Problemi

Lacewing: come combattere gli afidi con il controllo biologico

Sempre più disponiamo di strumenti che rispettano l’ambiente contro lo sviluppo di parassiti e malattie. Sebbene possiamo trovare un gran numero di prodotti fitosanitari a basso impatto, il controllo biologico è un’arma principale per tutti i tipi di colture. Un insetto predatore molto interessante è quello noto come Lacewing ( Chrysoperla carnea) , la cui larva ha grande voracità contro afidi e altri insetti.

In questa guida sul Lacewing vogliamo raccontarvi come utilizzare questo organismo di controllo biologico nel modo più efficace possibile, nonché le sue principali caratteristiche.

Caratteristiche del laccio

All’interno della famiglia Chrysopidae  troviamo molte specie di individui con attività predatoria contro un’ampia gamma di parassiti. Tuttavia, di tutti questi gruppi, ce ne sono alcuni particolarmente voraci e molto adatti al marketing.

È il caso della specie Crisopa il cui nome scientifico è Chrysoperla carnea.

tassonomia

Superordine: endopterigoti
Ordine: neurotteri
Sottordine: Emerobiformia
Super famiglia: Emerobioidea
Famiglia: Crisopidae

Ciclo vitale

Gli adulti, che non attaccano i parassiti, sono quelli che avviano l’intero processo di lotta biologica con la deposizione delle uova il più vicino possibile alle colonie di afidi (afidi).

La femmina adulta Crisopa può depositare tra le 400 e le 500 uova per covata, potendo farlo individualmente o in gruppo. Nel caso del Lacewing verde ( Chrysoperla carnea), è realizzato singolarmente, con uova di forma ovale e fortemente aderenti ai loro peduncoli, e questo alla foglia.

Il problema principale con questo organismo biologico da combattimento è che le larve sono cannibalistiche, quindi non esiteranno ad attaccare le proprie uova o fratelli. Per questo motivo l’evoluzione ha fatto sì che ogni uovo sia tenuto alla foglia da un lungo stelo che li isola dall’essere divorati l’uno dall’altro.

Le larve impiegano poco tempo per schiudersi, circa 4 giorni in un normale ciclo di temperatura. Questa larva attraversa 3 fasi, dalle quali creano un bozzolo per diventare infine una crisalide.

Utilizzare contro gli afidi

Non appena la larva esce dalle uova, ha un appetito vorace e cerca, per contatto, qualsiasi afide per nutrirsi dei loro succhi. Il fatto che gli adulti lacewing depongano le uova il più vicino possibile alle colonie di afidi aumenta l’efficacia del controllo biologico.

Pertanto, è interessante applicare Lacewing su una coltura quando si osservano i primi rilevamenti del parassita. In caso contrario, perderebbe il suo effetto a causa della cannibalizzazione degli organismi di controllo.

Sebbene questo insetto sia specializzato in tutti i tipi di afidi, attacca anche altri parassiti delle colture, come mosche bianche, uova di falena o tripidi.

Dose utilizzata

Dose m²/unità
Basso livello di parassiti 10/mq 100
Alto livello di peste 50/mq venti

Tipi di lacci

I lacewing più utilizzati per il controllo biologico appartengono al sottordine Hemerobioformia.  Tuttavia, da questo sottordine ci sono diverse famiglie con diversi tipi di lacewing per il controllo biologico, alcuni più efficaci di altri.

Famiglia Coniopteygidae

Ricevono il nome comune di Chrysopa pulverulento. La sua presenza nelle colture outdoor è abbastanza importante, soprattutto in primavera, con bel tempo. Gli adulti sono più piccoli di Green Lacewing, con una lunghezza di 2 mm.

Il nome pulverulento deriva dal fatto che sono ricoperti da una polvere bianca e farinosa, simile a quella della mosca bianca. In effetti, può essere confuso con questo parassita relativamente facile, poiché entrambi gli adulti hanno la capacità di volare.

Le sue larve si nutrono anche di tutti i tipi di parassiti, sono molto voraci e hanno un corpo dal colore più rossastro rispetto alla larva verde merlettata.

Famiglia   Crisopidae

A questa famiglia appartiene il pizzo verde, ampiamente utilizzato come organismo di controllo biologico perché è il più efficace contro i parassiti e ha la maggiore resistenza ai trattamenti fitosanitari.

Sebbene siano introdotti artificialmente nelle serre, è anche comune, in primavera, vedere adulti che depongono uova e alti volumi di popolazione in tutti i tipi di colture. Si nutrono di parassiti come mosche bianche, ragni, tripidi, uova di falena e, soprattutto, afidi (afidi).

Famiglia Emerobiide ae

È conosciuto con il suo nome comune come lacewing marrone,  perché l’adulto ha un colore marrone o marrone. È una delle famiglie meno conosciute di tutti i lacewing, ma interessante perché di solito si nutre di cocciniglie cotonose.

Tuttavia, la sua voracità e attività sulla peste

Sono i cosiddetti  lacewing marroni  nella terza immagine e, sebbene meno conosciuti, sono uno dei gruppi di  Neurotteri più abbondanti  in natura. Gli adulti sono tipici  merletti, ma con colori marroni e abitudini notturne, e le larve sono molto simili a quelle dei  merletti.  Ma, a differenza dei  lacewings verdi, le loro uova sono rossastre e sono poste sulla pianta e sui bozzoli del loro pu pas sono ovali e meno setosi e densi. Sia gli adulti che le larve sono predatori generalisti, preferendo nutrirsi di afidi e soprattutto di cocciniglie. È proprio sulle sacche di cocciniglie cotonose che si vedono solitamente nelle serre di Almería e, sebbene non sembrino esercitare un grande controllo, varrebbe la pena studiarne il ruolo data la scarsità di strumenti contro il nostro “amico”  Phenacoccus solani.

Vendita di merletti per il controllo biologico

Attualmente, Lacewing è commercializzato da diverse distribuzioni di controllo biologico sotto forma di bottiglia di plastica. A seconda delle dimensioni, coprono diverse superfici. La bottiglia da mezzo litro, la più comune, fornisce fino a 1000 larve, che per un basso livello di infestazione avremmo per 100 m² e per un alto livello di infestazione (perdita di produzione nella coltura) dovremmo coprire 20 m² di piante in coltivazione intensiva (ortaggi in serra).

Istruzioni per l’uso

  • Agitare bene il contenitore per omogeneizzare la distribuzione degli individui
  • Applicare sulle foglie infette, il più vicino possibile al parassita.
  • Crisopa può essere applicata direttamente sulle foglie, su lana di roccia o qualsiasi superficie solida, ma come esigenza deve essere vicino al parassita.

Il problema principale delle larve di lacewing è che, data la voracità e la rapidità della nascita dalla deposizione, hanno un ciclo vitale notevolmente breve. Pertanto, dall’acquisto del prodotto, si consiglia di applicarlo alla coltura il prima possibile.

Indicazioni per la conservazione di Crisopa

  • Tempo massimo di conservazione: da 24 a 48 ore
  • Temperatura di conservazione: 8-10 °C
  • Conservazione: senza illuminazione

Altri organismi di controllo biologico

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.