è una macchiolina marrone che può essere localizzata in tutte le parti del frutto.

Danno da acaro rosso ( Tetranychus urticae) negli agrumi. Fonte: IVIA

Per valutare l’incidenza del parassita sugli agrumi, vengono utilizzati anelli (come un tubo gocciolante) di 56 cm di diametro per contrassegnare una specifica area di massa fogliare.

La presenza di acari viene contata su almeno 2 foglie all’interno dell’anello.

Quando la percentuale di anelli con presenza di ragnetto rosso è superiore al 50%, è consigliabile effettuare un trattamento, poiché indica che l’evoluzione del parassita sta per avere un trend di crescita e può influire negativamente sulla coltura.

Con cosa trattare l’acaro del ragno? Lo vedremo dopo.

specie affini

Sebbene la specie più polifaga con maggiore presenza nelle colture sia Tetranychus urticae, come abbiamo già visto nei danni agli alberi da frutto, esistono diverse specie all’interno dello stesso gruppo, che provocano danni simili ma possono attaccare in modi diversi e con alimentazione diversa abitudini alimentazione.

Alcune delle specie di ragno rosso più importanti sono le seguenti:

Tetranychus turkestani

Un importante tipo di ragnetto rosso, noto scientificamente come Tetranychus turkestani, provoca danni identificativi a diverse classi di piante. L’identificazione è del tutto simile a quella del Tetranychus urticae, con clorosi in tutta la pianta e la tipica formazione di ragnatele.

È, insieme a Tetranychus, uno degli acari rossi più conosciuti e presenti al mondo. Presenta però una grande differenza rispetto alla sua «sorella», e cioè che di solito si trova più nella zona della parte superiore delle foglie (parte anteriore) che in quella inferiore, come di consueto. [ Informazioni aggiuntive]

Tetranico evansi

Il Tetranychus evansi  ha una predilezione per le colture orticole della famiglia delle Solanacee, come tabacco, patata, pomodoro o peperone. 

Ha una maggiore capacità di produrre la tipica ragnatela, con maggiore velocità e forza. Produce anche scolorimento delle foglie e clorosi puntata ogni volta che succhia il succo cellulare. 

In Spagna, è stato identificato per la prima volta nella coltivazione all’aperto nella Comunità Valenciana, nel 1995. 

Il Tetranychus evansi  ha una capacità riproduttiva maggiore rispetto al ragnetto rosso Tetranychus urticae,  poiché la femmina produce in media 13 uova al giorno, contro le 3-5 di quest’ultimo. Tuttavia, ha bisogno di una temperatura più alta per completare il suo ciclo rispetto alle altre specie (da 13 ºC). 

Ha più presenza in paesi come Stati Uniti, Brasile e Nord Africa.

A causa della loro disposizione e modalità di alimentazione, gli organismi di controllo biologico hanno abbastanza problemi per controllare il parassita, quindi i trattamenti fogliari (convenzionali o ecologici) vengono spesso utilizzati con maggiore o minore successo.

Panonychus citri

Come indica il nome, è conosciuto come l’acaro rosso degli agrumi. Si sviluppa ed è presente in Spagna da diversi anni, anche se si può trovare anche in altri paesi produttori (Cina, Sud Africa, USA, Brasile, ecc.)

Questo ragno rosso può attaccare tutte le varietà di agrumi presenti, anche se a seconda del numero della colonia e delle temperature, può agire su altre colture, come drupacee, pomacee e alcune piante ornamentali.

La deposizione delle uova avviene nella parte superiore delle foglie (parte anteriore), cercando di avvicinarsi al nervo principale della foglia. Il colore delle femmine è rosso, o leggermente vi

L’uovo di acaro rosso è di colore rossastro brillante con lunghi peli verticali. La deposizione delle uova avviene nella parte superiore delle foglie, in prossimità del nervo centrale. Le femmine adulte sono di colore rosso o viola (piuttosto simile a Tetranychus urticae).

