Piante

Araucaria: guida all’identificazione e alla cura di questa conifera

Nei fogli di piante ornamentali che realizziamo c’è sempre spazio per parlare delle grandi conifere sparse nel mondo. In questo caso, è il momento di parlare del genere di piante di araucaria, rappresentato da specie famose come Araucaria araucana, Araucaria heterophylla o Araucaria excelsa.

In questa scheda commenteremo tutte le caratteristiche che rendono così popolare questo famoso albero distribuito in tutto il mondo, nonché le principali cure e problematiche che possono verificarsi durante la sua coltivazione.

Caratteristiche dell’albero di Araucaria

È noto come araucaria, pino nordfolk o pino del ponte. Il principale rappresentante è la specie con il nome scientifico Araucaria heterophylla,  la cui origine si trova in Australia, precisamente nell’isola di Nordfolk.

Tuttavia, lontano da quest’area così lontana dai paesi americani ed europei, grazie al suo facile adattamento climatico, questo albero e tutti i rappresentanti del suo genere sono presenti in tutto il mondo.

Le araucarias sono alberi che non perdono le foglie, perenni e sempreverdi, dall’aspetto simile a molti esemplari del genere Pinus. Attualmente, ci sono 19 specie originarie della Nuova Guinea, Australia, Nuova Caledonia e Sud America all’interno del genere Araucaria.

Questo albero può raggiungere i 50 m di altezza in molti anni, poiché ha una crescita lenta. La sua corteccia è grigia con sfumature marroni, sviluppa una chioma frondosa, di aspetto circolare, e il tronco con pochi rami inferiori.

A causa della sua crescita lenta, può essere coltivata in vaso per i primi anni, essendo abbastanza comune nei paesi e nelle aree del Nord. In generale, queste specie crescono intorno ai 30-35 cm all’anno.

Principali specie di Araucaria

Araucaria araucana (Araucaria excelsa)

È conosciuto come pino cileno o pehuén. Questo tipo di araucaria può raggiungere i 30-40 metri di altezza, con un tronco un po’ più spesso rispetto ad altri esemplari dello stesso genere. Corteccia bruno-grigiastra, con notevole presenza di resina e screpolata nel corso degli anni.

I suoi rami sono abbastanza orizzontali ea spirale (alla stessa altezza). È originario del Cile meridionale e dell’Argentina sudoccidentale.

Araucaria eterofilla

Uno degli esemplari più noti e di origine australiana ((Norfolk Island). Questa specie può raggiungere altezze superiori alle sue coetanee, con medie da 50 a 70 m. Ha una chioma conica, tronco diritto e grigio, che può raggiungere un diametro di 1,5 m. I suoi rami sono abbastanza a spirale, crescendo sotto lo stesso piano e altezza.

Araucaria bidwillii 

Questo esemplare ha un’altezza media dai 30 ai 50 metri, con un tronco molto più spesso rispetto ad altri esemplari e praticamente dello stesso colore. La formazione dei suoi steli è piramidale, con germogli e foglie abbastanza densi. Le sue foglie sono larghe e piatte, di colore verde brillante negli esemplari giovani.

Come il pino nordfolk ( Araucaria araucana), è anche originario dell’Australia nord-orientale.

Araucaria luxurans

Questo esemplare è originario della Nuova Caledonia. Ha forma piramidale ad un’altezza media di 30 metri ed è attualmente in via di estinzione, a causa della progressiva perdita del suo ambiente.

tassonomia

  • Ordine: Pinales
  • Famiglia: Araucariaceae
  • Genere:  Araucaria

La sua crescita è così lenta che impiega dai 15 ai 20 anni per vedere le prime fioriture e per produrre semi vitali usati nella sua moltiplicazione. Tuttavia, ci sono specie, come A. cunninghamii, che sono un po’ più avanzate (i primi semi possono comparire già a 10 anni di sviluppo).  Sei dentro

Cura principale della specie

Climatologia

Le Araucarias sono specie altamente resistenti alle intemperie. Possono essere coltivate nella parte settentrionale dei paesi dove si raggiungono temperature sotto lo zero, così come nei climi caldi e nell’area mediterranea, dove in estate si possono raggiungere temperature superiori ai 40ºC.

A livello freddo, Araucaria araucana  è l’esemplare che resiste meglio alle basse temperature, seguito dalla specie Araucaria bidwillii.

In termini di umidità ambientale può abituarsi ai climi costieri, con un andamento dell’umidità maggiore rispetto alle zone continentali, dove può anche essere coltivata senza problemi. È preferibile un ambiente con più umidità rispetto a zone molto asciutte, poiché questi ambienti favoriscono la perdita del verde originario.

Si pianta in piena luce, anche se nei primi anni di sviluppo non importa se si trova in mezz’ombra. Per le colture in vaso indoor, dovrebbe essere posizionato nella zona più luminosa possibile, vicino alle finestre. In estate, posizionare in una zona più fresca, senza accesso diretto alla luce solare.

tipo di suolo

Non ha criteri speciali quando si tratta di essere piantato in qualsiasi terreno. È preferibile che il pH sia leggermente acido, come avviene anche per pini e conifere. Un terreno con un alto contenuto di calcare danneggerà il suo verde originale, poiché compromette frequentemente l’assimilazione del ferro.

