Problemi

Afide nero: scopri alcune soluzioni ecologiche

Uno dei parassiti più famosi e conosciuti per ogni agricoltore è l’afide. All’interno di questo folto gruppo di afidi (come sono solitamente conosciuti) troviamo quello noto come afide del fagiolo nero, poiché è specializzato nella coltivazione di fagioli e altri legumi, sebbene possa interessare anche molte altre colture.

La cosa più interessante di tutte è che non tutti i prodotti che funzionano per gli afidi verdi lo fanno con la stessa efficacia per gli afidi neri, poiché ci sono differenze nella loro morfologia, quindi solo i prodotti ad ampio spettro o quelli focalizzati su questo tipo di afidi sono davvero efficace.

In questo articolo vogliamo insegnarti come identificare e controllare l’afide del fagiolo nero che, per il suo aspetto e il suo colore, è molto facile da identificare. La prevenzione è un successo, quindi con un po’ di vigilanza saremo in grado di rilevare i primi focolai nei nostri impianti per agire rapidamente e con determinazione.

Caratteristiche dell’afide nero

È comunemente noto come l’afide nero o l’afide del fagiolo nero, anche se per non sbagliare si parla di Aphis fabae. Il suo nome è dovuto al fatto che solitamente ha una predilezione per le Fabaceae o famiglia dei legumi. Tuttavia, è considerato un parassita molto polifago e può colpire un’ampia varietà di piante per soddisfare la sua dieta.

Il modo di agire di tutte le famiglie di afidi si basa sull’aspirazione della linfa della pianta, che presenta elementi zuccherini che servono a nutrire l’intera popolazione di afidi. Per fare questo ha in bocca dei tacchi a spillo che si incastrano nelle parti più morbide e sensibili della pianta, come i nuovi germogli e le foglie appena germogliate.

Questa linfa spesso macchia le foglie a causa delle escrezioni fatte dagli insetti una volta che si sono nutriti, imbrattando l’intera superficie fogliare e riducendo la fotosintesi della pianta. Inoltre, queste sostanze zuccherine attirano un gran numero di insetti e funghi, che aggravano il problema. L’associazione tra formiche (praticamente innocue per le piante) e afidi, o il fungo fuligginoso e gli afidi, è ben nota, sebbene in questo caso influisca sulla produzione vegetale.

Ciclo di vita e identificazione

Il ciclo vitale degli afidi è piuttosto complesso e può cambiare a seconda della specie. Ci sono specie i cui adulti hanno le ali e sono in grado di spostarsi su altre piante per continuare a nutrirsi e aumentare la popolazione. Normalmente, in serra, la riproduzione più comune è la partenogenesi, con femmine vivipare che continuano a produrre nuove generazioni di femmine.

Questo è noto come anolociclico, il che significa che la fase sessuale scompare. In questo modo gli afidi si riproducono per partenogenesi durante tutto l’anno, a seconda delle condizioni climatiche dell’ambiente in cui agiscono.

La sua identificazione è semplice, poiché ha un colore nero che contrasta molto bene con il verde delle foglie. Da vicino, ha un colore verde oliva scuro con bande nere su tutta la schiena.

Le sue zampe mostrano colori giallo chiaro con macchie di colore scuro. Nonostante siano di piccole dimensioni, comprese tra 1,5 e 3 mm, sono facili da vedere ad occhio nudo, senza bisogno di una lente d’ingrandimento.

In che modo l’afide nero colpisce le piante?

Il danno che produce nella pianta è legato all’indebolimento generale dovuto all’aspirazione della linfa e dei fotoassimilati. Indirettamente, uno dei maggiori grattacapi per gli agricoltori professionisti è la trasmissione di virus, il cui metodo di cura non è stato ancora ottenuto.

Le parti inizialmente attaccate dall’afide nero sono le più tenere, il che coincide con i nuovi germogli, fusti e foglie che la pianta produce. Questo è il primo posto in cui dobbiamo cercare. I primi individui si trovano protetti nelle foglie, ancora arrotolate, prima che si aprano, quindi bisogna stare attenti e osservarne l’evoluzione o la presenza di volta in volta.

Sia gli adulti che le ninfe degli afidi neri succhiano la pianta, estraendo zuccheri che inizialmente erano destinati alle radici, ai fiori e ai frutti. Lo sviluppo della pianta rallenta, si verifica la deformazione delle foglie e alcune parti possono diventare necrotiche. Inoltre, la pianta si indebolisce indirettamente e compaiono altri parassiti e malattie che sfruttano la situazione per attaccare.

Trattamenti ecologici per il suo controllo

Attualmente esiste un ampio catalogo di prodotti interessanti per il controllo di tutti i tipi di afidi, compreso l’afide del fagiolo nero. Tra questi possiamo differenziare 3 tipologie: trattamenti convenzionali, con fitochimici, ecologici (prodotti a basso o nessun impatto per animali ed esseri umani) e insetti ausiliari, nostri grandi alleati.