Come puoi vedere nell’immagine precedente, c’è una screziatura brunastra sulle foglie, come se la foglia fosse macchiata sul lato inferiore. Nei frutti accade la stessa cosa, con la presenza di punti marroni o neri che scuriscono il frutto.

Un intenso attacco di Panonychus citri  produce la defogliazione delle foglie, soprattutto nelle varietà Navel negli aranci.

Panonychus ulmi

Panonychus ulmi danni negli alberi da frutto

Specie di ragno rosso dal colore molto intenso (rosso sangue), con corpo sferico e peli allungati. Anche le uova sono di un rosso brillante, il che le rende facili da identificare ad occhio nudo (anche se è meglio usare una lente d’ingrandimento).

Questo parassita è specifico per tutti i tipi di alberi da frutto (nocciolo e semi) e viti.

Negli alberi da frutto, di solito attacca le parti giovani e tenere, come le nuove gemme emergenti (come si vede nell’immagine). Sulle ante le forme mobili possono essere collocate nelle parti superiori oa trave. Si osservano screziature sotto forma di punti gialli.

Danni causati alla pianta

Guardando le immagini, è facile conoscere i danni che può causare a qualsiasi ritaglio. Colpisce le foglie, danneggia i frutti e crea ragnatele che finiscono per seccare la pianta.

Con la capacità riproduttiva di cui abbiamo accennato, sia del ragnetto rosso comune ( Tetranychus urticae), sia delle altre specie, l’andamento del parassita è vertiginoso e può uccidere una pianta in meno di 1 settimana.

Il danno è causato dal cibo e dalla sua attività. Aspira il succo cellulare attraverso gli stiletti presenti nella sua bocca, svuotandone il contenuto. Ogni aspirazione è una macchia clorotica (come una puntura di zanzara negli esseri umani e negli animali), che diminuisce la capacità della pianta di ottenere energia dalla fotosintesi.

Poiché il danno e l’attività del ragnetto rosso coincidono con temperature elevate e bassa umidità relativa, la pianta riduce il suo tasso di traspirazione e collassa, provocando anche la defogliazione delle foglie e diminuendo il numero di fiori (frutti futuri) prodotti.

Piante colpite da acari

ragno rosso del pomodoro

La specie di ragno rosso ( Tetranychus urticae)  nel pomodoro evolve rapidamente. Il 30% delle foglie colpite nella coltura può portare alla perdita della pianta.

Leggi tutto:  insetticidi autorizzati nel pomodoro.

Acaro degli agrumi

Danni alle foglie e ai frutti dell’acaro rosso ( Panonychus citri). Fonte: IVIA

Leggi tutto:  insetticidi autorizzati per agrumi.

ragno rosso sulla vite

Leggi tutto: insetticidi autorizzati per la vite.

Come combattere il ragno rosso

La parte più importante, una volta individuata la presenza di questo parassita in una qualsiasi delle nostre colture, è la velocità di azione.

In primo luogo, ci sono modi per prevenire la presenza iniziale, dove sono fondamentalmente legati al lavoro di coltivazione e alla gestione dei fertilizzanti (in particolare l’azoto).

Consigli per prevenire la presenza dell’acaro rosso

controllo delle erbe infestanti

Le erbacce sono un serbatoio per i ragni rossi e molti altri (come afidi o tripidi). Finché sono a contatto con la coltura (poiché il movimento di questo parassita è ridotto e non vola), potrebbe essere fonte o focolaio di infezione.

Le erbacce più comuni per l’installazione iniziale degli acari sono la malvarosa e il convolvolo. È importante avere alcune erbacce avventizie vicino alla coltura ma non a contatto, poiché specie infestanti diverse da quelle citate possono favorire la presenza di insetti ragno predatori, il che è molto positivo.

concimazione azotata

L’eccesso di azoto o la sua abbondanza in una pianta fa sì che molti più germogli e foglie vengano emessi nella parte aerea della pianta.