I terreni sciolti con tessitura sabbiosa o limosa sono preferibili a quelli pesanti con un alto contenuto di argilla.

Poiché le sue radici sono molto potenti e hanno una capacità esplorativa molto elevata, abbiamo bisogno di un terreno profondo e ben drenato. Nella buca di impianto, prima del trapianto, è consigliabile aggiungere materia organica per attivare la fissazione dell’albero e la produzione delle prime radici.

Con 5-10 kg di compost ben decomposto e mescolato al terreno, sarà sufficiente durante i primi anni.

Irrigazione

Araucaria e conifere hanno una grande resistenza allo stress idrico e alla mancanza di acqua. In inverno praticamente non viene fornita acqua oltre a quella che può ricevere dalla pioggia. Preferisce i terreni asciutti prima dell’irrigazione successiva, quindi la frequenza dell’irrigazione dovrebbe essere inferiore rispetto ad altre specie.

Un regime di irrigazione per qualsiasi tipo di araucaria può essere il seguente. Da questi dati, li adattiamo al nostro clima e alla struttura del suolo. I terreni con un alto contenuto di sabbia drenano molto bene l’acqua e significa che dobbiamo ridurre la quantità di acqua fornita ma aumentare la frequenza, tutto il contrario dei terreni argillosi e pesanti.

  • Irrigazione in primavera ed estate:  da 2 a 3 annaffiature a settimana a seconda delle temperature, con un contributo da 6 a 10 L per irrigazione, a seconda delle dimensioni dell’albero.
  • Irrigazione in autunno e inverno:  1 irrigazione ogni 15/20 giorni, a seconda del freddo e delle precipitazioni, con un apporto da 5 a 10 L di acqua per irrigazione.

Abbonato

Soprattutto nei primi anni di vita, dove vogliamo accelerare lo sviluppo della nostra araucaria, è consigliabile applicare concimi liquidi o solidi. Per questo, il periodo migliore per l’applicazione è in primavera, estendendo i contributi per tutta l’estate. In inverno si consiglia di non dare alcun contributo.

Per le specie di pini, conifere e araucarie, di solito viene fornito un rapporto NPK 2-1-3 con magnesio e micronutrienti. Ad esempio, una formula NPK 10-5-20 con magnesio. Possiamo anche cercare quei fertilizzanti che contengono zolfo per acidificare l’acqua di irrigazione.

Se non disponiamo di un sistema di iniezione di fertilizzante nell’acqua di irrigazione o preferiamo il contributo manuale con fertilizzanti granulari, abbiamo anche l’opzione della formula NPK 12-8-16.

In questo caso, aggiungeremo questo fertilizzante granulare in ragione di 100-200 g/pianta giovane all’inizio della primavera, e lo ripeteremo a metà estate. Per specie superiori (da 2 metri), possiamo applicare tra 200 e 400 g.

Moltiplicazione

La moltiplicazione viene solitamente effettuata per selezione del seme. Molte di esse richiedono un processo di stratificazione, che simula il periodo invernale che il seme trascorre nel terreno.

I semi freschi e ottenuti di recente possono essere seminati direttamente, non aspettando più di 2 mesi dalla raccolta, perché il loro potere germinativo diminuisce.

Piaghe e malattie

parassiti

In genere le specie sempreverdi e pennate di conifere e araucaria soffrono della nota peste della cocciniglia, insetti bianchi immobili che vivono sui fusti e sui giovani rami e ne succhiano la linfa, indebolendo progressivamente l’albero.

I campioni interessati vengono trattati con materiali fitosanitari attivi (come Pyriproxyfen 10%) o con saponi di potassio ad alta pressione.

Malattie

Tra le malattie più comuni ci sono quelle del collo, che colpiscono i canali di circolazione della linfa e seccano interi rami. Il fungo più noto è la Phytophthora,  che attualmente colpisce una percentuale molto alta di specie di araucaria in America, soprattutto in Cile.

Questo fungo avanza in condizioni di elevata umidità nel terreno, quindi è necessario evitare ristagni idrici e mancanza di ossigenazione del mezzo con terreni ad alto drenaggio.

Per il suo combattimento, i trattamenti alla radice di rame non offrono un’alternativa molto promettente, essendo Fosetil Aluminium il trattamento che funziona meglio.

Potatura

In genere questo tipo di specie non necessita di potatura, a meno che non sia necessario asportare i rami colpiti (ad esempio dal fungo commentato al punto precedente), che puntano verso il suolo o si intersecano.

Le specie non piramidali che sviluppano una chioma tonda possono eliminare progressivamente i rami inferiori, dando l’aspetto di un tronco pulito, come avviene con la varietà Araucaria angustifolia.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.