Piante

Da dove vengono i capperi? Coltivazione e cura

La cultura mediterranea è stata legata al consumo di frutti di piante rampicanti e alla crescita spontanea. Uno di questi, Capparis spinosa o come è comunemente noto, cappero, è quello che produce i frutti detti capperi o capperi.

C’è un po’ di confusione quando si tratta di nominare i frutti di questa pianta oi boccioli di fiori, e molte volte vengono chiamati allo stesso modo, ma non è corretto.

Differenza tra capperi e fagioli

Le bacche di cappero sono il frutto finale prodotto dalla pianta del cappero, di forma tonda oa punzone (dei boxer) con un picciolo lungo diversi centimetri.

Tuttavia, il bocciolo del fiore (prima di ottenere il frutto o il cappero) è noto come cappero, allo stesso modo della pianta. Cioè, il cappero è il bocciolo del fiore prima che produca l’apertura del fiore. Se il fiore si apre, fertilizza e caglia, si ottiene il cappero.

Caratteristiche botaniche del Cappero ( Capparis spinosa)

Il cappero, la pianta da cui si ottengono i capperi, è una specie arbustiva molto diffusa nell’area mediterranea. Cresce in ogni tipo di luogo, anche inospitale, circondato da sassi, ponti, sentieri, ecc.

Una pianta adulta che ottiene sufficiente umidità può produrre fusti lunghi diversi metri, anche se normalmente non supera i 50 cm di altezza. Per questo il cappero è classificato come pianta rampicante.

È considerata una pianta per uso gastronomico, sebbene offra anche alcune proprietà terapeutiche per l’uso come pianta medicinale.

Il suo utilizzo è praticamente legato alla cultura del decapaggio. Cioè, la conservazione degli alimenti in mezzi salini o con aceto.

La famosa salsa tartara ha i capperi come ingrediente principale, e sono numerose le ricette in Spagna, Francia, Italia e Argentina che utilizzano i capperi per insalate, pasta e carne.

Informazioni nutrizionali

A causa del decapaggio che si fa con i frutti (caparrones o caparrones) e i boccioli di fiori (capperi), il contenuto di sodio è elevato, quindi il suo consumo è sconsigliato a chi non può mangiare cibi ricchi di sodio o soffre di ritenzione idrica.

Per ogni 100 grammi di capperi:

  • Energia: 23 kcal
  • Grasso totale: 0,9 g
  • Proteine: 2,4 g
  • Carboidrati: 4,9 g

Minerali presenti:

  • Potassio: 40 mg
  • Sodio: 2770 mg
  • Calcio: 40 mg
  • Ferro: 1,7 mg
  • Magnesio: 33 mg

Vitamine:

  • Vitamina A: 138 UI
  • Vitamina C: 4,3 mg

produzione di capperi

Sebbene la Capparis spinosa sia una pianta a crescita mediterranea in zone rocciose e di sviluppo spontaneo, esistono aree agricole dedite alla sua coltivazione per la produzione commerciale.

Ci accingiamo a commentare le principali caratteristiche della sua coltivazione e l’elaborato processo di stagionatura per ottenere il sottaceto.

Ottenere la pianta

Il cappero può essere ottenuto dai semi, posti all’interno dei capperi, o più rapidamente per innesto, noto come propagazione vegetativa. Tuttavia, la prima opzione presenta molti problemi a causa della  bassa percentuale di germinazione,  considerata inferiore al 10%.

caratteristiche del suolo

Nonostante sia una pianta xerofita, adattata ad ambienti ostili ed estrema siccità, per la produzione possiamo adattarne le condizioni per migliorare il numero di fiori e frutti prodotti.

Per il suo sviluppo radicale predilige terreni sciolti con ottimo drenaggio. Meglio quindi quelli sabbiosi di quelli argillosi, crescendo in ambienti ricchi di calcio, molto caratteristici dei suoli mediterranei.

Il cappero viene solitamente piantato a una distanza di 2,5 m x 2,5 m. Per ettaro si possono coltivare tra le 1.500 e le 2.000 piante, poiché la produzione dei fusti richiede molta lunghezza tra le piante.

Le condizioni della pianta non richiedono un elevato contenuto di sostanza organica, anche se è stato dimostrato che collocare tra 1 e 2 kg di compost per buca di impianto aumenta notevolmente la produzione e lo sviluppo nelle fasi iniziali.

Irrigazione e concimazione

Per quanto riguarda il regime idrico per la produzione, richiede pochissima acqua ed è normalmente una coltura irrigua a tappeto, anche se possono essere installati sistemi di fertirrigazione per una maggiore ottimizzazione dell’utilizzo dell’acqua.

Nell’irrigazione a tappeto, una prima applicazione viene solitamente effettuata dopo il trapianto e un’altra durante il suo sviluppo.

L’apporto dei fertilizzanti è positivo per il suo sviluppo, in particolare l’uso dell’azoto nelle prime fasi dello sviluppo fino alla comparsa del bocciolo (cappero).

compiti di manutenzione

Qualcosa di comune nella pratica culturale dei capperi è la potatura nei mesi invernali per ridurre la lunghezza degli steli. In questo modo si favorisce la produzione di nuove gemme che daranno origine a boccioli di fiori, fiori e successivamente capperi.

La produzione dei capperi è relativamente bassa e richiede molti costi di raccolta. La produzione per gli anni successivi, con diverse potature invernali, è compresa tra 2.000 e 3.500 kg/ha.

La pezzatura del frutto scelto è importante, poiché più il frutto è grasso, più semi si accumula e la sua commercializzazione peggiora, con pezzatura e prezzo ottimali inferiori a 10 mm.

Come curare i capperi

Se abbiamo coltivato capperi nel nostro frutteto o giardino e abbiamo iniziato a raccoglierne i frutti, il modo più semplice per conservarli è attraverso la cosiddetta «concia» o salamoia.

Il decapaggio richiede elevate quantità di salamoia o aceto. In questo modo eliminiamo la naturale amarezza del frutto. Una ricetta per la cura dei capperi può essere la seguente:

  1. Laviamo i capperi con acqua fredda per eliminare tracce di terra o sporco.
  2. Versare l’acqua in un contenitore per coprire completamente tutti i capperi.
  3. Per ogni 5 kg di capperi la quantità di sale è di 1/2 kg.
  4. Aggiungere l’aceto di vino al composto e, facoltativamente, 1 spicchio d’aglio.
  5. Conservare in un luogo protetto dalla luce.
  6. In 8-10 giorni avremo il sottaceto di capperi pronto.

Ogni ricetta è diversa e le quantità specifiche di ciascuno degli ingredienti rendono ogni sottaceto diverso e con un sapore completamente diverso.

Altre piante da coltivare in giardino

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.