Queste foglie, nelle loro fasi iniziali, dove la presenza di calcio e magnesio è minore, sono molto tenere e particolarmente attraenti per il ragnetto rosso, che ne succhierà facilmente il succo cellulare.

Pertanto, effettuare un controllo approfondito con la concimazione azotata consentirà di equilibrare la parte aerea, senza produrre un eccesso di massa vegetale e trattando in modo più energico l’eventuale incidenza del ragno.

Trattamenti insetticidi

Praticamente tutte le specie di parassiti, come mosche bianche, afidi, cocciniglie, acari, ecc., hanno i loro predatori naturali. L’applicazione incontrollata di insetticidi provoca uno squilibrio tra le specie e provoca il predominio dell’una sull’altra.

Poiché l’adattamento del ragnetto rosso all’ambiente e la sua resistenza ai trattamenti è molto maggiore (a causa della velocità di riproduzione), il resto degli insetti benefici ha la parte perdente.

È qui che si verifica una rapida evoluzione della colonia di acari e il suo danno al raccolto.

Prodotti biologici

Gli insetti predatori sono in aumento e sono un ottimo modo per controllare tutti i tipi di insetti, compresi gli acari.

Abbiamo diverse opzioni sul mercato, facili da installare e con un diverso raggio d’azione. Uno dei più famosi è l’acaro predatore Phytoseiulus persimilis,  anche se altri vengono scelti in base alla natura della coltura e alla mobilità che offre a seconda anche della stagione.

  • Macrolophus pygmaeus:  insetto predatore
  • Neoseiulus californicus:  acaro predatore
  • Neoseiulus californicus: acaro predatore
  • Feltiella acarisuga:  moscerino
  • Phytoseiulus persimilis: acaro predatore

Acaricidi e trattamenti autorizzati

All’interno del mercato degli insetticidi, per le piantagioni di interesse produttivo, esiste un’ampia gamma di prodotti per facilitare il controllo del parassita, purché abbia superato il range di danno alla coltura.

Questi prodotti sono praticamente come antibiotici e non dovrebbero essere usati a meno che non vi sia un potenziale danno per la pianta. In caso contrario, possono superare l’azione dell’acaricida ed essere immuni, data la loro elevata riproduzione.

Trattamenti chimici contro il ragnetto rosso

Il prodotto più innocuo per la coltivazione, con registrazione ecologica e di facile utilizzo è lo zolfo.

Può essere applicato spruzzato (alte concentrazioni di zolfo) o in forma liquida, nel trattamento fogliare.

Lo zolfo provoca irritazione al parassita e ne facilita la mobilità, quindi può essere combinato con altri trattamenti che espongono il parassita e ne aumentano il raggio d’azione.

Allo stesso modo, è comune nelle piante di pomodoro applicare zolfo per evitare la presenza del ragnetto rosso (come preventivo) e anche di una malattia ben nota in questa coltura, l’oidio.

Prodotti organici

Fungo Beauveria bassiana

Il trattamento fogliare applicato al fungo  Beauveria bassiana  ha mostrato una certa efficacia nel controllo del ragnetto rosso ed è innocuo per la coltura.

Il tasso di applicazione per la maggior parte delle colture è compreso tra 0,75-1 L/ha e funziona anche per altri tipi di parassiti, come tripidi, mosche bianche, afidi e altri.

Sul mercato possiamo trovare ceppi diversi a seconda del produttore, anche se non abbiamo determinato quale abbia un effetto maggiore sul parassita.

estratti botanici

Nel mercato degli input agricoli possiamo trovare molti estratti botanici (timo rosso, mimosa, ortica, neem, agrumi) che hanno un certificato ecologico e agiscono contro il ragnetto rosso. In breve, il suo utilizzo permette di ammorbidire l’esoscheletro, inibire la riproduzione, seccare le uova e ridurre la mobilità degli adulti.

Prodotti correlati:

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.