Prodotti organici

Se abbiamo poche piante e rileviamo alcuni individui di afidi neri, il modo più semplice è rimuoverli manualmente con un pezzo di carta o un panno, pulendo l’area. Tuttavia, se abbiamo molte piante, dobbiamo ricorrere ad applicazioni fogliari.

Attualmente esistono diversi prodotti a base di sapone, olio di neem, estratti vegetali o farina fossile che sono interessanti per, poco a poco, ridurre la presenza della peste fino alla sua eliminazione.

Il sapone di potassio ha il vantaggio di pulire le foglie impregnate di melata e ammorbidire l’esoscheletro, ostruendo le vie respiratorie e provocando la morte nelle ninfe e negli adulti. Se non abbiamo questo prodotto in casa, possiamo ricorrere all’utilizzo di un altro tipo di sapone per la pulizia, anche se dobbiamo tenere presente che molti di questi prodotti possono contenere sostanze nocive come tensioattivi o ammonio quaternario che non siamo interessati ad inserire le nostre bocche.

Come applicare il sapone di potassio: la dose abituale è 1-2% (10-20 cc/hl) per prodotti con una concentrazione del 25%. Se il sapone raggiunge una concentrazione del 50%, usa metà della dose.

Come applicare l’olio di neem: applicare per via fogliare con uno spruzzatore alla dose di 0,2-0,3% (1-2 ml/L di acqua)

Come applicare la farina fossile: La farina  fossile è costituita da rocce silicee con parti appuntite che si attaccano agli insetti quando si muovono attraverso il terreno o quando applichiamo il prodotto in modo fogliare. Per l’afide nero, applichiamo una soluzione diluita all’1% (10 cc/L di acqua) con uno spruzzatore, direttamente sul fuoco del parassita.

Controllo biologico

Un’altra interessante forma di controllo totalmente ecologico di tutti i tipi di afidi è attraverso la fauna ausiliaria. Predatori che si nutrono di adulti, ninfe e uova o parassitizzano e uccidono la popolazione. Sebbene oggi questo metodo di controllo sia riservato principalmente agli agricoltori professionisti, viene sempre più adattato all’agricoltore domestico.

Adalia bipunctata: coccinella predatrice

Le coccinelle e le larve adulte sono grandi predatori che si nutrono di tutti i tipi di afidi, compreso l’afide nero. Una strategia che funziona molto bene è che questo coccinellide deponga le sue uova insieme a quelle dell’afide. Quando la larva si schiude, si nutre direttamente delle uova.

Aphidoletes aphidimyza: lepidottero predatore

I flebotomi adulti sono attratti dall’odore zuccherino della melata delle piante. Per questo agiscono rapidamente depositando le uova nelle colonie di afidi, così che quando si schiudono le larve iniziano a nutrirsi degli adulti. Ha una strategia vincente basata sul paralizzare l’individuo prima di mangiarlo.

Aphidius matricariae: vespa parassita 

La vespa parassita ha una grande capacità di infestare parassiti come l’afide nero, avendo una particolare predilezione per l’afide del pesco ( Myzus persicae) e l’afide del tabacco ( Myzus persicae nicotianae).

Aphidius colemani: vespa parassita

Sono le femmine adulte di vespe parassitarie che depongono le uova in modo parassitario all’interno degli afidi, facendoli gonfiare e indurire, trasformandoli in mummie coriacee grigie o marroni. Le prime vespe parassite adulte emergono attraverso un foro rotondo nella parte posteriore della mummia, circa due settimane dopo la sua deposizione.

Colpisce principalmente queste specie di afidi:

  • Afide della pesca ( Myzus persicae var. persicae)
  • Afide del cotone ( Aphis gossypii)
  • Afide del tabacco ( Myzus   persicae var. nicotianae)

Chrysoperla carnea: merlettatura

La femmina adulta Crisopa può depositare tra le 400 e le 500 uova per covata, potendo farlo individualmente o in gruppo. Non appena la larva esce dalle uova, ha un appetito vorace e cerca, per contatto, qualsiasi afide per nutrirsi dei loro succhi. Il fatto che gli adulti lacewing depongano le uova il più vicino possibile alle colonie di afidi aumenta l’efficacia del controllo biologico.

Leggi tutto:  come combattere gli afidi con il controllo biologico

Riferimenti: Koppert

controllo convenzionale

L’uso di insetticidi convenzionali è il modo più efficace per controllare questi insetti, anche se ha lo svantaggio che hanno periodi di sicurezza e misure di applicazione speciali, poiché sono potenzialmente tossici.

I principi attivi acetamiprid, cipermetrina, deltametrine e betaciflutrina sono i più efficaci. In questo link hai l’ elenco ufficiale dei prodotti autorizzati in Spagna.

Informazioni aggiuntive:

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.